Articoli

WRC Spagna: la strategia vincente di Sébastien Loeb

Sébastien Loeb ha vinto la sua prima gara di WRC oltre cinque anni dopo aver appeso il casco rallystico al chiodo in un palpitante finale a Rally Racc Catalunya in Spagna. Quella del 28 ottobre sarà un’altra storica giornata, grazie al Cannibale francese. Il nove volte campione del mondo, che ha fatto la sua ultima apparizione nella stagione con la Citroën Racing, ha sconfitto il detentore del titolo Sébastien Ogier per 2”9 secondi in un intenso finale nell’unico rally stagionale a superficie mista. Quattro giorni di gara pazzeschi.

La consolazione di Sebastien Ogier è stata la riconquista del titolo in campionato per tre punti su Thierry Neuville e una gara rimanente. Il belga si è retrocesso dal terzo al quarto posto e ha perso punti cruciali, dopo aver colpito una pietra vicino al traguardo. Loeb, che si è ritirato dalla competizione a tempo pieno nel 2012, non saliva sul podio dei vincitori dal Rally di Argentina 2013. Terzo durante la notte, rileva il comando vincendo le due PS di apertura della domenica, mentre una scelta ispirata di pneumatici lo pagava pienamente.

Ogier è arrivato dietro Loeb, ma comanda il WRC

Le strade asfaltate si sono asciugate rapidamente dopo la pioggia durante la notte e il quarantaquattrenne francese è stato l’unico pilota a scommettere sulle gomme a mescola dura Michelin, che hanno fornito un grip migliore rispetto all’opzione più morbida preferita dai suoi rivali. Loeb ha gettato via secondi vitali con una rotazione nella penultima PS e ha permesso ad Ogier di avvicinarsi pericolosamente con la Ford Fiesta. Ha resistito per la prova finale di 14,50 chilometri per la sua nona vittoria spagnola.

“Le informazioni che avevamo dal team meteo erano corrette. Le strade si stavano asciugando e sapevo che se avessi usato gomme dure in queste condizioni avrei potuto essere più veloce”, ha detto Sébastien Loeb. “Vincere dopo quasi sei anni è incredibile, ma farlo in una battaglia come questa, dove scopri solo dopo il traguardo che hai vinto, è ancor più incredibile. Non ho mai creduto di poter vincere di nuovo”. Gli errori di scelta delle gomme all’inizio dell’evento costano caro a Ogier, ma la notevole lotta per il titolo di questa stagione oscilla a suo favore da quando Neuville ha colpito un sasso vicino al traguardo.

Neuville è arrivato quarto, ha perso punti preziosi

L’impatto con la pietra ha rotto la ruota posteriore destra della Hyundai i20 di Neuville e ha permesso a Elfyn Evans, compagno di squadra di Ogier, di strappare il terzo posto e aiutare la corsa al titolo del compagno di squadra. Uno scudiero perfetto. Evans ha chiuso a 0”5 da Neuville. Dani Sordo ha riportato un ulteriore ritardo di 1”6 secondi in quinta posizione, mentre il primo leader Ott Tänak ha recuperato al sesto posto dopo la foratura di ieri.

L’estone ha 23 punti di vantaggio su Ogier e con un massimo di 30 disponibili all’ultimo round, le sue speranze sono appese a un filo. Esapekka Lappi ha chiuso settimo davanti al compagno di squadra con l’altra Toyota Yaris e leader della notte Jari-Matti Latvala. Il finlandese è rimasto in seconda posizione fino a quando non ha colpito una barriera nella penultima tappa, ha bucato la sua gomma anteriore sinistra e ha perso quasi 50”.

La Volkswagen Polo GTI R5 esordisce allo shakedown

Volkswagen ha fatto ufficialmente debuttare la Polo GTI R5 in gara, con il miglior tempo di Petter Solberg e Veronica Engan e al secondo piazzamento di Eric Camilli e Benjamin Veillas. L’attesissima prima resa dei conti con la forte opposizione sullo shakedown al Rally di Spagna ha visto la nuova vettura clienti aprire la strada: le due Polo da 272 cavalli hanno concluso a 1,3 secondi dalle altre vetture del WRC 2. Lo shakedown si è svolto su un mix di ghiaia e asfalto di due chilometri.

‘È stato fantastico iniziare un nuovo progetto con buoni risultati’, ha detto il direttore Volkswagen Motorsport Sven Smeets. ‘Tuttavia, non possiamo festeggiare per un risultato positivo allo shakedown. Attendiamo con impazienza il primo vero scontro diretto con gli avversari. Tutti i membri del team sono molto motivati, soprattutto perché abbiamo ricevuto un caloroso bentornati dalla famiglia del WRC dopo due anni di assenza. Sono riaffiorati molti bei ricordi’.

Citroen Sport è pronta per la sfida al Catalunya

Rispettivamente quarti e settimi in uno shakedown molto diverso dal rally vero e proprio, Sebastien Loeb e Daniel Elena e Craig Breen e Scott Martin hanno confermato di essere pronti per l’unica prova mista della stagione, così come Khalid Al Qassimi e Chris Patterson. Poco rappresentativo delle difficoltà in programma per questo fine settimana, lo shakedown di oggi (2,00 km) del Rally di Catalunya, che prevedeva una parte su terra e una su asfalto, è servito soprattutto per effettuare gli ultimi controlli sulle auto e dare agli equipaggi la possibilità di familiarizzare con la gara.

Per Sébastien Loeb e Daniel Elena è stato un crescendo che li ha portati al quarto posto, segno che non hanno perso smalto dall’ultima partecipazione in Corsica. Siglando il tempo più veloce al primo giro (risultato sempre particolarmente significativo), Craig Breen e Scott Martin hanno confermato di avere ottime possibilità, nonostante la settima posizione finale. Khalid Al Qassimi e Chris Patterson hanno completato quattro passaggi, con l’obiettivo di accumulare chilometri e ottenere informazioni utili alla gara.

Quest’anno il rally vede il ritorno della super speciale d’apertura (3,20 km) lungo le strade di Barcellona, prevista questa sera per la gioia dei tantissimi aficionados catalani che accorreranno in massa. Ma la sfida vera e propria inizierà domani, con la tappa più lunga del week-end (144,88 km in 6 PS) su terra, dove Craig Breen, Sébastien Loeb e Khalid Al Qassimi partiranno rispettivamente in ottava, undicesima e dodicesima posizione: in programma, in particolare, due passaggi della temibile PS La Fatarella – Vilalba (38,85 km) con oltre sei chilometri di asfalto da affrontare con pneumatici da terra…