Articoli

Arriva il Lessinia Rally Historic

Lessinia Rally Historic e LessiniaSport il 15 e 16 febbraio

Manca solo un mese al 1° Lessinia Rally Historic, il rally storico organizzato dal Rally Club Valpantena in programma il 15 e 16 febbraio prossimi, che si correrà in abbinamento al 9° LessiniaSport, l’oramai classica regolarità sport di inizio stagione organizzata dal Rally Club Valpantena. Con l’apertura delle iscrizioni, la macchina organizzativa è entrata nella sua ultima fase, quella totalmente operativa per preparare l’atteso evento che inaugurerà la stagione 2019. La manifestazione disegnata dal sodalizio veronese strizza l’occhio a team, scuderie, piloti del mondo della auto storiche perché grazie alla data e alla conformazione logistica si presenta come un evento perfetto per testare uomini e mezzi in vista della stagione sportiva 2019.

Per quel che riguarda la gara di regolarità, la manifestazione disegnata dal sodalizio veronese sarà ancora una volta l’appuntamento di apertura del Trofeo Tre Regioni 2019, unica serie di Regolarità Sport in Italia. Rally e regolarità, invece, concentreranno l’azione nella giornata di sabato 16 febbraio, mentre venerdì 15 si terranno le verifiche sportive e tecniche. Proprio sui controlli pre-gara la prima importante variazione. Alla luce della concomitanza con la tradizionale Premiazione dei Campioni dell’Automobilistmo 2018 ACI Sport che si terrà a Monza nella stessa giornata il Rally Club Valpantena ha allungato gli orari di verifica a partire dalle ore 11.00 fino alle ore 20.00.

Questa variazione, ancora una volta pensata per i concorrenti, permetterà di poter verificare in una fascia oraria di ben nove ore in base alle singole esigenze di ciascun equipaggio, trattandosi tra l’altro di giorno lavorativo. Come detto, sabato l’azione, su un percorso particolarmente concentrato, nove prove speciali in rapida successione, 60 chilometri di prove speciali a fronte di un totale percorso sotto i 200 chilometri con tratti cronometrati mai oltre i 7.5 chilometri per non affaticare i mezzi e la possibilità di assistenza libera in modo da poter effettuare controlli e regolazioni potenzialmente anche dopo ogni prova. Basti pensare che a Bosco Chiesanuova, Cerro Veronese o in Località Prati, i concorrenti transiteranno più volte, da e per diverse prove cronometrate.

Le speciali sono, tra l’altro, condensate della spettacolarità e tecnicità tipiche delle strade della Lessinia. La “Bosco Chiesanuova” (7,2km) unica ad essere ripetuta per tre volte, percorrerà un tratto classico del rallysmo veronese tra Lughezzano e Bosco, tratto che ha l’onore di essere stato la prima prova speciale nella storia del Rally Due Valli. Leggenda e amarcord in poco più di 7km in salita, stretti e tecnici con una parte finale suggestiva per certi versi simile al Rally di Montecarlo.

Il secondo tratto, “Valdiporro” (7.35 chilometri) darà invece l’impressione si essere dalle parti di Gap. Roccia a sinistra e muretti a destra, in un continuo misto guidato che alcuni rallysti hanno definito “università del rallysmo veronese”. La prova sarà un perfetto mix di discesa e salita, con partenza a ridosso di Bosco Chiesanuova e arrivo a San Francesco.

Breve ma intensa la “Arzerè” (4.7 chilometri), tutta in salita lungo la scenografica e panoramica stretta strada che da Arzerè, appunto, sale fino alle porte di Bosco Chiesanuova. I fotografi saranno sicuramente assiepati nella parte finale dove, se la giornata sarà di sole, il panorama sulla Valpantena è a dir poco mozzafiato.

