Articoli

Davide Caffoni e Massimo Minazzi al via del Rally MonteCarlo

La scuderia New Turbomark è pronta a ripartire alla grande: il 2019 sportivo della scuderia a cui fa capo la famiglia Zagami, inizierà infatti con una delle corse più celebri del pianeta, il Rally MonteCarlo. Dal prossimo 22 gennaio fino al 27, la gara transalpina sarà di scena con le sue lunghe e difficili prove speciali caratterizzate dalle mutevoli condizioni climatiche e, di conseguenza, di quelle del fondo stradale.

Per un rallysta tutti questi sono ingredienti di grande fascino che non possono che esercitare un enorme richiamo. È per questo che Davide Caffoni, forte pilota ossolano in seno alla New Turbomark, ha scelto di parteciparvi; insieme a lui il copilota di Pella (No) Massimo Minazzi. L’equipaggio piemontese, che insieme ha collezionato parecchi successi assoluti sulle strade del Rubinetto e del 2Laghi, si presenterà al “Monte” su una Skoda Fabia R5 del team Balbosca, struttura di Santo Stefano Belbo (CN) che ormai da alcuni anni fornisce all’affiatato duo, le vetture da competizione. Caffoni-Minazzi partiranno con il numero 48.

“Da anni cullavamo il sogno di una gara importante ed ora si è presentata l’opportunità di essere al via del Monte-Carlo, uno degli appuntamenti più suggestivi del panorama internazionale motoristico: siamo carichi ben sapendo che l’approccio dovrà esser differente rispetto alle gare alle quali abbiamo preso parte sino ad ora” ha dichiarato il 42enne pilota di Domodossola. “Devo ringraziare tutti coloro che supportano questo nostro progetto così come Luca Bottarelli e Mauro Grossi che saranno i nostri ricognitori, figure fondamentali in una gara del genere.”

Soddisfazione anche per la scuderia New Turbomark pronta alla trasferta monegasca. Giuseppe Zagami: “Siamo un sodalizio attivo da undici anni ed in costante crescita. Siamo felici che Davide Caffoni e Massimo Minazzi abbiano scelto di prendere il via ad una gara così affascinante e prestigiosa: non capita spesso di vedere i propri vessilli sventolare nelle gare del Campionato del Mondo Rally”. Anche se quest’anno, a dire il vero, al monte ci sono tantissimi piloti italiani.