Articoli

Le N5 sbarcano nel Rallycross Tricolore

Il Campionato Italiano Rallycross ACI Sport si arricchisce di una nuova categoria: si tratta della N5, che vedrà coinvolte vetture caratterizzate da ottime performance e basso costo. Le vetture N5 sono automobili a 4 ruote motrici vicine per prestazioni a una R5, ma con un costo di acquisto e uso ridotto di circa il 50% rispetto a questa categoria.

Su scocche di una qualsiasi vettura di serie a 4 posti vengono montati telaietti universali omologati che ospitano una meccanica e una ciclistica comune. Sono auto più lente di circa 1,5 sec/km rispetto alle R5, ma ne simulano in modo sorprendente il comportamento e il piacere di guida. Le vetture della categoria N5 sono tanto propedeutiche per i giovani quanto appaganti per i gentleman drivers.

L’importatore unico in Italia delle vetture N5 e dei relativi ricambi è la Dedo Engineering srl, che ha creato la prima N5 Factory in Piemonte, a Basaluzzo (AL), in collaborazione con il costruttore spagnolo RMC.

“È sempre una soddisfazione veder nascere una nuova categoria – commenta il presidente di Sport Club Maggiora, Promoter del Tricolore RX, Riccardo Fasola – è il segnale del crescente interesse nei confronti del Campionato; tra l’altro per le sue caratteristiche la categoria N5 risponde perfettamente agli obiettivi di SCM e della Commissione Off road & Cross Country Aci Sport presieduta da Gianluca Marotta, ovvero favorire la diffusione del Motorsport, e del Rallycross in particolare, in modo sempre più capillare”.

Modifiche al calendario

• 4/5 aprile Round 1 – Maggiora Offroad Arena – Maggiora (NO)
• 8/9 maggio Round 2 – Castelletto Circuit – Castelletto di Branduzzo (PV)
• 5 giugno Round 3 – Maggiora Reverse – Maggiora (NO)
• 6 giugno Round 4 – Maggiora Offroad Arena – Maggiora (NO)
• 31 luglio/1 agosto Round 5 – Castelletto Circuit – Castelletto di Branduzzo (PV) – Coefficiente 1,5 – Valido anche per Campionato Austriaco e FIA CEZ (Central European Zone)
• 4/5 settembre Round 6 – Ittiri Rally Arena – Ittiri (SS)
• 2/3 ottobre Round 7 – Wachauring – Melk (Austria) – Coefficiente 2 – Valido anche per Campionato Austriaco e FIA CEZ (Central European Zone)
• 30/31 ottobre Round 8 – Maggiora Offroad Arena – Maggiora (NO) – Coefficiente 2 – Valido anche per FIA CEZ (Central European Zone)

CIRX 2020: Cobbe, Firenze, Susta e Castoral campioni

Anche la giornata conclusiva di questo weekend del CIRX 2020 si è risolta in un grande spettacolo. Il Round 4 del Campionato Italiano Rallycross Toyo Tires, disputatosi a Maggiora Offroad Arena e valido anche per il Campionato FIA CEZ, non ha tradito le attese. In questa giornata si è deciso anche il Campionato. Infatti, l’ultima prova prevista a Ittiri a dicembre sarà al 99% cancellata, a causa della ripresa della pandemia Covid-19. A breve sarà presentato il calendario 2021: ovviamente tutto dipenderà comunque dagli sviluppi della pandemia Covid-19, la speranza è sia possibile disputare le 7 prove previste già quest’anno.

Supercar

La giornata è vissuta sul duello tra Luciano Cobbe, portacolori di Meteco Corse, e Ivan Carmellino: alla fine l’ha spuntata Luciano Cobbe con la sua Kia Ria, primo in 4’34”560. Ivan Carmellino, che era secondo, è stato tradito nei giri finali dalla sua Fiat Grande Punto e non ha terminato la prova, così come è capitato a Michele Andolina, autore comunque di una buona prova. Con questa vittoria Cobbe si laurea campione italiano Rallycross nella categoria Supercar.