Sicuramente di classifica sarà la “Orsara” (7.25 chilometri), altra prova inedita di questa edizione. Il primo tratto sarà sicuramente quello più esposto al clima invernale, immerso nel bosco umido da Lughezzano fino appunto all’abitato di Orsara dove i concorrenti attraverseranno per il lungo l’abitato e si getteranno poi in discesa, larga e veloce, fino al bivio di Lugo. Qui nuovamente in salita fino a Corrubio e poi per la velocissima parte finale fino a Prati, a due passi dalla prova di Arzerè.

Quest'anno, la LessiniaSport è abbinata al rally storico

Quest’anno, la LessiniaSport è abbinata al rally storico

Partenza e arrivo saranno come sempre a Bosco Chiesanuova, mentre il parco chiuso, la cerimonia di premiazione e la festa conclusiva aperta a concorrenti e appassionati si terrà per la prima volta al Centro Sportivo Monti Lessini, nuova struttura che ha aperto le porte per il 1° Lessinia Rally Historic e sarà sicuramente il giusto epilogo di una giornata tutta da vivere. Grande ospitalità anche quella riservata anche quest’anno dalla Cantina Valpantena di Quinto di Valpantena, perla imprenditoriale del territorio che ha contribuito al successo vitivinicolo di tutto il territorio. La struttura ospiterà i due riordini.

‘Prima di ogni cosa’ hanno voluto aggiungere Roberto “Bob” Brunelli, Sergio Brunelli, Gian Urbano Bellamoli, Paolo Saletti e Alberto Zanchi, membri del comitato organizzatore, ‘vogliamo specificare che la scelta di abbinare il rally storico a questa edizione del LessiniaSport non è da interpretarsi in alcun modo come uno sgarbo all’essenza della manifestazione e ai tanti equipaggi di Regolarità Sport che ogni anno ci confermano la loro fiducia. La volontà di fare del Lessinia anche un rally storico si è accesa proprio a fronte di molte richieste da parte di concorrenti, e abbiamo così deciso di provarci dato che la logistica della gara si adattava a questa doppia validità’.

E poi: ‘Le gare avranno la stessa importanza, prova ne è che abbiamo deciso ad esempio di creare un sito web unico, di produrre comunicati stampa sempre separati e di considerare in tutto e per tutto le gare nella loro essenza. Siamo sicuri che sarà un weekend di passione, spettacolo e divertimento. Il nostro obiettivo è come sempre quello di unire: unire le generazioni intorno a queste spettacolari vetture storiche da corsa e unire gli anni che passano facendo un salto indietro nel tempo, rivivendo quegli anni d’oro che ci hanno stregato e che ci rapiscono anche oggi’.

Luca Rossetti

Al Tindari Rally passa lo ‘straniero’ Luca Rossetti

Si è confermato un successo pieno il 4° Tindari Rally, il round conclusivo del Trofeo Rally Sicilia che dopo la partenza, sabato 27 ottobre, ha avuto il suo epilogo ancora sul lungomare di Patti Marina, confermandosi in tutta la sua spettacolarità, difficoltà e selettività. Vittoria per Luca Rossetti ed Eleonora Mori primi su un podio tutto Skoda Fabia R5, dove sono stati seguiti dai palermitani Totò Riolo e Gianfranco Rappa e dal giovanissimo equipaggio di casa formato da Alessandro Casella e David Arlotta. Nel 2° Rally Historic Tindari successo per i palermitani di Cefalù Angelo Lombardo e Giuseppe Livecchi su Porsche 911 di 3° Raggruppamento con cui i portacolri Island Motorsport hanno dominato tutte le prove.

