Articoli

Lo Slalom di Campobasso premia Emanuele

Lo Slalolm di Campobasso-Memorial Gianluca Battistini, 90 i piloti al via della ventisettesima edizione. Salvatore Venanzio il più veloce di tutti dopo la manche di ricognizione. Sotto un cielo che, minuto dopo minuto, andava coprendosi e, sul finale, ha “regalato” anche qualche goccia di pioggia, Salvatore Venanzio, su Radical SR4 Suzuki, ha siglato il miglior tempo al termine della manche di ricognizione della gara molisana, valida come seconda prova del Campionato Italiano, organizzata dall’Automobile Club Campobasso e della famiglia Battistini.

Il campione campano ha chiuso davanti a tutti piazzando il tempo di 2’26” e 87 centesimi, 2,65 secondi più veloce di Fabio Emanuele. Il pilota di casa, al via su Osella PA 9/90 motorizzata Alfa Romeo precede sulla linea del traguardo Saverio Miglionico su Radical SR4 Suzuki. Nonostante il clima incerto che sarà uno dei temi della giornata e condizionerà le scelte di gomme e di assetto, numero il pubblico lungo l’intero percorso allestito e messo in sicurezza dall’Aci che su questo tema si dimostra sempre molto attenta affinché lo spettacolo dei motori offerto sia sempre una festa per tutti.

Poi, però, in gara Fabio Emanuele è tornato al successo nella gara della sua città, nel 2012 l’ultima affermazione davanti al pubblico amico. Nel ventisettesimo Slalom Città di Campobasso – Memorial Gianluca Battistini il driver della Campobasso Corse a bordo della sua Osella PA 9/90 motorizzata Alfa Romeo ha conquistato il successo con il crono di 2’28” e 49 centesimi, ottenuto nella seconda manche.

Secondo posto per Saverio Miglionico su Radical SR4 Suzuki, anche per il pilota lucano il miglior tempo nella seconda salita, dietro ad Emanuele di due secondi e dodici centesimi. A chiudere il podio della manifestazione molisana, organizzata dall’Aci Molise e dalla famiglia Battistini, il giovanissimo Michele Puglisi su Radical ProSport, 2’31” e 07 centesimi il suo tempo ottenuto nella prima manche. Il driver siciliano si è consolato con il primo posto tra gli Under 23 in gara. Ai piedi del podio assoluto Salvatore Venanzio su Radical SR4 Suzuki, con il tempo siglato sulla terza manche unica senza penalità per lui. Quinta posizione per il quatto volte campione italiano Luigi Vinaccia su Osella Pa 9/90 motore Honda.

Un lungo pomeriggio tra le curve della “gildonese”, affollate da tanti spettatori per assistere alla gara valida come seconda prova del campionato italiano slalom. Manche di ricognizione sotto un cielo che, minuto dopo minuto, andava coprendosi e, sul finale, ha “regalato” anche qualche goccia di pioggia. Nella prima manche è il giovanissimo driver siciliano Michele Puglisi, su Radical Prosport il più veloce di tutti 2’31” e 07 centesimi il suo tempo. Seconda piazza per Fabio Emanuele che ha fermato il cronometro sul tempo di 2’31” e 52 centesimi.

Venanzio durante le ricognizioni
Salvatore Venanzio durante le ricognizioni

Lotte entusiasmanti in tutta la top ten

Alle spalle della Osella PA 9/90 motorizzata Alfa Romeo del campione di casa, quella con motore Honda di Luigi Vinaccia, terzo a quasi cinque secondi. Fabio Emanuele davanti a tutti nella seconda salita, il pilota di casa ha piazzato il miglior crono a 2’28” e 49 centesimi. Il driver della scuderia Campobasso Corse spinto dagli applausi di un pubblico mai come in questa edizione così presente e caloroso lungo l’intero percorso di gara, con la sua Osella PA 9/90 Alfa Romeo ha preceduto di 2” e 12 centesimi Saverio Miglionico su Radical SR4 Suzuki.

A una manciata di centesimi il campione campano Luigi Vinaccia, con 156,68 punti. Spazio alla terza ed ultima manche per assegnare il successo di tappa e aggiungere punti nella classifica assoluta. A Salvatore Venanzio l’ultima salita di giornata, il pilota campano ha trova finalmente una manche senza penalizzazioni con il tempo di 2’31” e 29 centesimi, a 5” e 60 dalla Radical SR4 Suzuki del vincitore di manche quella di Eugenio Barbone, venticinque centesimi più veloce di Alberto Scarafone su una Formula Gloria Suzuki. Saverio Miglionico e Fabio Emanuele hanno pagato entrambi 10 punti di penalizzazione per un birillo toccato in una delle 16 postazioni di rallentamento posizionate lungo il percorso di gara.

Premiato il podio assoluto spazio alle classifiche di gruppo, tra gli E2Silhouette vittoria per Antonio Varricchione su Fiat 126 Suzuki, nel gruppo E1 Italia primo classificato Valerio Magliano su Peugeot 106 GTI, in gruppo S vittoria per Marcello Bisogno su Fiat 127, tra le bicilindriche affermazione per Francesco Mascolo al volante di una Fiat 500, due Peugeot 106 guidano i rispettivi gruppi: tra gli N quella di Benedetto Guarino e nel gruppo A quella di Paolo Battiato. Nella classifica di scuderia primo posto per la “Progetto Corsa Promo Sport” davanti alla Campobasso Corse, terza piazza per la scuderia Vesuvio.

Grande soddisfazione per l’Automobile Club Campobasso e la famiglia Battistini, la ventisettesima edizione è stata un successo di numeri: 94 i drivers iscritti alla kermesse molisana, in tantissimi hanno affollato il tracciato sostenendo i beniamini di casa ed applaudendo tutti i partecipanti. Il lungo week end automobilistico è terminato nei locali della Cantina Valtappino che, anche quest’anno ha ospitato sia le verifiche sportive e tecniche del sabato che la cerimonia di premiazione della domenica.

La manifestazione molisana rappresenta un appuntamento automobilistico ma l’occasione per ricordare il giovane molisano Gianluca Battistini, grande appassionato di motori. Toccante l’intervento della famiglia Battistini affidato alla madre Tecla Vitale, che ha ricordato il figlio. L’ACI Campobasso archiviato lo Slalom ha già la mente rivolta alla ventiquattresima edizione del Rally del Molise in programma il 5 e 6 ottobre 2019.