Super1600

Colpo doppio per Jiri Susta (Skoda Fabia), che vince la gara e conquista il titolo di campione italiano di categoria dopo una giornata davvero ricca di emozioni e colpi di scena. Seconda posizione per il francese Damien Meunier (Renault Twingo), autore di una prova gagliarda, mentre terzo si è classificato l’ungherese Andrei Vajda.

SuperTouring

Senza avversari: Roman Castoral conferma il suo “clean sheet” e vince anche tutte le gare del Round 4, compresa la finale. Ovviamente il pilota ceco e la sua Opel Astra OPC si sono laureati anche campioni italiani nella categoria STC -. Ottima la prova dei fratelli Nicolini, con Marco secondo con la sua Peugeot 205 e Mattia terzo con la sua Citroen AX. Nella categoria STC + vittoria, con percorso netto, per il polacco Damian Litwinowicz (Honda Civic), davanti ad Alberto Palestrini (Renault Super 5) e Karl Schadenohofer (Vw Golf). Grazie in particolare ai risultati dei round 1 e 2 Palestrini è il nuovo campione italiano di categoria.

Kartcross

Weekend indimenticabile per Simone Firenze: due settimane fa il suo kart Semog Bravo e la sua officina erano sotto il fango e l’acqua dell’alluvione che ha colpito il Nord Italia. Oggi si è laureato campione italiano dopo una prova maiuscola, che fa il paio con quella di ieri. Gli avversari, a partire da Nicolas Giacomotti (Kep 2), ancora una volta secondo, sono rimasti lontani. Il terzo gradino del podio è andato a un ottimo Matteo Grieco (GMN Kart Cross).

CIRX: a Maggiora emozioni a non finire con il Rallycross

È successo veramente di tutto nel Round 3 del Campionato Italiano Rallycross ACI Sport powered by Toyo Tires, disputatosi oggi a Maggiora Offroad Arena e valido anche per il Campionato FIA CEZ: capottamenti, duelli, toccate, squalifiche e improvvisi colpi di scena hanno caratterizzato la giornata, in tutte le categorie.

Supercar

Veni, vidi, vici: il polacco, il polacco Zbignew Staniszewski (Ford Fiesta) ha vinto nella categoria regina dopo emozionanti duelli, in alcuni casi al limite del regolamento, con gli altri piloti in gara: 4’37”741 il suo tempo in finale sui 6 giri previsti. Staniszewski, che si è aggiudicato con questa vittoria anche la classifica generale del Campionato FIA CEZ, ha preceduto di 1”323 Luciano Cobbe (Kia Rio), che fa un passettino in avanti in proiezione campionato, e di 4”843 Ivan Carmellino (Fiat Grande Punto).

CIRX: a Maggiora emozioni a non finire con il Rallycross
CIRX: a Maggiora emozioni a non finire con il Rallycross

Super1600

Doppietta francese con Valentin Comte primo con la sua Renault Twingo in 4’49”736, davanti, per soli 0”964 al connazionale Damien Maunieur, anche lui su una Twingo. In terza posizione il giovane Jiri Susta (Skoda Fabia), staccato però di 5”932. Susta, con questo piazzamento, passa al comando della categoria, ma Comte, se continuerà a essere performante come oggi, potrebbe rivelarsi un brutto cliente per il giovane pilota ceco.

SuperTouring

Ancora un monologo del ceco Roman Castoral e della sua Opel Astra OPC nella STC -; dopo aver vinto tutte le Q Castoral si è aggiudicato anche la finale in 5’02”123. Buona la prestazione di Vladimir Marko, secondo con la sua VW Polo in 5’07”104, e ottima quella di Marco Nicolini, ancora sul podio con la sua Peugeot 205 con il tempo di 5’12”265. Nella STC+ il polacco Damian Litwinowicz ha vinto, dopo aver dimostrato un ottimo affiatamento con la sua Honda Civic, in 4’53”824. Ben 9”, esattamente 9”457, il distacco rifilato a un pilota forte come l’austriaco Karl Schadenofer (VW Golf).

