Articoli

Fabio Carnevale e Mirko Liburdi si impongono a Pico

È ancora una volta una una Skoda Fabia R5 a vincere il Rally di Pico. Per il terzo anno consecutivo una vettura ceca monopolizza la competizione laziale che si è disputata all’ombra del Rally Roma Capitale. L’edizione numero 42 della gara è stata vinta da Fabio Carnevale e Mirko Liburdi. Una gara dominata in ogni prova speciale: Carnevale-Liburdi hanno vinto quattro delle cinque prove in programma, mentre la PS3 di Pico è stata cancellata per incidente.

Il rally valido per la Coppa di Zona è scattato con la PS Pico-Greci, con Carnevale subito vincitore con soli 3″5 sull’altra Skoda Fabia R5, quella guidata da Carmine Tribuzio. Poi, sul tratto di Roccasecca, Carnevale ha concesso il bis con 2″3 su Gravante (Skoda Fabia R5). Due vittorie che hanno consegnato tranquillità e serenità già a metà gara. Tribuzio ha pagato 17″1 e Gravante 22″4.

A questo punto, Carnevale, pur potendo iniziare a gestire la gara, sulla PS4 di Pico si è consacrato, vincendo con 9″1 su Tribuzio, mentre Gravante era costretto al ritiro con Laganà (Skoda Fabia R5) che balzava in terza posizione. L’ultima prova, la Roccasecca di 14 chilometri, è stata una vera e propria passerella con Carnevale che ha calato il poker vincendo la gara su Tribuzio, che ha accusato un distacco di 40″9, e su Laganà, lontano 2’32″6.

A ridosso del podio conclude la gara picana la Mitsubishi Lancer Evo IX Gass Racing R4 di Luca Santoro e Carmen Grandi. Buon quinto posto e successo tra le due ruote motrici per Mario Trotta e Marco Lepore, su Peugeot 106 Gruppo A, autori di una gara determinata sugli asfalti della provincia di Frosinone. Con il sesto posto l’equipaggio Project Team formato da Mario Francesco Tuzzolino e Alessandro Falasca si è aggiudicato il primato nella classe R2B con la Peugeot 208.