Articoli

WRC, Tanak e la Toyota trionfano in Finlandia

È Ott Tanak il vincitore della sessantanovesima edizione del Rally di Finlandia. Per l’estone è la quarta vittoria stagionale, la ventunesima della sua carriera. Una imposizione frutto di una guida pulita e autorevole, che dimostra il talento dell’alfiere di casa Toyota.

“Sono felicissimo, è stato un weekend fantastico. La pausa estiva è arrivata al momento giusto, dopo le fatiche della Sardegna ero stanchissimo. Ci sono ancora cinque rally da correre e tanto da lavorare. Basta continuare così!”

Secondo Esapekka Lappi, contendente più temibile per la leadership di Tanak almeno fino all’allungo decisivo sulle ultime prove del sabato. “Sono contento per il Team. Durante questa stagione non ero ancora riuscito a portare alcun risultato, perciò avercela fatta mi rende pieno di gioia!”. Terzo Jari-Matti Latvala, la cui posizione aiuta a coronare un ottimo weekend per il Toyota Gazoo Racing Team di Tommi Makinen.

Punti d’oro per Neuville

L’ultima prova, il secondo passaggio sulla Ruuhimaki, chiude l’evento. Come tradizione si tratta di Power Stage, con punti in palio per i primi cinque. A conquistare i cinque punti è Ott Tanak, che mette così la ciliegina sulla torta. Quattro punti per Thierry Neuville, che chiude col sorriso un Finlandia tribolato. Tre punti per Mikkelsen, due per Ogier, uno per Latvala.

WRC, l’allegro Andreas

Oltre al terzetto di testa, il Rally di Finlandia restituisce gioie e dolori anche nei piazzamenti minori. Quarto è il convincente Andres Mikkelsen, che vince il testa a testa contro il costipato Sebastien Ogier: “Un quarto posto che per me vale tantissimo. – afferma il norvegese – Ho sempre avuto problemi in Finlandia e riuscire a capire come affrontare queste strade al meglio mi fa sentire come se fossi tornato indietro nel tempo!”. “Non è stato un Rally semplice per noi – sentenzia l’iridato Ogier – non ero al meglio ieri e questo ha peggiorato ulteriormente le cose”.

Sesto posto per Neuville, che precede il neo compagno di squadra Craig Breen, che a fine gara si abbandona alle emozioni: “Sono davvero contento di essere tornato a questo livello. Ci sono stati momenti bui durante l’ultima stagione, ma grazie ad alcune persone che mi sono venute in soccorso sono riuscito a tornare in me. A loro sarò per sempre grato.”

Ultimo classificato Teemu Suninen, che dimostra tutta la sua insoddisfazione per quanto fatto dalla Ford durante questo weekend: “Non saprei dire come sia andato davvero, perché non ho un cinque volte campione del mondo come compagno di squadra. Sono stato due minuti più veloce di Greensmith, ma non è stato abbastanza. Dobbiamo sicuramente lavorare ancora tanto.”

Delusione per Kris Meeke, ritiratosi una prima volta sulla PS15 e per una seconda volta sulla PS22. La condotta di gara dell’inglese, spettacolare ma inefficace, ha fatto infuriare il Team Principal Tommi Makinen, che ha mostrato tutto il suo disappunto in un intervista rilasciata ad Autosport: “Penso che sia Jari-Matti che Kris si siano dimenticati quale fosse l’obiettivo per questo Rally. Si era detto di non inseguire Ott, di guidare e di concentrarsi sulla propria guida. Messo il casco, pare si siano dimenticati tutto”. Se per quanto riguarda il finlandese la missione può dirsi comunque compiuta, Meeke è rimasto nel tabellino dei ritirati. Starà al quattro volte campione del mondo fare le giuste valutazioni.

WRC 2 e R5, magnifico Kalle

Tra le R5 trionfo di Kalle Rovanpera, che domina una gara funestata da incidenti e guasti che cancellano la pericolosità di pretendenti come Pietarinen (fuori sulla PS2) e Lindholm (fuori sulla PS18, poi rientrato). Il figlio d’arte termina la gara con un vantaggio di ben 4’47” sul secondo di WRC2 Pro Eric Camilli (Ford Fiesta R5 MK2) e di 2’34” dal primo delle WRC2 private Nikolay Gryazin. “Abbiamo un buon passo in tutti i Rally, vincendo sia su asfalto che su terra. Siamo davvero soddisfatti”, ha affermato il finlandese all’arrivo della Power Stage. Chiude decimo tra le R5 e venticinquesimo assoluto l’equipaggio italiano Miele – Beltrame, una buona prima volta dopo la gara test dell’AutoGlym Ralli di Tampere.