Kartcross

Sembrava spacciato: con il motore rotto non sembravano esserci più speranze per Simone Firenze (Semog Bravo). Invece il mergozzese, dopo essersi qualificato per il rotto della cuffia alle semifinali, ha vinto alla grande la finale con il tempo di 4’37”311. Seconda posizione, a 2”608, per un bravissimo Nicolas Giacomotti (Kep 2), mentre sul terzo gradino del podio è salito Filippo Bossetti (GMN Kart Cross) con il tempo di 4’40”714. Con questa vittoria Firenze sale a quota 85 pt in classifica generale davanti ai fratelli Maicol (80) e Nicolas Giacomotti (73).

CIRX: a Maggiora di scena anche il round 2 della serie

Ancora una grande giornata di sport oggi a Maggiora Offroad Arena per il Round 2 del CIRX 2020, Campionato Italiano Rallycross. I 42 piloti impegnati nelle diverse categorie non si sono risparmiati, regalando grandi emozioni agli addetti ai lavoro. L’evento infatti si è dovuto tenere a porte chiuse. Il Round 1 si è svolto nella giornata del sabato.

Supercar

Torna al successo dopo due anni il pilota svedese con licenza italiana Oscar Ortfeldt, che ha portato la sua nera Ford Fiesta alla vittoria con il tempo di 4’46”042; seconda posizione, a 1”081, per il vincitore di ieri Luciano Cobbe, con la sua Kia Rio. Da sottolineare la prestazione di Ivan Carmellino, che pur essendo rimasto con la sola terza marcia, è riuscito a concludere in terza posizione con il tempo di 5’02”386.

Super1600

Senza rivali Yuri Belevskiy (Audi A1): oggi l’elvetico ha vinto tutte le Q e la finale con il tempo di 4’38”343; seconda posizione, a debita distanza – 4”586 – per il compagno di squadra Nils Volland (Audi A1). Il terzo gradino del podio è andato come ieri al giovanissimo al giovanissimo Jiri Susta (Skoda Fabia) in 4’45”273.

SuperTouring

Roman Castoral e la sua Opel Astra OPC bissano il successo di ieri e diventano i grandi favoriti per la conquista del campionato italiano di categoria. Il pilota ceco ha vinto in 5’00”769. Marco Nicolini, decisamente in crescita con la sua Peugeot 208, si prende ancora il secondo posto in 5’10”043. Stasera si festeggerà in casa Nicolini, perché il fratello di Marco, Mattia (Citroen AX), ha conquistato la terza posizione con il tempo di 5’20”489.

Kartcross

Dopo qualche piccola difficoltà di adattamento Simone Firenze ha via via preso le misure al suo nuovo Semog Bravo e ha conquistato la vittoria con il tempo di 4’33”706. Seconda posizione, a soli 0”389, per Marcello Gallo (Lifelive TN5), mentre il terzo posto è andato a Gabriele Zoppetti che ha chiuso a 1”234 dal vincitore. Questi distacchi bastano a far capire quanto sia stata combattuto l’intero Round. A Marcello Gallo rimane però la soddisfazione di aver stabilito il nuovo record della pista, abbattendo il muro dei 43”: 42”992 il tempo stabilito nelle prove libere dal pilota di Gozzano.

Campionato Italiano Rallycross: grande spettacolo a Maggiora

Grandi duelli fin dalle qualificazioni, colpi di scena e gare tiratissime per la giornata che ha mandato in scena il round 1 del Campionato Italiano Rallycross, che finalmente è ripartito dalla Maggiora Offroad Arena il 12 settembre 2020. Domenica 13 settembre va in scena il round 2, sempre in quel di Maggiora e ci sarà da divertirsi con sfide che sono soltanto rinviate, a questo punto.

