Articoli

Manrico Falleri e la tradizione posteriore

Un tot di foto, quelle più recenti, fanno sfoggio nel locale di famiglia. Le altre, quelle che hanno fatto da corredo agli anni più intensi, sono gelosamente custodite. È sabato e Manrico Falleri è costretto ad interrompere più volte il suo racconto, complice l’affluenza di clienti nella saletta con vista imbarcazioni del suo ristorante. Musica per le orecchie degli amanti dell’amarcord, quello di un’epoca dove l’elettronica lasciava ancora ampio margine alla spettacolarità. Parla con trasporto, il pilota della Versilia, dispensando aneddoti legati ad una carriera straordinaria, vissuta tra asfalto, terra, neve e ghiaccio.

Una carriera, la tua, costruita al volante di vetture come la Lancia Delta e la BMW M3…

“Le macchine fisiche mi sono sempre piaciute, una di queste è stata certamente la BMW M3. I primi passi, però, li ho mossi con una Peugeot 205. Capii subito che non era il mio ideale e passai, appunto, alla M3. Solo che quando mi sono potuto permettere questa vettura, gli altri avevano le Lancia Delta. Quando mi sono potuto permettere la Lancia Delta, in giro c’erano già le Subaru e le Toyota Celica. L’unico anno che ho corso con la vettura attuale è stato il 2004, con la Fiat Punto S1600 della Grifone”.

Sembra quasi impossibile vedere una BMW M3 con il numero 48 sulla fiancata. Utopia, se rapportata agli elenchi iscritti attuali…

È un aspetto che non può essere paragonato ai rally di oggi. Una BMW M3 potrebbe essere paragonata ad una vettura R4 di qualche anno fa. Le R4, solitamente, partivano nella prima decina. Ad una Coppa Città di Lucca partii addirittura con il numero 54 ed avevo, appunto, una M3. Un altro mondo, neppure lontanamente paragonabile allo stato attuale”.

Questo è un contenuto premium. Continua la tua lettura sul giornale. Scarica l’app o accedi da PC, abbonati e immergiti nella tua più grande passione

Quanto costa abbonarsi ad RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui), ci si potrà abbonare

Si avranno tre opzioni di acquisto, che riportiamo di seguito:

  • La singola copia di RS a 2 euro
  • L’abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) a 25 euro*
  • L’abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) a 60 euro*

Si può scegliere se leggere il giornale sul PC o su smartphone e tablet (tramite l’apposita app di Android e IOS) o se farsi leggere gli articoli, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento.

Manrico Falleri Sottosale con Radio Rally

Uno sguardo alle imbarcazioni in entrata nel porticciolo ed uno alla cucina. E’ al Sottosale – il suo nuovo locale in Versilia – che Manrico Falleri accoglie Radio Rally. A quasi trent’anni dall’esordio, in una giornata dove la primavera sembra essere definitivamente esplosa, racconta di quella che è stata l’ultima esperienza: il “Ciocco” con la Abarth 124. A pochi passi, il cappellino Hankook e la targa della Prima tricolore fanno sfoggio nella sala che, piano piano, va riempiendosi.

Una puntata dal sapore vintage, dove a farla da padroni sono i filmati che raccontano una carriera avviata nel 1990 al volante della Peugeot 205. “Troppo piccola, in tutti i sensi” fa sorridendo, tirando in ballo la propria costituzione fisica. Sarà lo stesso decennio ad elevarlo in termini di risultati ma, soprattutto, a rendere il suo nome una garanzia in termini di spettacolarità. BMW M3, Peugeot 309, Lancia Delta Integrale, Subaru… solo alcuni degli esemplari che è riuscito a domare. “Peccato che, quando mi sono potuto permettere la BMW M3, gli altri avessero tra le mani la Lancia Delta. Quando ho potuto permettermi la Lancia Delta, chi lottava per vincere guidava una Subaru”.

Eppure, Manrico Falleri è riuscito a rivelarsi più incisivo degli altri, quando le vetture richiedevano forza fisica. Nel 2001, la possibilità di cavalcare la Lancia Delta S4 nel Campionato Neve e Ghiaccio: “otto gare in due mesi, per poco non mi cacciano da casa” fa sorridendo, ammiccando ad un piatto di spaghetti allo scoglio appena uscito di cucina. Stefania Balderi, sua prima copilota, poi Sauro Farnocchia. Personaggi che Manrico Falleri racconta svelando aneddoti diventati storia, in un sabato di aprile che fa tornare indietro nel tempo.