Articoli

Il Premio Rally festeggia 16 edizioni

Dodici appuntamenti in programma, sviluppati sull’asfalto delle impegnative prove speciali toscane: questi i contenuti del 16° Premio Rally Automobile Club Lucca, serie che – anche nella stagione sportiva 2021 – garantirà all’istituzione automobilistica un ruolo di primo piano nella prosecuzione di un progetto volto alla valorizzazione del tessuto agonistico provinciale.

Una programmazione resa ufficiale a margine della consegna dei riconoscimenti legati all’edizione 2020, evento trasmesso in diretta streaming nella serata di sabato 30 gennaio in ottemperanza alle disposizioni vigenti in termini di contrasto alla diffusione del virus Covid-19.

Un’iniziativa che ha riscosso ampi consensi tra i praticanti della specialità e che, oltre ai protagonisti delle classifiche assolute, di classe e di gruppo, ha coinvolto vari esponenti del motorsport: Riccardo Pera (pilota del team Dempsey Proton Racing protagonista nella 24 Ore di Le Mans), Mattia Vita (pilota di Aci Team Italia), Daniele Campanaro (Campione Italiano Rally Due Ruote Motrici Asfalto) e Mauro Lenci (pilota e consigliere AC Lucca).

Parte integrante dell’evento è stata l’associazione Onlus Il Sogno, rappresentata dal suo presidente Massimo Palmero a conferma del legame tra sport e solidarietà, espressa in una proficua collaborazione che ha visto la struttura assistenziale lucchese impegnata nella realizzazione delle targhe consegnate ai conduttori premiati.

L’edizione 2021 della kermesse, riservata ai conduttori in possesso di licenza Aci Sport rilasciata da Automobile Club Lucca, verrà inaugurata sulle prove speciali della prima gara del calendario nazionale – il Rally del Carnevale – in programma domenica 14 febbraio. Un format, quello proposto da AC Lucca, che interesserà successivamente il Rally del Ciocco – nelle sue due versioni di Campionato Italiano Rally e Coppa Rally di Zona (14 marzo) – il Rally Colline Metallifere e Val di Cornia (4 aprile), il Rally Alta Val di Cecina (23 maggio), il Rally Internazionale Casentino (2-3 luglio), il Rally Coppa Città di Lucca (18 luglio), il Rally di Reggello e Città di Firenze (5 settembre), il Rally di Casciana Terme (19 settembre), il Trofeo Maremma (24 ottobre), il Rally Day di Chiusdino (21 novembre) ed Il Ciocchetto Rally Event (19 dicembre).

“Una programmazione, quella del Premio Rally Automobile Club Lucca, che ha confermato la lungimiranza della nostra istituzione nel panorama nazionale – il commento del direttore di AC Lucca Luca Sangiorgio – nell’ottica di continuare a garantire la valorizzazione dei suoi campioni, presenti e futuri. Un concetto, il nostro, espresso anche attraverso le modalità innovative della diretta web che ha interessato le premiazioni dell’edizione 2020 della serie”.

“In un momento difficile come quello attuale, sia per quanto riguarda l’aspetto economico che sanitario, il nostro Automobile Club ha dimostrato che, con l’impegno, è possibile portare avanti la passione per il motorsport con tutto ciò che ne consegue – il commento di Massimiliano Bosi, fiduciario provinciale AC Lucca – tutto questo si è reso possibile adeguandosi ai cambiamenti. Sono certo che questa 16^ edizione del Premio Rally Automobile Club Lucca racconterà ancora storie di vittorie e soddisfazioni personali, accompagnando i nostri licenziati in un percorso di evoluzione che, nel più breve tempo possibile, spero possa godere di una situazione migliore”.

Premio Rally Automobile Club Lucca Copiloti ad Alessio Pellegrini

E’ Alessio Pellegrini il vincitore, nella classifica dedicata ai copiloti, del Premio Rally Automobile Club Lucca. Un primato, quello conquistato dal codriver pistoiese che – sulle strade de Il Ciocchetto Event di fine dicembre – si è concretizzato sul gradino più alto del podio assoluto della serie andando ad affiancare Alessandro Bravi, già matematicamente campione tra i piloti ad una gara dalla conclusione della kermesse promossa dall’istituzione automobilistica lucchese.

Una classifica finale, quella dedicata ai primi conduttori, che ha elevato Alessio Lucchesi alle spalle del vincitore garfagnino. Al volante della Rover Mg ZR 105, Lucchesi ha confermato la bontà della sua programmazione stagionale conquistando un secondo posto di classe A5 sulle prove speciali proposte dall’ultima manche, all’interno della tenuta “Il Ciocco” di Castelvecchio Pascoli.