Il duo vincitore del 4° Tindari Rally formato dal friulano e dalla co-driver veneta portacolori Promo Sport Racing sulla vettura curata dalla DP Autosport hanno dominato la gara. Rossetti e Mori hanno infatti preso il comando fin dal crono di apertura e lo hanno mantenuto fino al traguardo vincendo 6 delle 7 prove speciali disputate sulle 8 in programma. Efficaci e precise le regolazioni scelte dal tre volte campione europeo, campione italiano e turco prima della gara, che si sono rivelate esatte anche quando a metà gara la pioggia ha stravolto i piani di molti equipaggi e team. Seconda posizione per il tre volte vincitore del Tindari Rally Totò Riolo, il pilota cerdese che ha condiviso la sua Fabia con l’esperto navigatore palermitano Gianfranco Rappa.

La carica di Totò Riolo su Luca Rossetti

L’equipaggio Cst Sport ha lasciato tempo prezioso in un testacoda sulla prima delle due prove in notturna del sabato, mentre sulle rimanenti il duo palermitano ha risalito la corrente fino a portarsi in scia ai leader. Terza meritatissima piazza in casa per i giovanissimi Alessandro Casella e David Arlotta, vincitori della PS7 per la prima volta sulla Skoda Fabia di classe regina, con cui i portacolori del sodalizio organizzatore hanno saputo condurre una gara attenta ma proficua e in continuo crescendo. L’equipaggio ha preso in fretta la giusta familiarità col mezzo, con cui ha respinto gli attacchi del giovane palermitano Alessio Profeta, reduce dal Campionato Italiano Rally, anche lui su Skoda e navigato da Sergio Raccuia, ma con qualche problema d’assetto per l’intera gara, conclusa in quarta posizione. Con la quinta piazza assoluta il messinese della Sunbeam Motorsport Salvatore Armaleo, navigato sula Renault Clio Super 1600 curata dalla Ferrara Motors dal padrone di casa Ivan Vercelli, si è aggiudicato il successo non solo di categoria ma anche tra le due ruote motrici, chiedendo e ricevendo il possibile dalla energica vettura “tuttoavanti”.

A congratularsi con i migliori protagonisti della gara organizzata da CST Sport c‘erano il dieci volte campione del mondo motocross Tony Cairoli, il presidente della Commissione rally Aci Sport Daniele Settimo, il Delegato Regionale Aci Sport Sicilia Armando Battaglia e i rappresentanti della Amministrazioni comunali di Patti, San Piero Patti e Gioiosa Marea. Cairoli ha dovuto abbandonare la gara anzitempo al volante della Skoda Fabia R5 sulla PS 3, per le conseguenze di una toccata: “Pensiamo già alla prossima edizione del Tindari Rally, quando torneremo più agguerriti e l’esperienza di quest’anno ci servirà per capire meglio – ha detto il re del motocross mondiale -; sono affezionato a questa gara, perché amo i rally e questo si corre sulle strade di casa mia. E’ sempre una grande emozione”.

La parola dei protagonisti del Tindari Rally

“Una bella gara, esaltante e per nulla facile – sono state le parole di Rossetti – per noi è stata una gara perfetta dove tutto è andato secondo le previsioni. Le regolazioni della macchina hanno sempre funzionato al meglio, anche nelle condizioni più impegnative. Sapevamo che i nostri avversari non avrebbero regalato nulla”. “Amo le strade del messinese come sono solito affermare – ha dichiarato Riolo -, avevamo scelto delle regolazioni estreme per attaccare subito, ma poi abbiamo fatto qualche passo indietro per via delle condizioni difficili. Siamo riusciti a rimontare dopo il testacoda iniziale e chiudere una competizione difficile e selettiva come questa dietro a un grande Luca Rossetti è certamente un onore”.

“Al via eravamo molto emozionati e anche un po’ nervosi per l’esordio sulla vettura di classe regina, per giunta davanti al pubblico di casa – ha detto Casella -; via via abbiamo preso sempre più confidenza con il mezzo e cercando di non commettere errori siamo riusciti a conquistare questo podio che ci riempie di gioia”. Sulla PS3 ritiro anche per Alfonso Di Benedetto, l’agrigentino che si era portato fino in seconda posizione al volante della Peugeot 207 Super 2000 nelle battute iniziali. Stop dopo la PS 3 anche per il nisseno Roberto Lombardo, pure lui su Peugeot 207 Super 2000.