Supercar

Ottima prova del rallista Luciano Cobbe, che al debutto nella specialità e assecondato dalla Kia Rio preparata ottimamente da Gigi Galli, ha vinto con il tempo di 4’42”497. Cobbe ha preceduto il campione italiano 2017 Ivan Carmellino (Fiat Grande Punto) di 3”297 e di 38” Davide Negri (Subaru Impreza) che domani lascerà il volante al figlio Alessandro.

Super1600

Lo svizzero di origine bielorussa Yuri Belevskiy ha dimostrato che il 4^ posto nella classifica finale del Campionato Europeo 2019 non era un caso, risultando spesso imprendibile per gli avversari. Sua la vittoria in finale, grazie anche a un’Audi A1 perfetta, con il tempo di 4’41”155; seconda posizione, a 7”815, per Valentin Comte, che con la sua agile Renault Twingo ha cercato di contrastare Belevskiy soprattutto in partenza. Terza posizione, dopo una bellissima lotta con Nils Volland (Audi A1), al giovanissimo Jiri Susta (Skoda Fabia) in 4’52”675.

SuperTouring

Gara senza problemi per Roman Castoral e la sua Opel Astra OPC: il plurititolato pilota ceco ha vinto in 5’07”085, distanziando un pur bravo Marco Nicolini (Peugeot 208) di 15”852; terza posizione per Franco “Frenk” Fusi in 5’30”083.

Kartcross

Gare combattutissime come sempre accade, in questa categoria che però ha visto un pilota su tutti in finale: Maicol Giacomotti che, al debutto con il Planet Kart Cross K3, è stato il più veloce con il tempo di 4’37”325. In realtà la giornata era iniziata male per il pilota verbanese, con una rottura nelle libere e una falsa partenza in Q1.
Alle spalle di Giacomotti si è piazzato, con 4’40”390, Riccardo Canzian (Speedcar Xtreme), che si conferma pilota con cui chi aspira alla vittoria finale dovrà fare i conti. Terza posizione per il belga Jan Keller (Peters Cross) in 4’44”667.

Il CIRX 2020 accende i motori a Maggiora per un giorno di test

Il CIRX 2020 accende i motori a Maggiora per un giorno di test. Esattamente, si è tornati finalmente in pista, con le dovute cautele e a porte chiuse. Un importante segnale di ritorno verso la normalità: domenica 24 maggio si è svolta, rigorosamente a porte chiuse, una giornata di test a Maggiora Offorad Arena, che ha visto impegnati alcuni dei piloti che gareggeranno nel Campionato Italiano Rallycross.

“Dopo oltre due mesi di incertezza e paura – spiega Riccardo Fasola, presidente di Sport Club Maggiora, promoter del Tricolore RX – il Test Day è stato un simbolo, da una parte, della voglia di tornare a occuparci dello sport che amiamo, dall’altra della capacità di Sport Club Maggiora di adattarsi alla nuova situazione; sono infatti state adottate tutte le precauzioni per svolgere i test in sicurezza, ed è stato stilato un regolamento per l’accesso al nostro impianto che è stato scrupolosamente seguito da tutti i partecipanti ai test”.

Quanto sia grande la voglia di tornare a correre, sia pure solo per dei test, lo testimonia il fatto che i posti disponibili sono stati occupati in breve tempo.

“La risposta dei piloti – continua Fasola – ci rassicura sul fatto che la loro passione non si sia assopita con il lockdown, anzi! Con l’organizzazione, appena è stato possibile, di questo Test Day, abbiamo voluto dare un segnale forte: appena le disposizioni governative lo consentiranno, Sport Club Maggiora sarà pronta anche per organizzare una gara vera e propria, ovviamente nel rispetto di imprescindibili criteri di sicurezza ed economicità dell’evento”.