Chilometri che si sono rivelati decisivi nell’assegnazione della terza piazza, con Stefano Martinelli che – al volante della Suzuki Swift – ha concretizzato il sorpasso su Luciana Bandini, assente nell’appuntamento conclusivo ma vincitrice del titolo femminile tra i piloti.

La serie, giunta alla sua quindicesima edizione, ha confermato le peculiarità che l’hanno da sempre contraddistinta in ambito nazionale: grande incertezza in termini di classifica ed elevata competitività, elementi confermati dall’ultimo appuntamento in programma. Una vittoria, quella di Alessio Pellegrini tra i copiloti, maturata con un distacco minimo su Cinzia Maddaleni, costretta al ritiro, nella nona prova speciale, sulla Peugeot 106 di Alessandro Bravi ma assoluta protagonista nella classifica femminile navigatori. Un titolo “rosa” conquistato regolando l’inseguitrice Sabrina Cintolesi, terza a “Il Ciocchetto Event” su Renault Clio R3C. Sul podio finale della categoria, alle spalle di Alessio Pellegrini e Cinzia Maddaleni – seconda tra i copiloti – si è elevato in terza posizione Giuseppe Bernardi, a margine di un acceso confronto con Simone Marchi, “fuori dal podio” con il minimo scarto.

Nel confronto dedicato agli Under 25, a primeggiare tra i piloti è Christopher Lucchesi, protagonista di una stagione di “respiro” nazionale. Una situazione di classifica che, fin dalle prime fasi, ha visto contrapposto al driver di Bagni di Lucca un altro giovane esponente della provincia, Lorenzo Matteelli, con Tania Bernardi unica rappresentante della categoria Under 25 copiloti.

Grande, la soddisfazione espressa dal direttore di Automobile Club Lucca Luca Sangiorgio, a conclusione di una quindicesima edizione della serie contraddistinta da otto appuntamenti di elevato tasso tecnico: “Il Premio Rally Automobile Club Lucca, grazie alla continuità garantita dalle sue quindici edizioni, è riuscito a consolidare quella posizione rilevante che da anni ricopre nel mondo del motorsport. Nonostante i problemi che hanno caratterizzato il 2020, la nostra serie ha confermato il proprio fascino, valorizzando i campioni della nostra provincia ma, soprattutto, alimentando le ambizioni di piloti e navigatori emergenti. Proprio in virtù di questo, Automobile Club Lucca continuerà a sostenere questo valido strumento di promozione sportiva”.

“Sono soddisfatto di come i nostri licenziati abbiano partecipato a questa difficile stagione di gare – il commento di Massimiliano Bosi, fiduciario Aci Lucca – un impegno diverso, reso complicato dalla situazione della pandemia. Voglio esprimere la mia personale gratitudine a tutti coloro che hanno collaborato nella gestione di questo 15° Premio Rally, un lavoro costante e dietro le quinte che ci ha permesso di essere pronti per la prossima edizione.”

Augusto Favero e Nicola Perrone migliori rallisti lucchesi

Sono Augusto Favero e Nicola Perrone i vincitori del 14° Premio Rally Automobile Club Lucca. Un epilogo, quello evidenziato nelle classifiche finali, che ha confermato quelle peculiarità che – fin dalla prima edizione – contraddistinguono la proposta dell’istituzione automobilistica riservata ai possessori di licenza Aci Sport della provincia.

Intensità ed assoluta incertezza fino alla sua gara conclusiva, il “Ciocchetto Event” di fine dicembre. Per Augusto Favero, la soddisfazione di apporre la propria firma sull’albo d’oro della kermesse, succedendo al pilota campione in carica Dario Bertolacci. Una vittoria concretizzata al volante della Peugeot 106 di classe N1, vettura che – da anni – caratterizza le sue programmazioni sportive.

In seconda posizione, distante due soli punti dal vertice, un assoluto interprete del panorama rallistico nazionale, Luca Panzani, già campione nell’edizione 2012 della kermesse. Un “ruolino di marcia” altamente redditizio, quello del driver lucchese, essendo stato articolato su quattro soli appuntamenti. Sul terzo gradino del podio, Andrea Taddei, protagonista al vertice della classifica assoluta nelle fasi iniziali della serie.

Per il giovane pilota della Mediavalle, la soddisfazione di aver centrato la vittoria tra i piloti Under 25. Nella classifica femminile la vittoria è andata a Luciana Bandini, esponente nel panorama nazionale che ha costruito il successo al volante della Renault Clio Williams, prevalendo nel confronto con la principale competitor Giulia Serafini.