JWRC, Kristofferson resiste e vince

Dopo l’incidente di Poom sull’ultima speciale del sabato, il Junior WRC pareva potersi stabilizzare, almeno nei risultati. Tuttavia, sulla PS21 la Ford Fiesta R2T tradisce il secondo di classe Dennis Radstrom, che è costretto a ritirarsi per un guaio meccanico. Ne approfitta Jan Solans, che agguanta la piazza d’onore all’ultimo respiro. Primo Tom Kristofferson, autore di un Rally maiuscolo che li permette di accorciare in classifica generale sullo spagnolo. Enrico Oldrati termina sesto di JWRC e decimo di R2T.

Classifica Finale Neste Rally Finland

1.8O. TÄNAK2:30:40.3
2.4E. LAPPI2:31:05.9+25.6+25.6
3.10J. LATVALA2:31:13.5+7.6+33.2
4.89A. MIKKELSEN2:31:33.7+20.2+53.4
5.1S. OGIER2:31:36.4+2.7+56.1
6.11T. NEUVILLE2:32:12.7+36.3+1:32.4
7.42C. BREEN2:32:18.5+5.8+1:38.2
8.3T. SUNINEN2:33:14.1+55.6+2:33.8
9.21K. ROVANPERÄ2:38:34.4+5:20.3+7:54.1
10.44N. GRYAZIN2:41:09.0+2:34.6+10:28.7
11.49J. HUTTUNEN2:41:23.0+14.0+10:42.7
12.48J. KRISTOFFERSSON2:43:12.8+1:49.8+12:32.5
13.24E. CAMILLI2:43:21.4+8.6+12:41.1
14.41P. LOUBET2:47:53.5+4:32.1+17:13.2
15.45H. SOLBERG2:51:55.8+4:02.3+21:15.5
16.91T. ASUNMAA2:55:06.2+3:10.4+24:25.9
17.72T. KRISTENSSON2:55:17.2+11.0+24:36.9
18.71J. SOLANS2:56:45.2+1:28.0+26:04.9
19.18J. VIRTANEN2:57:45.3+1:00.1+27:05.0
20.98J. TUURI2:58:29.4+44.1+27:49.1

CLASSIFICA PILOTI

1.Ott TÄNAK180
2.Sébastien OGIER158
3.Thierry NEUVILLE155
4.Elfyn EVANS78
5.Andreas MIKKELSEN71
6.Teemu SUNINEN66
7.Kris MEEKE60
8.Esapekka LAPPI58
9.Jari-Matti LATVALA56
10.Dani SORDO52

CLASSIFICA COSTRUTTORI

1.HYUNDAI SHELL MOBIS WORLD RALLY TEAM Hyundai262
2.TOYOTA GAZOO RACING WRT Toyota238
3.CITROEN TOTAL WRT Citroen198
4.M-SPORT FORD WORLD RALLY TEAM Ford158

WRC Finlandia, Latvala insidia Lappi

La giornata di ieri ha instradato il fu 1000 Laghi su un sentiero definito. Con Meeke fuori dai giochi e Latvala ridimensionato, è Ott Tanak il primo pretendente alla vittoria finale. Tuttavia, Esapekka Lappi non ci sta, insidiando l’estone prova dopo prova. Infiammata anche la lotta per le altre posizioni, che vedrà termine oggi sulle quattro brevi prove speciali mattutine, coronate dalla ormai tradizionale Power Stage.

PS20, il risveglio di Ogier

L’alba finnica illumina le strada della PS Laukaa, la ventesima, di 11.75 km. Il miglior tempo spetta al leader Ott Tanak, ma la sorpresa la regala Sébastien Ogier, secondo a 1″1, ripresosi dopo le difficoltà di ieri. “Mi sento molto meglio di ieri, cerco di divertirmi e spingere fino al termine della gara“. Terzo in prova Latvala sulla seconda Toyota (3″1), mentre è quarto Mikkelsen, che accusa problemi al cambio senza i quali “sarebbe stato al passo con Ogier”. Quinto e sempre più lontano da Tanak, Esapekka Lappi, che perde ulteriori 3″6 secondi dall’estone e vede allontanarsi i sogni di rimonta; stessa antifona per Craig Breen, sesto nella speciale (+5″6) e nell’assoluta, ormai lontano da Ogier e Mikkelsen. Tra le due Ford riecco Kris Meeke, rientrato in gara ma senza motivazioni alcune.