Intanto un primo risultato è già stato raggiunto: visto il buon esito della giornata di ieri, il Test Day, sarà ripetuto anche il 7 e il 21 giugno, sempre a porte chiuse: “Ieri – spiega Fasola – la giornata si è svolta regolarmente, grazie alla collaborazione e alla disponibilità di tutti. Abbiamo quindi deciso di ripetere il test day in altre due occasioni a giugno. Tra l’altro – ricorda Fasola – proprio nel weekend del 6/7 giugno avrebbe dovuto svolgersi il Round 4 del Tricolore: non si gareggerà, ma almeno saremo in pista: attualmente è già un grande risultato!”.

Rinviato il debutto del Campionato Italiano Rallycross

Una decisione sofferta ma inevitabile: Sport Club Maggiora, promoter del Campionato Italiano Rallycross, ha deciso, a causa dell’emergenza Covid-19, di rinviare a data da destinarsi il primo round della serie tricolore, che era in programma a Pasqua e Pasquetta (12-13 aprile) a Maggiora Offroad Arena.

“Si tratta di un momento triste per noi – afferma il Presidente di Sport Club Maggiora, Riccardo Fasola – per la prima volta in quasi 50 anni non si sentirà il rombo dei motori a Pasquetta nell’autodromo Pragiarolo. È una decisione dolorosa, ma assolutamente inevitabile: anche se, come speriamo tutti, il 3 aprile dovesse cessare definitivamente lo stato di emergenza, non ci sono comunque le basi organizzative e logistiche per proporre un evento così complesso la settimana successiva”.

L’obiettivo di Sport Club Maggiora è comunque quello di mantenere tutti e sette i round previsti prima che scoppiasse questa emergenza sanitaria: “Come è sempre stato nel nostro spirito – conferma Fasola – noi guardiamo avanti: cercheremo in tutti i modi di far disputare tutte le prove del Campionato e ci stiamo muovendo in questa direzione; appena la situazione si sarà meglio delineata proporremo un nuovo calendario del Campionato”.

Rallycross: emozioni tricolori a Maggiora

Come da tradizione il pubblico entusiasta e appassionato di Maggiora Offroad Arena ha potuto godere dello spettacolo offerto dai piloti del Campionato Italiano Rallycross e del Campionato Svizzero di Autocross in una Pasquetta caratterizzata da una giornata gradevole sotto ogni profilo.

Kartcross. Grande agonismo come sempre in questa categoria, in cui ogni Q sembra una finale; alla fine l’ha spuntata “El Diablo”, Simone Firenze (Planet Kartcross K3) in 4’43.956, alla media di 77.285 Km/h, sui sei giri previsti; seconda posizione per un ottimo Marcello Gallo in 4’44.407, mentre terzo, in grande rimonta dopo un weekend piuttosto complicato, si è piazzato Nicolò Grieco (GMN Kartcross).

Super1600. Un weekend decisamente positivo per Marco Valazza che con la sua Ford Fiesta si è aggiudicato 3 Q su quattro per poi andare a vincere la finale in 5’11.274; avrebbe meritato un bel piazzamento anche Silvano Ruga (Renault Clio) ma un contatto proprio con Valazza lo ha costretto al ritiro. Sul podio sono quindi andati Marco Battelli (Citroën C2) in 5’18.896, e Pasquale Delfino, (Citroën Saxo) al rientro dopo un anno di pausa, in 5’32.999,

Supercar. Sempre davanti, tranne che nella Q4 dove è stato penalizzato per non aver effettuato il Joker Lap, Gigi Galli (Kia Rio) ha trionfato in finale in 4’42.058; non è stato però un weekend facile per il grande rallista, che ha comunque affermato di essersi divertito molto, a causa di alcuni problemi di gioventù della sua vettura. Ottimo secondo Nicola Agrelli (4’54.369), all’esordio con la Volkswagen Scirocco, mentre terzo si è classificato Franco Mollo (Ford Fiesta R5), nonostante uno stop durante la finale.