A primeggiare nella classifica riservata ai copiloti è stato Nicola Perrone, compartecipe della programmazione sportiva di Augusto Favero. Assente sulle strade dell’appuntamento conclusivo del “Ciocchetto Event”, il navigatore pistoiese ha basato il successo sulla partecipazione alle restanti gare in programma, prevalendo – con quattro lunghezze di vantaggio – su Michael Salotti, vincitore della classifica Under 25 riservata ai copiloti grazie alla proficua collaborazione in abitacolo con Andrea Taddei, su Peugeot 106 di classe N2.

A chiudere il podio finale, la “primadonna” tra i copiloti Manuela Milli, parte integrante di un progetto regionale condiviso con Luca Pierotti, quarto assoluto a pari merito con Riccardo Meconi nella classifica riservata ai primi conduttori.

Nella cornice dedicata al Premio Rally Automobile Club Lucca Storico, la vittoria è andata a Giovanni Mori, pilota che ha costruito il proprio successo stagionale sulle strade del Rally degli Abeti e della Coppa Ville Lucchesi, palcoscenici dove si è ritagliato un ruolo di primo piano nel 4° Raggruppamento. Un primato mai stato in discussione, quello del pilota lucchese, salito sul gradino più alto di un podio che ha reso protagonisti anche Luca Bertolozzi, secondo e Cristiano Matteucci, terzo classificato.

Tra i copiloti, a festeggiare la vittoria è Massimo Cesaretti, abituale codriver di Giovanni Mori. A completare il podio, in seconda piazza, Walter Ragghianti, protagonista di una performance globale che lo ha visto regolare, seppur di una sola lunghezza, la capofila di 3° Raggruppamento Elisa Filippini.

La cerimonia di premiazione del Premio Rally Automobile Club Lucca avverrà in occasione del Galà del Motorsport, in programma nella serata di sabato 15 febbraio a Montecarlo, in provincia di Lucca.

Premio Rally ACI Lucca: Augusto Favero verso il Rally Il Ciocchetto

Una situazione di classifica ben delineata che, tuttavia, lascia ai chilometri dell’ultimo appuntamento in programma l’onere di poter regalare un colpo di scena. Il Premio Rally Aci Lucca ha archiviato il Rally Day di Pomarance, confronto andato in scena sulle strade della Valdicecina nei giorni 16-17 novembre, confermando come leader Augusto Favero e Nicola Perrone, terzi di classe N1 sui sedili della Peugeot 106.

Un risultato concretizzato su fondi resi ulteriormente impegnativi dalla pioggia caduta incessantemente per l’intero fine settimana, particolare che ha elevato il tasso tecnico della gara regalando ulteriore valore all’obiettivo traguardo.

Dieci, le lunghezze vantate dal capofila sul primo inseguitore nel Premio Rally Aci Lucca, Andrea Taddei, costretto al ritiro sulle strade pisane ma tenuto ancora in gioco – per la conquista del titolo 2019 – dai conteggi relativi agli scarti, che verranno presi in considerazione a conclusione della serie, nella caratteristica cornice del Rally Il Ciocchetto.

Un contesto, quello che punterà i riflettori sulla Mediavalle, che attende risposte anche da Luca Pierotti – assente nell’ultima manche del Premio Rally Aci Lucca – e da Riccardo Meconi, secondo di classe N1 a Pomarance ed a tredici punti dal vertice.

Distanze decisamente più marcate nella classifica riservata ai “navigatori” dove il leader Nicola Perrone – copilota di Augusto Favero – può contare su ben quindici punti di vantaggio nei confronti di Michael Salotti. Una condizione che, in attesa dell’ultima gara in programma, pone il pistoiese nelle migliori condizioni.

Una seria ipoteca sul titolo, quella di Nicola Perrone, favorita dal ritiro del diretto avversario, compartecipe della programmazione sportiva di Andrea Taddei. Terza piazza provvisoria per Manuela Milli, assente a Pomarance ed a quattro lunghezze di ritardo dalla seconda piazza.

Decisamente acceso il confronto per la conquista del titolo “femminile”, con Luciana Bandini chiamata a concretizzare il misurato margine di cinque punti su Giulia Serafini. Per la pilota lucchese, il Rally Day di Pomarance è valso il primato tra le “ladies”, al volante della Renault Clio Williams.

Titolo quasi scontato, tra le copilote, per Manuela Milli, leader nella classifica rosa con trenta punti di vantaggio sull’inseguitrice Sabrina Cintolesi. Nel contesto riservato agli Under 25, primato per l’equipaggio composto da Andrea Taddei e Michael Salotti, entrambi saldamente al comando delle rispettive classifiche.