Da La Torre a Segreto per chiudere la top ten

Sesta posizione al traguardo per il messinese della riviera jonica Giuseppe La Torre, alfiere del Team Phoenix molto divertito e costante al volante della Peugeot 207 Super 2000 curata dalla BR Sport sula quale a leggere le note è stato il giovane nisseno Michele Castelli. Settima piazza per un ritrovato Antonino Armaleo, il pilota messinese tornato al volante della Peugeot 106 dopo 5 anni di pausa, navigato da Marco Zaccone, passato al comando della difficile classe A6 sotto la pioggia della PS 5 respingendo da lì gli attacchi dei concittadini Domenico Viola – Samuele Di Pino e degli esperti agrigentini Gabriele Morreale e Giuseppe Scolaro, entrambi sulle Peugeot 106.

Grandi sfide tra Renault Clio per il successo nella combattuta classe R3C, dove a metà gara gli agrigentini Calogero Quaranta e Alberto Costanza, chiudendo ottavi assoluti grazie a una azzeccata scelta di gomme hanno preso il comando sull’equipaggio di casa Carmelo Molica e Tino Pintaudi, il duo poi 11esimo al traguardo alle spalle dei messinesi del Team del Mago Andrea Nastasi e Giuseppe Stassi, noni, e della decima piazza assoluta, con superlativa prestazione e successo in gruppo N, per l’equipaggio di casa Antonino Segreto e Christian Bartolini che sulla Renault Clio hanno dominato la numerosa e affollata classe N3 per l’intera gara.

Altro appassionante duello per la classe R2B, deciso sotto la pioggia della PS 5 “Moreri” quando l’equipaggio di casa formato da Rosario Siragusano e Federica Campochiaro, su Renault Twingo, ha sferrato l’attacco decisivo, complice la familiarità col tracciato e ha staccato i palermitani Ernesto Riolo e Giorgio Genovese su Peugeot 208, leader fino a quel momento e sempre convincenti. Infine, bella affermazione in classe K10 per i messinesi Giuseppe Arena e Graziano Leardi su Peugeot 106.

La classifica assoluta del Tindari Rally 2018

1. Rossetti – Mori (Skoda Fabia R5) in 41’30”7; 2. Riolo – Rappa (Skoda Fabia R5) a 43”5; 3. Casella – Arlotta (Skoda Fabia R5) a 1’26”0; 4. Profeta – Raccuia (Skoda Fabia R5) a 1’31”0; 5. Armaleo – Vercelli (Renault Clio S1600) a 4’12”3; 6. La Torre – Castelli (Peugeot 207 Super 2000) a 4’28”4; 7. Armaleo – Zaccone (Peugeot 106 R) a 4’59”4; 8. Quarante – Costanza (Renault Clio R3C) a 4’59”9; 9. Nastasi – Stassi (Renault Clio R3C) a 5’00”2; 10. Segreto – Bartolini (Renault Clio Rs) a 5’09”9.

Lorenzo Bertelli

Tuscan Rewind: il programma di gara

Fino al 16 novembre iscrizioni aperte al nono Tuscan Rewind, previsto per il 24 e 25 novembre, una delle più avvincenti ed affascinanti manifestazioni di rally italiane, quest’anno forte della titolarità del Campionato Italiano Rally Terra, del quale è l’ultima prova in calendario. La gara organizzata da Prosevent dopo otto stagioni in cui ha riportato nella provincia di Siena, con base a Montalcino, il movimento rallistico di alto livello, sta dunque per vivere un momento assai importante della propria storia, andando a celebrare il campione tricolore del duemiladiciotto.