Classifica Generale (Dopo PS20)

1.8O. TÄNAK2:14:19.1
2.4E. LAPPI2:14:39.1+20.0+20.0
3.10J. LATVALA2:14:50.0+10.9+30.9
4.89A. MIKKELSEN2:15:12.3+22.3+53.2
5.1S. OGIER2:15:13.3+1.0+54.2
6.42C. BREEN2:15:23.8+10.5+1:04.7
7.11T. NEUVILLE2:15:46.1+22.3+1:27.0
8.3T. SUNINEN2:16:34.8+48.7+2:15.7
9.33G. GREENSMITH2:18:43.6+2:08.8+4:24.5
10.21K. ROVANPERÄ2:21:12.1+2:28.5+6:53.0

PS21, Latvala riapre la sfida

La prova numero ventuno del Neste Rally Finland completa l’itinerario dell’evento. La Ruuhlmäki è una prova veloce dal fondo sabbioso con vari cambi di aderenza insidiosi. Aumenta di uno il numero dei ritiri tra le WRC Plus, con Gus Greensmith che mette fine ad un fine settimana tribolato nel peggiore dei modi. Parlando di timing, a far segnare il tempo migliore è Jari-Matti Latvala, che non solo vince, ma guadagna ben 3″6 su Lappi, quinto, e riapre la lotta per il secondo posto a sole due prove dalla fine del Rally. Secondo Andreas Mikkelsen, a sette decimi da Latvala ed anche (di vantaggio) da Ogier: al momento, tra il norvegese e il francese c’è un solo secondo e sette decimi di distacco. Le ultime due prove decideranno chi conquisterà il quarto posto. Tra questi non ci sarà con tutta probabilità Craig Breen, che afferma di “Non avere il passo per superare Ogier e di pensare solo a finire il Rally”. Tra gli altri, Neuville è quinto (+2″0 da Latvala), Meeke ottavo (+5″9) e Suninen nono (+7″8).

Classifica generale (Dopo PS21)

1.8O. TÄNAK2:19:51.6
2.4E. LAPPI2:20:13.6+22.0+22.0
3.10J. LATVALA2:20:20.9+7.3+29.3
4.89A. MIKKELSEN2:20:43.9+23.0+52.3
5.1S. OGIER2:20:45.6+1.7+54.0
6.42C. BREEN2:20:59.3+13.7+1:07.7
7.11T. NEUVILLE2:21:19.0+19.7+1:27.4
8.3T. SUNINEN2:22:13.5+54.5+2:21.9
9.21K. ROVANPERÄ2:27:03.0+4:49.5+7:11.4
10.44N. GRYAZIN2:29:35.9+2:32.9+9:44.3

PS22, Meeke ancora out

Il secondo passaggio su Laukaa vede anche la seconda uscita di strada per Kris Meeke, coronando così un weekend da dimenticare. Rogne anche per Craig Breen, che arriva al C.O. (Controllo Orario) due minuti in ritardo e subisce 20 secondi di penalità nella classifica assoluta, venendo così scavalcato da Thierry Neuville.

La vittoria della speciale va ancora a Andreas Mikkelsen, protagonista in positivo grazie ad una guida solida e veloce. Secondo Lappi a quattro decimi, che riporta il distacco da Latvala a 8″6 e ipoteca il secondo posto. Ogier è terzo, subendo mezzo secondo di distacco dal norvegese di casa Hyundai e arrivando alla Power Stage con 2″2 di differenza. Tanak è quarto, gestendo il vantaggio con autorevolezza. Neuville è sesto (+5″6), Suninen settimo (6″4).