Il Rally Il Ciocchetto, in programma nei giorni 20-21 dicembre, manderà in archivio la quattordicesima edizione della serie promossa da Automobile Club Lucca, l’ennesima decisa sui chilometri dell’appuntamento conclusivo.

Pierotti vuole vincere, ma Taddei non molla la presa

E’ una situazione di classifica che delinea contenuti esaltanti, quella proposta dal Premio Rally Automobile Club Lucca alla vigilia di uno degli appuntamenti più prestigiosi, il Trofeo Maremma, appuntamento in scena nel fine settimana sulle strade dell’entroterra follonichese. Con due piloti appaiati al vertice dal medesimo punteggio, Luca Pierotti ed Andrea Taddei, la kermesse motoristica provinciale si presenta sulla pedana di partenza della “classica” grossetana con le migliori prerogative, quelle legate ad assoluta incertezza nei pronostici di assegnazione dei titoli.

Equilibri concretizzati sulle strade del precedente appuntamento, il Rally di Casciana Terme, che hanno visto Luca Pierotti annullare il gap in classifica da Andrea Taddei, protagonista nelle alte sfere di campionato fin dalle prime fasi. Un podio provvisorio, quello vantato alla vigilia del Trofeo Maremma, che rende merito anche alla condotta stagionale – soprattutto in termini di partecipazione – di Augusto Favero, con la sua Peugeot 106 chiamata a ridurre un distacco quantificato in soli sei centesimi dalla prima posizione.

Per Luca Pierotti, che a Casciana Terme ha conquistato il titolo di campione toscano, la soddisfazione di vedere confermato l’ottimo feeling con la Skoda Fabia R5. Con Andrea Taddei che ha visto già ipotecato il titolo Aci Lucca Under 25, la lotta per il titolo assoluto vedrà i tre interpreti partire dalla medesima posizione della “griglia”: una situazione che sta garantendo alla serie ampia visibilità a livello nazionale.

Tra i copiloti, a ricoprire il ruolo di leader è Nicola Perrone – compartecipe della programmazione di Augusto Favero – con quattro lunghezze di vantaggio su Michael Salotti, leader tra i copiloti Under 25. In terza piazza, a soli sei punti di ritardo dalla vetta, c’è Manuela Milli. Per l’abituale codriver di Luca Pierotti, leader nella classifica femminile, rimangono intatte le prerogative di successo. Una situazione che non si discosta in modo netto da quella espressa dalla classifica piloti, con gli ultimi tre impegni – il Trofeo Maremma, il Rally di Pomarance ed il “Ciocchetto” – esaltati nell’assegnato ruolo di giudice di campionato.

Il Rally di Casciana Terme si è rivelato decisivo anche nell’assegnazione della leadership femminile piloti, con Luciana Bandini “a punti” su Renault Clio Williams, al centro di una condotta che le ha garantito tre lunghezze di vantaggio in classifica sulla competitor Giulia Serafini. Il Trofeo Maremma chiamerà a raccolta i protagonisti del Premio Rally Automobile Club Lucca nelle intere giornate di sabato e domenica, con partenza ed arrivo previsti a Follonica.

Andrea Taddei ancora protagonista del Premio Rally Ac Lucca

E’ un “rush” finale dai contenuti esaltanti, quello che sta contraddistinguendo il Premio Rally Automobile Club Lucca. La kermesse promossa dall’istituzione automobilistica provinciale – giunta alla quattordicesima edizione – ha confermato quelle prerogative che ne hanno elevato le linee a livello nazionale: agonismo e massima incertezza nei pronostici.

Elementi che, sulle strade del Rally di Reggello, andato in scena tra sabato 31 agosto e domenica 1 settembre nella provincia di Firenze, hanno garantito ad Andrea Taddei la possibilità, seppur misurata, di vedere mantenuta la leadership nella classifica assoluta alimentando prospettive di successo finale.

Una performance, quella del pilota Under 25 della Mediavalle, ridimensionata dal ritiro occorso sui chilometri della quinta prova speciale, particolare che non gli ha comunque negato il comando della classifica piloti con cinque lunghezze di vantaggio su Luca Panzani, assente sulle strade fiorentine ma “forte” del punteggio conquistato alla Coppa Città di Lucca di luglio. Un contesto, quello dell’appuntamento casalingo, che ha regalato ampie prospettive anche a Luca Pierotti, ad un solo punto di ritardo dalla seconda piazza e, di conseguenza, in piena lotta per il titolo.