Il rally, avrà gli scenari esclusivi della provincia senese, attraversando i comuni di Montalcino e Buonconvento e gran parte delle strade della provincia di Siena. Sarà, come nelle edizioni passate, un evento di ampio rilievo, organizzato nella prestigiosa location dei vini pregiati ed apprezzati a livello internazionale, una zona impegnata a coniugare la salvaguardia del suo ampio patrimonio storico-culturale ed ambientale con la comunicazione di un territorio dai caratteri unici.

Oltre alle vetture “moderne” sono ovviamente riconfermate con convinzione le vetture storiche, quelle con cui la gara è nata e con le quali si vuole proseguire la tradizione. Una tradizione che ha avuto la sua fortuna in virtù di un percorso da sogno, che anche in questa edizione ricalcherà alcune strade utilizzate nel passato dal passaggio del mondiale rally di Sanremo negli anni ottanta.

Prosevent, in considerazione della importante titolarità dell’evento, in questi mesi ha lavorato a braccetto con le amministrazioni locali e con il supporto di molti partner di prestigio e da questo impegno a tutto tondo ne é scaturito un percorso di alto profilo tecnico, composto da otto prove speciali distribuite in due giorni di gara, quattro diverse, per un totale competitivo di 100,300 chilometri sui 262,210 dell’intero sviluppo.

Lo scorso anno la gara venne vinta da Lorenzo Bertelli, affiancato da Simone Scattolin, con una Ford Fiesta WRC, davanti al ceco Jaroslav Orsak, in coppia con Smeidler (Ford Fiesta R5), mentre terzo terminò il già vincitore di quattro edizioni della gara, il trentino Alessandro Taddei (Skoda Fabia R5), con al fianco Gaspari.

Il programma della gara

Sabato 27 ottobre

Apertura iscrizioni

Venerdi 16 novembre

Chiusura iscrizioni

Sabato 17 novembre

09:30/15:00 Distribuzione road book – Enoteca B. Dalmazio – via Trav. dei Monti, 214 – Montalcino (SI)

10:00/13:00 – 15:00/20:00 Ricognizioni del percorso

Venerdi 23 novembre

09:00/15:00 Distribuzione road book – Enoteca B. Dalmazio – via Trav. dei Monti, 214 – Montalcino (SI)

09:30/13:00 – 15:00/23:00 Ricognizioni del percorso

10:30/13:00 Conferenza Stampa – c/o Castello Banfi, Castello di Poggio alle Mura, Montalcino

18:30/19:30 Verifiche amministrative concorrenti iscritti allo shakedown -Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)

19:00/20:00 Verifiche amministrative – Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)

19:30/22:00 Verifiche tecniche concorrenti iscritti allo shakedown – Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)

20:00/22:30 Verifiche tecniche – Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)

Sabato 24 novembre

08:00/11:00 Shakedown – Test con vetture da gara su parte della PS2 “Badia Ardenga”

08:30/09:30 Verifiche amministrative – RECUPERO – Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)

09:00/10:00 Verifiche tecniche – RECUPERO – Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)

14:30 Partenza – Presentazione Equipaggi – Piazza del Popolo – Montalcino (SI) 16:10 Arrivo prima vettura al riordino 1 (Notturno) – Buonconvento (SI)

Domenica 25 novembre

08:00 Uscita 1° vettura al riordino 1 (Notturno) – Buonconvento (SI) – in ordine di classifica

16:30 Arrivo Rally – Cerimonia di premiazione sul palco d’arrivo – Piazza del Popolo – Montalcino (SI)

17:30 Esposizione classifiche – c/o Albo di gara

17:30 Conferenza Stampa Finale – Teatro Comunale – Via Bandi – Montalcino (SI)

Rally Nido dell'Aquila al via

Terra tricolore: pronti per la PS1 del Nido dell’Aquila

Il Campionato Italiano Rally Terra  2018 riparte tra gli applausi. La serie tricolore su terra dedicata agli specialisti del controsterzo è tornata alla ribalta con il Rally Nido dell’Aquila. Dalle ore 19,01 infatti le vetture partecipanti al campionato si sono radunate nello splendido centro della località perugina per il simbolico start di questa edizione 2018 della gara organizzata da Prs Group.

