Articoli

Collecchio Corse festeggia un’annata strepitosa

C’è chi si accontenta di un giorno da leoni. A San Michele Gatti, invece, c’è chi può celebrare qualcosa di molto più concreto: un anno da leoni. Stiamo parlando di Collecchio Corse, la storica scuderia fondata nel 1992 da Gianni Assirati che pure in questo 2019 ha saputo dare vita a dodici mesi indimenticabili.

“Ci lasciamo alle spalle un anno tanto impegnativo quanto appagante sotto ogni profilo – il commento dello stesso presidente della Collecchio Corse -. Viverlo insieme ai nostri piloti portacolori è stata un’autentica gioia ed ora vorrei, semplicemente, ringraziare di cuore piloti, navigatori, sponsor, collaboratori, amici e tifosi, grazie ai quali la stagione 2019 è stata davvero speciale”.

Per comprendere quanto il verbo di Assirati rifletta la realtà dei fatti, ci affidiamo ai numeri: nell’ambito dei rally, Collecchio Corse ha disputato 18 gare, cogliendo un successo assoluto (con Fausto Castagnoli e Silvia Minetti al rally Nazionale del Taro), altri quattro arrivi sul podio della classifica generale, sei vittorie di classe e sedici podi di classe.

A questi, vanno aggiunti per la Collecchio Corse il titolo di classe A6 nella Michelin Zone Cup colto dai varanesi Milko Pini e Daniele Pellegrini (i quali sono anche i campioni del girone regionale della stessa manifestazione), il primo posto di Riccardo Brugo nella classe S1600 della Coppa Rally di Zona emiliano-romagnola, i bronzi dello stesso Pini nella A6 sempre del CRZ emiliano e di Massimo Minardi nel CRZ toscano, oltre al secondo posto di classe N3 agguantato da Mauro Arati nell’International Rally Cup. Non meno importante, la vittoria della giovane navigatrice Martina Musiari nel Rally Italia Talent.

Collecchio Corse, però, è sinonimo di automobilismo a tutto tondo: basti pensare che, tra gare in pista e su strada (quindi, oltre ai rally, vanno inclusi pure gli slalom) i suoi portacolori hanno preso parte complessivamente a 148 competizioni. Tra i tanti successi mietuti, da sottolineare che il pilota di Lesignano Michele Castagnoli si è aggiudicato il campionato GT Light di Formula X mentre, nell’ambito degli slalom, Cristian Lanzi ha preceduto tutti nella classifica del trofeo NOS.

Può bastare? Sì, basterebbe questo bottino per mandare in archivio il 2019 in termini più che positivi. Ma c’è di più, molto di più. A marzo, infatti, Collecchio Corse ha inaugurato la sua nuova sede di San Michele Gatti, che si è rivelato ben presto un autentico ‘covo’ della passione e dell’amicizia, un inno allo sport motoristico nella sua accezione più positiva.

Tra le mura biancorossonere, infatti, i tanti associati (il cui numero, guarda caso, è lievitato in questi mesi) hanno trovato il luogo perfetto dove condividere la loro passione per lo sport dei motori, declinandola sia nella dimensione tecnica – la sede funge anche da ampia officina – sia in quella dell’aggregazione.

Così, oltre ai tanti volti noti che da anni animano Collecchio Corse, quest’anno hanno fatto capolino giovani appassionati, i quali si sono cimentati nelle varie discipline automobilistiche; i rally, in particolare, hanno salutato la crescita della già citata figlia d’arte Martina Musiari e l’esordio di Francesca Ferretti.

Non va poi dimenticata la partecipazione a ‘Mercante in auto’ (nell’ambito del celeberrimo ‘Mercante in fiera’, come sempre tenutosi alle Fiere di Parma ad inizio ottobre), nel quale Collecchio Corse ha recitato la parte del leone, attirando l’attenzione dei visitatori e contribuendo così al successo dell’importante rassegna ducale.

Rally Italia Talent: la bella Pasqua di Martina Musiari

E’ stata una Pasqua particolarmente felice, quella appena trascorsa, per la grande famiglia di Collecchio Corse. I componenti della scuderia di San Michele Gatti hanno infatti celebrato il brillante successo conquistato da Martina Musiari nella sesta edizione di Rally Italia Talent, il progetto ideato da Renzo Magnani nel 2014 volto ad individuare talenti da inserire nel mondo dei rally e che ha già fatto emergere nomi importanti (si pensi a Damiano De Tommaso).

Ad Adria, infatti, la 20enne parmigiana ha colto il successo quale migliore navigatrice nella categoria femminile (nella foto di Romano Poli, Martina mentre viene premiata da Katia Bertello, Direttore Comunicazione Suzuki Italia). Soddisfazione di grande rilievo, per la quasi esordiente Martina (tre i rally all’attivo, con esordio al Salsomaggiore dello scorso agosto). Lasciatasi alle spalle la ‘sbornia’ emotiva di questa vittoria, a Martina non resta che sottolineare gli aspetti fondamentali che danno sostanza a quest’esperienza.

“Rally Italia Talent mi ha permesso di conoscere tantissima gente che mi ha sostenuto e insegnato i trucchi del mestiere, fondamentali per fare la differenza; veramente delle care persone e pure un bell’ambiente, caratterizzato da tanta professionalità ma anche ironia. A livello tecnico, vorrei sottolineare come, per la prima volta, quest’anno siano state utilizzate le nuove Suzuki Swift Sport 1400 turbo: auto professionali ed al contempo divertenti, ma soprattutto rivelatesi ideali per  mettere in evidenza le capacità di guida dei piloti”.

Martina aggiunge: “Questo successo mi ha aperto tante opportunità: sto iniziando a programmare qualche gara, mi piacerebbe correre un trofeo in modo da potermi confrontare con altri equipaggi. Infine, voglio ringraziare tantissimo Renzo Magnani per la sua professionalità e disponibilità, Gigi Pirollo, Mauro Peruzzi, Lorenzo Granai e Simone Scattolin, che mi hanno esaminato in questo percorso e hanno creduto in me. Naturalmente, non potrei dimenticare mio papà Clemente, che mi ha trasmesso questa passione alla quale non posso più rinunciare”.

Questo traguardo è di grande importanza anche per la stessa scuderia: Collecchio Corse è da sempre molto attenta alla promozione delle discipline automobilistiche sul territorio anche come forma di aggregazione sociale; in questo senso, annoverare nuove leve e vederle impegnate con grande passione in quest’attività sportiva è fonte di grande gioia per i tanti componenti del sodalizio parmense.

“Esultiamo con e per Martina – esclama Gianni Assirati, infaticabile presidente di Collecchio Corse – e celebriamo questo successo che ha davvero un grande significato. Martina è stata bravissima, spiccando tra migliaia di navigatori iscritti al Rally Italia Talent, nonostante la ridottissima esperienza; questo mette in evidenza l’impegno e le qualità della nostra giovane portacolori. Ora saremo al suo fianco e la seguiremo passo dopo passo nel suo fresco cammino agonistico. Ci fa particolarmente piacere condividere la nostra gioia con il papà di Martina, Clemente, un amico nonché tra gli alfieri della prima ora di Collecchio Corse. Mi auguro che questo successo non solo alimenti la carriera di Martina, ma faccia da ulteriore volano alla promozione di questo splendido sport nella nostra terra: siamo pronti ad accogliere nuovi sportivi in Collecchio Corse e, del resto, la sede inaugurata solo un mese fa rappresenta un ambiente perfetto per consentire a tutti i nostri associati di coltivare la passione per gli sport motoristici”.