Ampiamente soddisfacente anche il risultato conseguito a Reggello da Giulia Serafini, quinta nella classe N2 su Peugeot 106 e limitata da un’uscita di strada che ne ha appesantito il riscontro finale. Per la driver versiliese, il Rally di Reggello è valso la leadership nella classifica femminile, primato che la vede in vantaggio di quattro lunghezze su Luciana Bandini, assente nell’appuntamento fiorentino.

Tra i copiloti, la situazione di classifica vede primeggiare Nicola Perrone. Una posizione che vede il codriver pistoiese vantare una sola lunghezza di scarto su Michael Salotti, copilota del leader Andrea Taddei. Per entrambi i “primattori”, il Rally di Reggello si è concluso con un amaro ritiro; particolare che ha lasciato invariati gli equilibri espressi alla vigilia della gara. In terza posizione resiste Manuela Milli, copilota di Luca Pierotti.

Un risultato, quello della copilota lucchese, che la proietta al vertice della classifica femminile riservata ai protagonisti del sedile destro, con ampio margine sull’inseguitrice Irene Porcu. Nella cornice riservata agli Under 25 la situazione è tutt’altro che incerta, con Michael Salotti forte di oltre venti punti di vantaggio su Lorenzo Nesti, prima alternativa al vertice.

Il Rally di Reggello, nella sua versione storica, è valso come appuntamento del Premio Rally Automobile Club Lucca Storico. La classifica piloti, a livello assoluto, vede al vertice Giovanni Mori con venticinque punti di vantaggio su Mauro Lenci e tre in più su Luca Bertolozzi.

Una situazione delineata sui chilometri della Coppa Ville Lucchesi e che vede, tra i codriver, Massimo Cesaretti vantare la leadership nei confronti di Ronny Celli e Walter Ragghianti, rispettivamente regolati di venticinque e ventotto lunghezze. Il Premio Rally Automobile Club Lucca vedrà i suoi protagonisti cimentarsi sull’asfalto del Rally di Casciana Terme, prossimo appuntamento in programma nei giorni 21/22 settembre.

Andrea Taddei in fuga nel Premio Automobile Club Lucca

Si sono confermate all’insegna della massima incertezza, le classifiche del Premio Rally Automobile Club Lucca redatte a seguito della Coppa Città di Lucca, appuntamento andato in scena nell’ultimo fine settimana di luglio sulle strade della provincia. Un confronto che ha garantito all’edizione corrente un trend in linea con le precedenti, regalando al plateau di appassionati la certezza di poter essere spettatori di una seconda metà di stagione sportiva di alto contenuto.

A comandare, nella classifica piloti della serie promossa dall’istituzione automobilistica provinciale, è Andrea Taddei, forte del punteggio conquistato sulle strade “di casa” e relativo alla seconda piazza di classe N2, categoria riservata alle vetture da 1600 cc di Gruppo N. Una condotta, quella del pilota della Mediavalle – al volante della Peugeot 106 – valsa il primato provvisorio, pur con sole quattro lunghezze di vantaggio sull’inseguitore Luca Panzani.

Una candidatura, quella di Luca Panzani, alimentata dalla quinta posizione assoluta conseguita al volante della Renault Clio R3, “primattrice” tra le vetture a due ruote motrici tra le prove speciali della lucchesia. Una situazione dove, a farla da padrone, è il fattore agonismo: cinque, i punti a racchiudere le prime tre posizioni in classifica. A chiudere il podio provvisorio, grazie ad una performance garante della seconda posizione assoluta nel confronto casalingo, è Luca Pierotti, tornato a confermare la bontà del feeling con la Skoda Fabia R5.

Nella classifica femminile, sono cinque le lunghezze a premiare la partecipazione al “Città di Lucca” da parte di Luciana Bandini, quarta di classe A7 al volante della Renault Clio Williams, con Giulia Serafini costretta al ritiro per una guasto meccanico alla sua Peugeot 106. Tra gli Under 25, il comando spetta al leader assoluto Andrea Taddei, lanciato verso una seconda metà della kermesse votata alla conferma di un ruolo di vertice.

Nella classifica riservata ai navigatori, la seconda posizione di classe N1 conquistata alla Coppa Città di Lucca sta confermando come leader Nicola Perrone, “primattore” pur con il minimo scarto di un punto di vantaggio sull’inseguitore Michael Salotti, compartecipe dello “score” di Andrea Taddei e leader tra i copiloti Under 25.

