Articoli

Coppa Rally di Zona 7, 8 e 9 pronte per la volata finale

Ora si entra nella fase clou della Coppa Rally Aci Sport di Zona 2019. Al rientro dalla pausa estiva infatti sono molti i rally che torneranno ad animare la nuova competizione nazionale che coinvolge capillarmente tutta la penisola italiana. Ognuna delle 9 Zone che compongono il CRZ si appresta infatti a vivere la fase cruciale, quella conclusiva che servirà ad incoronare i vincitori di Zona.

Ma soprattutto offrirà i verdetti definitivi per quanto riguarda la qualificazione alla Finale Nazionale attesa a ottobre a Como nel 38° Trofeo Aci Como. Ecco il percorso affrontato e i migliori piloti nelle rispettive classifiche assolute del territorio compreso tra centro e sud Italia di Zona 7, Zona 8 e Zona 9. Delle Zone 1, 2 e 3 ne abbiamo parlato qui. Delle Zone 4, 5 e 6 ne abbiamo parlato qui

Lazio-Molise-Abruzzo-Campania-Puglia-Basilicata-Calabria Zona 7

Gare disputate: Rally Città di Casarano (14 aprile coeff. 1) – Rally Terra di Argil (5 maggio coeff. 1) – Rally del Salento (2 giugno coeff. 2) – Rally di Roma – Città di Pico (21 luglio coeff. 2)

Gare da disputare: Rally Porta del Gargano (8 settembre coeff. 1,5) – Rally del Molise (6 ottobre coeff. 1)

Piuttosto combattuta la battaglia che comprende una delle zone più ampie dell’intero circuito del CRZ. La Zona 7 è appunto composta da 7 diverse regioni, l’intera sezione centro-meridionale dello stivale. Un ingrediente che aiuta a rendere ancora più interessante la corsa alla classifica assoluta, che al momento vede al primo posto Gianluca D’Alto.

Il pilota salernitano ha iniziato con un buon bottino di punti al Rally Città di Casarano, prima di centrare una pesante vittoria al Rally Terra di Argil sulla Skoda Fabia R5 insieme a Mirko Liburdi. Grazie al risultato ottenuto al Rally di Roma Capitale – Città di Pico D’Alto si è portato a quota 26,5 in vista degli ultimi due round. Dietro di lui il biellese Corrado Pinzano a 20,25 con la vittoria al Rally del Salento, quindi a pari merito Gianni Gravante con Gino Abatecola che ha firmato la gara di casa al Rally di Pico sulla Skoda Fabia R5 di Erreffe Rally Team – Bardahl.

Un passaggio fondamentale per la Zona 7 sarà il prossimo Rally Porta del Gargano, gara a coefficiente 1,5, quindi si chiuderà in bellezza con il Rally del Molise a inizio ottobre.

Sicilia Zona 8

Rally disputati: Rally dei Nebrodi (14 aprile coff. 1) – Rally Targa Florio (12 maggio coeff. 2) – Rally dei Templi (2 giugno coeff. 1) – Rally di Caltanisetta (annullato 30 giugno coeff 1,5) – Rally del Tirreno (11 agosto coeff. 1,5)

Gare da disputare: Rally Valli del Soxio (29 settembre coeff. 1)

Si deciderà al fotofinish la questione che riguarda la corsa all’assoluta del CRZ in Sicilia. Il percorso della Zona 8 propone quattro rally già affrontati, oltre all’annullato Rally di Caltanisetta. In cima alla graduatoria c’è Carmelo Galipò, insieme al navigatore Tino Pintaudi, che ha saputo indirizzare subito le sorti della Zona 8 grazie alla vittoria nella gara d’apertura al Rally dei Nebrodi.

La Skoda Fabia R5 di Nebrosport ha portato il pilota santangiolese anche a centrare il secondo posto nel Rally Targa Florio, valido per il CRZ, alle spalle dell’altra Fabia R5 di Fabio Angelucci e Giovanni Lo Neri. Il romano e il naviga messinese con la Skoda Fabia R5 del team Step Five Motorsport hanno segnato a referto soltanto il punteggio ottenuto sulle strade delle Madonie. Risultato che gli vale comunque la seconda posizione di Coppa. Completa la Top 3 assoluta Andrea Nastasi con un andamento costante che lo ha portato sempre a punti.

Unica accezione dell’ultima apparizione al Rally del Tirreno dove non è riuscito a confermarsi tra i migliori nonostante una buona prova al volante della Renault Clio R3C. Tirreno che ha invece proposto in testa uno dei nomi più illustri nel panorama rallistico dell’Isola, vale a dire Totò Riolo, arrivato alla vittoria insieme a Gianfranco Rappa su Skoda Fabia R5.

Sardegna Zona 9

Rally disputati: Rally dei Nuraghi e del Vermentino (31 marzo coeff. 2) – Rally Parco Geominerario (19 giugno coeff. 1,0)

Gare da disputare: Rally Terra Sarda (6 ottobre coeff. 1,5)

Classifica particolare quella che riguarda invece la Zona 9. La Sardegna infatti è l’unica sezione del CRZ che si basa su tre gare. Una battaglia concentrata che al momento vede Stefano Guerra e Silvio Stefanelli al comando della graduatoria provvisoria con 20 punti. Il massimo del punteggio disponibile portato a casa nell’appuntamento inaugurale del Rally Vermentino a fine marzo, vinto dalla coppia sanmarinese al volante di Ford Fiesta R5 del Team Movisport.

Crescono invece le quotazioni di Auro Siddi. L’esperto pilota selargino ha conquistato punti in entrambi i round disputati nella Zona. Grazie all’ultimo gradino del podio nel Rally dei Nuraghi e Vermentino su Skoda Fabia R5 affiancato da Marco Corda e il quarto posto raccolto nel Rally Parco Geominerario della Sardegna su Ford Fiesta R5 con Giuseppe Maccioni, ora Siddi può pensare di completare l’opera Rally Terra Sarda. Il terzo posto dell’assoluta è quindi occupato da Francesco Marrone e Francesco Fresu, secondi al Vermentino su Peugeot 208 T16 R5 e ora a quota 16,25 punti.

Sarà quindi decisivo l’ultimo episodio atteso a ottobre nel Rally Terra Sarda con coefficiente 1,5.