Classifica Generale (Dopo PS22)

1.8O. TÄNAK2:25:16.0
2.4E. LAPPI2:25:37.1+21.1+21.1
3.10J. LATVALA2:25:45.7+8.6+29.7
4.89A. MIKKELSEN2:26:07.0+21.3+51.0
5.1S. OGIER2:26:09.2+2.2+53.2
6.11T. NEUVILLE2:26:47.7+38.5+1:31.7
7.42C. BREEN2:26:50.0+2.3+1:34.0
8.3T. SUNINEN2:27:43.0+53.0+2:27.0
9.21K. ROVANPERÄ2:32:45.4+5:02.4+7:29.4
10.44N. GRYAZIN2:35:17.4+2:32.0+10:01.4

Finlandia Day 3, Lappi non pecca, ma Ott è volante

Ott Tanak convince prova dopo prova. Riuscirà l’estone, con l’aiuto dell’esperto alfiere Latvala, a tenere dietro l’arrembante Esapekka Lappi su Citroen C3?

PS18, Lappi non molla

Secondo e ultimo passaggio sui 18.70 chilomentri della Kakaristo per la truppa mondiale. Verso il finale ogni metro diventa decisivo e Esapekka Lappi lo sa, facendo segnare il miglior crono della prova e dimostrando che mollare non è un opzione, nonostante “gomme ormai sulle tele”. Staccato di soli cinque decimi Ott Tanak, più concentrato sulla pulizia della guida che sull’attaccare. Mantiene la posizione Latvala sulla seconda Yaris, quarto sulla PS a 5″6 e sempre terzo in generale. Si rimischiano le carte nella sfida per il quarto posto. Mikkelsen (terzo a 2″5 da Lappi) mette la freccia e stacca Seb Ogier, quinto, di 3″2. Questo permette al norvegese di superare ancora il francese nella generale, tornando quarto di soli quattro decimi. Stesso distacco per Craig Breen, che perde terreno ritrovandosi a 5″1 dal compagno di team. Sempre sottotono la Hyundai numero 11 di Thierry Neuville (ottavo a 10″3), ancora scavalcato da Suninen (settimo a 7″5) anche a causa di “qualche problema al retro dell’auto“.

Classifica della Prova (Dopo PS18)

1.8O. TÄNAK2:03:26.4
2.4E. LAPPI2:03:40.3+13.9+13.9
3.10J. LATVALA2:03:53.9+13.6+27.5
4.89A. MIKKELSEN2:04:17.0+23.1+50.6
5.1S. OGIER2:04:17.4+0.4+51.0
6.42C. BREEN2:04:22.1+4.7+55.7
7.11T. NEUVILLE2:04:45.2+23.1+1:18.8
8.3T. SUNINEN2:05:26.3+41.1+1:59.9
9.33G. GREENSMITH2:07:26.0+1:59.7+3:59.6
10.21K. ROVANPERÄ2:09:42.4+2:16.4+6:16.0

PS19, l’assolo di Mikkelsen

Con il secondo passaggio sulla Leustu finisce il terzo giorno del Rally di Finlandia. Sui 10.50 km della prova a primeggiare è Andreas Mikkelsen, che stacca Ott Tanak di un decimo. “Siamo lì a lottare! Non vedo l’ora sia domani”, afferma il norvegese che consolida la quarta posizione, guadagnando 2″2 su un Ogier che, candidamente, ammette di essere “Un morto che cammina” e di “non vedere l’ora di essere nel letto”. Si prende qualche “rischio di troppo” Craig Breen, che a causa di alcuni errori subisce un distacco di 3″5 dal norvegese della scuderia diretta da Andrea Adamo. Terzo in prova uno scontento Thierry Neuville (sei decimi da Mikkelsen), che chiude la giornata dando allo sporco parte della colpa per le sue prestazioni. Lappi chiude la giornata in calo, segnando il sesto tempo cronometrato a 2″6 da Mikkelsen. Stessa sorte per Latvala, quarto a 1″4.

Classifica Generale (Dopo PS19)

1.8O. TÄNAK2:08:49.4
2.4E. LAPPI2:09:05.8+16.4+16.4
3.10J. LATVALA2:09:18.2+12.4+28.8
4.89A. MIKKELSEN2:09:39.9+21.7+50.5
5.1S. OGIER2:09:42.5+2.6+53.1
6.42C. BREEN2:09:48.5+6.0+59.1
7.11T. NEUVILLE2:10:08.7+20.2+1:19.3
8.3T. SUNINEN2:10:54.7+46.0+2:05.3
9.33G. GREENSMITH2:12:59.1+2:04.4+4:09.7
10.21K. ROVANPERÄ2:15:22.9+2:23.8+6:33.5