A sei lunghezze dal vertice, in terza piazza provvisoria, la codriver locale Manuela Milli, seconda tra le prove speciali “di casa” sulla Skoda Fabia di Luca Pierotti. Punteggio che le ha garantito la leadership nella classifica femminile riservata ai secondi conduttori. Il prossimo appuntamento vedrà i protagonisti del Premio Rally Automobile Club Lucca cimentarsi sull’asfalto del Rally di Reggello, in programma dal 31 agosto.

Cambio in testa al Premio Rally Aci Lucca: Taddei al comando

Massima incertezza nelle gerarchie di alta classifica e valorizzazione del patrimonio motoristico giovanile: è ancora all’insegna di questi elementi che il Premio Rally Automobile Club Lucca ha archiviato il Rally degli Abeti, confronto che – nel primo fine settimana di giugno – ha chiamato i propri conduttori sull’asfalto della Montagna Pistoiese. Un impegno dalla doppia validità, storica e moderna, rivelatosi determinante nell’assegnazione della leadership ad Andrea Taddei, pilota di Puglianella protagonista di un terzo piazzamento di classe N2 al volante della Peugeot 106.

Equilibri, quelli relativi alla classifica assoluta piloti, cambiati radicalmente dal cronometro di San Marcello Pistoiese, con il vincitore della gara – Luca Pierotti – eletto come prima alternativa al leader, distante soltanto cinque lunghezze. Vincitore al Rally della Valdinievole ed al Rally degli Abeti, al terzo utilizzo della Skoda Fabia R5, il pilota lucchese ha promosso la propria candidatura al vertice assecondato da un punteggio che lo sta proiettando davanti, seppur di due sole lunghezze, a Luca Panzani, vincitore della classe R3C su Renault Clio. Per il capofila Andrea Taddei, l’appuntamento pistoiese è valso la conferma del comando tra i piloti “Under 25”, con il primo inseguitore – Simone Borgato – regolato di ventotto punti.

Tra le “ladies” del sedile sinistro, a comandare è ancora Giulia Serafini. Su Peugeot 106 N2, la pilota versiliese si è resa protagonista di una condotta aggressiva valsa il primato di classe. Una posizione compromessa dal ritiro, variabile che ha ridimensionato le aspettative legate al punteggio e che garantisce all’inseguitrice Luciana Bandini, distante due soli punti, ampie prerogative di successo.

Nella classifica riservata ai copiloti, la palma di leader va ancora a Michael Salotti, compartecipe con Andrea Taddei dei brillanti riscontri espressi agli “Abeti”. A due sole lunghezze di distacco, segue con ottime prospettive Nicola Perrone, secondo nella classe N1 sulla Peugeot 106 di Augusto Favero. Un podio che sta delineando, in modo marcato, i propri equilibri, con la vincitrice assoluta del Rally degli Abeti, Manuela Milli, a vestire i panni di terza interprete con tre soli punti di distacco dalla seconda piazza ed appena cinque dalla leadership. Una vittoria, conquistata al fianco di Luca Pierotti, che conferma alla driver lucchese il primato nella classifica femminile, con un margine significativo – tredici punti – su Irene Porcu, assente a San Marcello Pistoiese. A brillare nel confronto dedicato ai copiloti Under 25, a sorridere è ancora Michael Salotti, grazie ad un primato cementato da nove punti sul primo inseguitore, Andrea Matteucci.

Il Rally degli Abeti ha regalato i primi punti ai conduttori iscritti al Premio Rally Automobile Club Lucca Storico, con Giovanni Mori a prevalere tra i piloti grazie ad una condotta che lo ha reso protagonista in 4° Raggruppamento su BMW M3, elevandolo come secondo miglior interprete della gara. Tra i “navigatori”, a comandare è Massimo Cesaretti. Per l’esperto codriver, chiamato alle note di Giovanni Mori, il confronto storico è valso la leadership assoluta della serie con dieci lunghezze di vantaggio su Elisa Filippini, terza nel 3° Raggruppamento sul sedile destro della Alfasud di Fausto Fantei. Il Premio Rally Automobile Club Lucca vedrà i suoi conduttori cimentarsi sull’asfalto del Rally Alta Val di Cecina, prossimo appuntamento in programma nei giorni 22-23 giugno. 

Andrea Simonetti leader del Premio Rally Aci Lucca

E’ Andrea Simonetti, il nuovo leader del Premio Rally Automobile Club Lucca. Il pilota lucchese ha archiviato il Rally della Valdinievole, appuntamento andato in scena a Larciano nei giorni 18/19 maggio, in undicesima posizione assoluta e sul secondo gradino del podio di classe R3C, categoria che ha interessato la sua Renault Clio. Una condotta, quella del pilota di Coselli, condizionata da una situazione meteorologica che ha reso decisamente impegnativo l’utilizzo di pneumatici mai utilizzato su fondo bagnato.