Passerella di presentazione che ha riportato l’attenzione su tutti gli equipaggi candidati alla lotta per il vertice, dai leader attuali del campionato Marchioro-Marchetti su Skoda Fabia R5, ai principali inseguitori Ceccoli-Capolongo, Trentin-De Marco oltre a Della Casa-Pozzi, tutti a bordo della vettura boema. Il poker di piloti ancora in corsa per lo scudetto avrà comunque il marginale vantaggio di partire alle spalle dell’outsider “Mattonen” su Mitsubishi Lancer Evo X di classe N4 che partirà con il numero 1 facendo strada al gruppo di iscritti Cirt. Fari puntati già dalla partenza sul pilota di casa Francesco Fanari, con il sanmarinese Silvio Stefanelli al debutto sulla Fabia R5, oltre al rientrante Alessandro Bettega stavolta affiancato da Paolo Cargnelutti, alla prima in coppia sulla nuova Peugeot 208 T16 R5.

A completare la lista di equipaggi del Cirt 2018 due esperti terraioli come Giovanni Manfrinato con il figlio Michele sulla Fabia R5 e Francesco Tali con Simone Crosilla sulla Ford Fiesta Evo2 R5. Quindi il terzetto di giovani che proveranno a lanciarsi al comando delle rispettive classi: Mattia Codato con Christian Dinale su Lancer Evo X in N4, Michele Liceri con Salvatore Mendola su Peugeot 208 tra le R2B e Davide Cagni con Simone Giorgio su Opel Astra OPC in Prod S3. Nonostante le previsioni avverse, il meteo per questa prima giornata non ha influito sulla gara, mentre la pioggia attesa per domani potrebbe cambiare sensibilmente le condizioni del fondo sterrato. Il nuovo start per il rally è fissato alle 7:51 per la PS1 Lanciano 1.

Ronde di Sperlonga

Ronde di Sperlonga: il programma di gara

Il 15 e 16 dicembre torna a disputarsi sul tradizionale tratto La Magliana la Ronde di Sperlonga, giunta alla decima edizione. La novità è costituita dal formato di gara che prevede una prova speciale sabato e le altre tre domenica. Il tratto di gara La Magliana, lunga dieci chilometri, è stata utilizzata in passato dal Rally di Pico-Sperlonga. Confermato il riordinamento a Itri in Piazzale Padre Pio, parco assistenza a Sperlonga in Via Ulisse. Nel 2017 ha vinto di Alfonso Di Benedetto.

Il programma di gara

15 novembre 2018

Apertura iscrizioni

7 dicembre 2018

Chiusura iscrizioni

Sabato 15 dicembre 2018

Distribuzione road book

Hotel Aurora, Sperlonga (LT) 15 dicembre 2018

dalle 07:30 alle 12:00

Distribuzione targhe e numeri di gara

Hotel Aurora, Sperlonga (LT)

dalle 07:30 alle 12:00

Verifiche sportive ante gara

Hotel Aurora, Sperlonga (LT) dalle 07:30 alle 12:00

Verifiche tecniche ante gara

Piazza Fontana, Sperlonga (LT) dalle 08:00 alle 12:30

Ricognizioni con vetture di serie dalle 13:00 alle 16:00

Parco Partenza Parcheggio Santa Laura, Sperlonga (LT) dalle 16:00 alle 16:45

Partenza Piazza Fontana, Sperlonga (LT) 17:00

PS 1 La Magliana 17:4

Domenica 16 dicembre 2018

PS 2 La Magliana 08:40

PS 3 La Magliana 12:29

PS 4 La Magliana 16:18

Arrivo Piazza Fontana, Sperlonga (LT) 18:15

Premiazione Piazza Fontana, Sperlonga (LT) sulla pedana d’arrivo