Il resoconto della giornata

WRC

Ott Tanak è indubbiamente il migliore della giornata: tranquillo dietro al volante, senza perdere la voglia di primeggiare. Di certo non passeggia, ma corre quel tanto che basta per tenersi alle spalle quell’E.P. Lappi che dimostra piede e testa, come nella miglior tradizione finnica. Latvala, terzo, avrebbe potuto giocarsi la piazza d’onore, ma l’errore sulla prima Kakaristo è costato tanto. Chiedere a Kris Meeke per informazioni: l’inglese stupisce, arrivando ad emozionare, ma a conti fatti non porterà (di nuovo) alcun fieno nella cascina di Tommi Makinen. Interessante la bagarre per il quarto posto, con il bel Mikkelsen che deve guardarsi dall’arrembaggio del costipato Ogier e del rientrante Breen. Al di là dei risultati, tra i tre gode soprattutto il terzo, le cui prestazioni potrebbero convincere Hyundai a darli un sedile della i20 per altri due appuntamenti iridati. Tuttavia, la vittoria sull’ultima speciale concede a Mikkelsen la posizione di vantaggio per affrontare gli ultimi 45 km di domani. Il tutto mentre Neuville, non senza mugugni, sta a guardare dal suo settimo posto. Non festeggiano adeguatamente i 40 anni di Ford Racing Teemu Suninen e Gus Greensmith: il primo cerca di tenere insieme i pezzi con qualche crono interessante, mentre il secondo dimostra ancora la sua inesperienza, ammettendo candidamente che questo Finlandia per lui è “tutta esperienza”.

WRC2 PRO/Privati

Kalle el rey de la calle, direbbero gli spagnoli. La pratica, come il venerdì, è questa: Rovanpera si diverte, domina le strade di casa, concedendo una sola prova a Lindholm (leadership invisibile nella classifica ufficiale, essendo in classi diverse) e mantenendosi a minutate dai suoi più vicini avversari Loubet e Gryazin. Se poi ci si mette anche la fortuna ad annullare i contendenti di Kalle (Lindholm prima fuori col Super Rally poi definitivamente ritirato, Loubet fermatosi sulla PS19 e poi ripartito) la dominazione diventa evidente, ma ricordiamo che la fortuna aiuta gli audaci. Onesto decimo l’equipaggio Mauro Miele – Luca Beltrame.

JWRC

Tom Kristofferson ha messo nel mirino la seconda vittoria stagionale e l’occasione potrebbe essere ghiotta, tenendo conto dell’errore di Solans sulla PS13. Mantengono il passo Radstrom Jr., che rosicchia decimi soprattutto sulla PS18, e Poom, costante almeno fino all’incidente sulla PS19 che lo ha messo fuorigioco. Menzione d’onore per Sami Pajari, protagonista oggi di una vittoria di speciale: nonostante l’uscita di scena, ne sentiremo ancora parlare!

Classifica dopo la Terza Giornata

1.8O. TÄNAK2:08:49.4
2.4E. LAPPI2:09:05.8+16.4+16.4
3.10J. LATVALA2:09:18.2+12.4+28.8
4.89A. MIKKELSEN2:09:39.9+21.7+50.5
5.1S. OGIER2:09:42.5+2.6+53.1
6.42C. BREEN2:09:48.5+6.0+59.1
7.11T. NEUVILLE2:10:08.7+20.2+1:19.3
8.3T. SUNINEN2:10:54.7+46.0+2:05.3
9.33G. GREENSMITH2:12:59.1+2:04.4+4:09.7
10.21K. ROVANPERÄ2:15:22.9+2:23.8+6:33.5
11.44N. GRYAZIN2:17:50.8+2:27.9+9:01.4
12.49J. HUTTUNEN2:18:02.9+12.1+9:13.5
13.24E. CAMILLI2:19:37.1+1:34.2+10:47.7
14.48J. KRISTOFFERSSON2:19:54.0+16.9+11:04.6
15.41P. LOUBET2:24:10.8+4:16.8+15:21.4
16.45H. SOLBERG2:27:39.5+3:28.7+18:50.1
17.72T. KRISTENSSON2:29:36.9+1:57.4+20:47.5
18.73D. RÅDSTRÖM2:30:02.1+25.2+21:12.7
19.71J. SOLANS2:30:48.2+46.1+21:58.8
20.91T. ASUNMAA2:31:31.2+43.0+22:41.8