Particolare che non gli ha negato il ruolo di capofila nella serie promossa da Automobile Club Lucca. Una classifica, quella dedicata ai piloti, caratterizzata da assoluta incertezza: solo quattro decimi di punto tra Andrea Simonetti ed il primo inseguitore, Andrea Taddei, a sua volta leader nella classifica piloti Under 25. Il pilota di Puglianella, al volante di una Peugeot 106 da 1600 cc, si è reso protagonista dopo aver sofferto una scelta di gomme inadeguata, particolare che non gli ha precluso il raggiungimento del terzo gradino del podio di classe. A sette lunghezze di distacco, forte del punteggio conseguito al Rally Il Ciocco, appuntamento inaugurale del Campionato Italiano Rally, resiste Daniele Campanaro.

Una situazione in classifica, quella relativa al pilota pistoiese, che lascia intravedere ampi margini di recupero ad Augusto Favero, chiamato a ridurre il gap di tre lunghezze dalla terza piazza. Nella classifica femminile, a comandare tra i piloti – pur con il minimo scarto di un punto – è Giulia Serafini. A contendere lo “scettro” alla driver versiliese è Luciana Bandini, presentatasi sulla pedana partenza del Rally della Valdinievole su Renault Clio Williams ma costretta al ritiro sulla quarta prova speciale.

Nella classifica dedicata ai copiloti, a rivestire i panni di capofila è Michael Salotti, compartecipe dei risultati espressi da Andrea Taddei su Peugeot 106 N2. Poco meno di tre lunghezze, a dividere il leader dal primo inseguitore Nicola Perrone, abituale copilota di Augusto Favero ed alle prese con una rottura meccanica accusata nelle fasi finali di gara dalla Peugeot 106 di classe N1, in un confronto archiviato in seconda piazza. A parti merito, entrambi in terza posizione, Irene Porcu e Federico Riterini, appaiati dal punteggio conseguito nel primo appuntamento, il Rally Il Ciocco. Di quattro lunghezze, il distacco tra i due conduttori e la seconda posizione: un gap garante di assolute prerogative di risalita.

Nel confronto riservato ai copiloti Under 25, il comando è affidato a Michael Salotti, forte di diciassette lunghezze di vantaggio su Andrea Matteucci, assente a Larciano. Tra le “ladies” del sedile destro, la vittoria assoluta di Manuela Milli – al fianco di Luca Pierotti – rilancia la sua candidatura alla leadership, posizione occupata da Irene Porcu ma distante soltanto quattro lunghezze. Il Premio Rally Automobile Club Lucca, dopo aver chiamato i propri interpreti al confronto “storico-moderno” del Rally degli Abeti, proseguirà la propria tappa di avvicinamento alla fase “clou” della sua programmazione, con gli appuntamenti estivi – Rally Alta Val di Cecina, Coppa Ville Lucchesi e Coppa Città di Lucca – a recitare un ruolo di primo piano sugli equilibri espressi dalla kermesse. 

Premio Rally Aci Lucca post Colline Metallifere

E’ una classifica che non ha subito significative variazioni, quella redatta a conclusione del Rally Colline Metallifere, secondo appuntamento del 14° Premio Rally Aci Lucca, andato in scena nei giorni 13-14 aprile a Piombino. A comandare le classifiche assolute sono ancora i due “terzetti” di conduttori che – sull’asfalto della manche inaugurale del Rally del Ciocco – hanno approfittato dell’occasione offerta dalla versione “tricolore”, dedicata al confronto di Campionato Italiano Rally.

Una situazione che, in entrambe le classifiche assolute, offre equilibrio. Un lotto di esponenti che ha capitalizzato al meglio l’avvio della kermesse, assecondato da un distacco rimasto invariato a conclusione del confronto livornese. Con Daniele Campanaro, Andrea Simonetti ed Andrea Taddei a rivestire i ruoli di capofila tra i piloti –  tutti accomunati dal medesimo punteggio – e con il primo lotto di inseguitori distante cinque lunghezze, ad assumere ulteriore rilevanza sarà il Rally della Valdinievole, prossimo appuntamento in programma nei giorni 18/19 maggio. Nella classifica “rosa” dedicata al sedile sinistro, a comandare è ancora Giulia Serafini, con tre soli punti di vantaggio sulla diretta avversaria Luciana Bandini. Tra i piloti Under 25, la leadership è in mano ad Andrea Taddei, con un distacco di undici punti su Simone Borgato.

Nella classifica dedicata ai copiloti, l’”attico” è monopolizzato da Irene Porcu, leader anche nella classifica femminile navigatori, con Federico Riterini e Michael Salotti a condividerle una leadership legittimata dall’asfalto di Mediavalle e Garfagnana, teatro del “Ciocco”. Il Rally Colline Metallifere ha, tuttavia, garantito al confronto assoluta incertezza, proiettando a sole tre lunghezze di ritardo dal vertice Nicola Perrone, terzo di classe N2 su Peugeot 106. Nella classifica riservata ai copiloti Under 25, il comando è affidato a Michael Salotti, con Andrea Matteucci e Nicola Biagi ad inseguire, “staccati” rispettivamente di dieci ed undici punti.

Un confronto, il Rally delle Colline Metallifere, che ha proposto una vera e propria alternanza di condizioni di fondo, reso mutevole dalle condizioni atmosferiche che hanno interessato il territorio nell’intero weekend. A capitalizzare al meglio l’appuntamento in ottica Premio Rally Automobile Club Lucca è stato Michele Pardini, vincitore della classe N1 al volante della MG Rover 25. Un successo condiviso con Giulia Antongiovanni, con il punteggio conseguito che proietta la copilota “in scia” agli inseguitori sia nella classifica assoluta copiloti che in ottica di categoria, con due lunghezze di ritardo dall’ultimo gradino del podio provvisorio. Grande selettività anche nella classe N2, con Elio Giannarini “a punti” grazie alla quarta piazza conquistata sul sedile destro della Peugeot 106 di Luca Padovani. Un impegno che ha confermato l’elevato tasso tecnico offerto dalla serie, articolata sulle prove speciali più impegnative della regione. 

Premio Rally Automobile Club Lucca: tre uomini al comando

I chilometri più prestigiosi, quelli che hanno contraddistinto il primo appuntamento del Campionato Italiano Rally, si sono confermati determinanti nell’assegnazione del punteggio relativo alla “Prima” del Premio Rally Automobile Club Lucca, articolata sulle strade del Rally del Ciocco. La “due giorni” tricolore, che ha puntato i riflettori su Media Valle e Garfagnana nei giorni 22-23 marzo scorsi, ha offerto alla kermesse rallistica provinciale spunti di elevato tasso qualitativo ed un trend in linea con le adesioni che ne hanno contraddistinto le linee nella precedente edizione.

A comandare la classifica piloti, forte del punteggio acquisito sui chilometri proposti dalla versione Cir, un lotto di conduttori che ha saputo imporsi nella rispettive categorie. Da Daniele Campanaro, vincitore nel confronto dedicato al Campionato Italiano R1 sul sedile della Suzuki Swift ad Andrea Simonetti, protagonista di una condotta che lo ha portato al successo nella classe R3C, al volante della Renault Clio. Nel gruppo di testa anche Andrea Taddei, primo classificato nella classe N2 su Peugeot 106. Un risultato valso anche la leadership nella classifica Under 25 piloti.

Nel confronto dedicato al panorama femminile, a spuntarla è stata Giulia Serafini, grazie alla seconda piazza di “N2” colta al volante della Peugeot 106. Un punteggio, quello conseguito dalla driver versiliese, assicurato nella versione regionale della gara. Due, le lunghezze di vantaggio su Luciana Bandini, protagonista nella versione tricolore dell’appuntamento inaugurale su Renault Clio Williams. A vincere il Rally del Ciocco valido come appuntamento di Coppa Rally di Zona, quindi in versione regionale, è stato Fabio Pinelli. Per il conduttore di ACI Lucca, la soddisfazione di aver concretizzato al meglio il debutto su Hyundai I20 R5.

Analoga situazione nella classifica copiloti, dove a comandare sono coloro che si sono resi compartecipi delle prestazioni dei primi tre driver. Primato dal sapore tricolore per Irene Porcu, copilota di Daniele Campanaro, leadership per Federico Riterini, alla destra di Andrea Simonetti su Renault Clio R3C e per Michael Salotti, codriver che ha affiancato Andrea Taddei su Peugeot 106, primo leader tra i copiloti Under 25. Punteggi che, in entrambe le classifiche, hanno garantito massima incertezza: di cinque punti il margine tra i due gruppi “di testa” ed i primi inseguitori. Il prossimo appuntamento vedrà i conduttori iscritti al Premio Rally Automobile Club Lucca cimentarsi sull’asfalto del Rally delle Colline Metallifere, in scena a Piombino nei giorni 13-14 aprile.