Articoli

ERC 2020, Rally di Roma: anticipazioni e curiosità

Al Rally di Roma ci sarà Fabian Kreim nell’ERC 1 Junior 2020 con una Volkswagen Polo GTI R5. Il tedesco, campione in patria, era passato all’ERC nel 2018 centrando il podio proprio in Italia e al Rally Islas Canarias, combattendo per il titolo e chiudendo terzo l’anno, per poi tornare a concentrarsi sul campionato nazionale nel 2019, vinto con la Skoda Fabia affiancato da Tobais Braun.

Stavolta Kreim ritrova il co-pilota Frank Christian, passando dalla Skoda alla Volkswagen per il primo round dell’ERC 1 Junior 2020 per il quale punta al podio. “Sono molto contento di correre questa gara così tecnica su asfalto – ha detto il 27enne – Ho provato la VW Polo GTI R5 e mi sono trovato subito benissimo, la macchina ha un gran potenziale, anche se la guidabilità è diversa completamente come set-up rispetto alla Skoda. Sarà una grande battaglia e voglio fare esperienza con questo mezzo, oltre che lottare per la vittoria in ERC 1 Junior”.

Christian ha aggiunto: “E’ stato bellissimo tornare in macchina dopo gli ultimi mesi, era passato tempo dall’ultimo viaggio e dai km percorsi con una macchina da rally. Fabian mi ha chiesto di andare con lui a Roma e non ho esitato ad accettare”.

Ma c’è pure Dennis Radstrom al Rally di Roma, che si presenta come pretendente all’ERC 3 Junior 2020 dopo la vittoria ottenuta al Rally Bohemia. Affiancato da Johan Johansson, il pilota della Orsak Rallysport ha vinto tutte e diciotto le PS con la sua Ford Fiesta Rally4.

“E’ stato molto divertente ed è bello prepararsi così in vista del debutto nell’ERC a Roma – ha detto lo Dennis Radstrom –. Abbiamo trovato il modo di essere veloci, che è quello che volevamo prima dell’Italia. Johan e il team hanno lavorato perfettamente per tutto il weekend, e la nuova Ford Fiesta Rally4 della M-Sport Poland è assolutamente fantastica”. Johansson ha aggiunto: “Nonostante il grande vantaggio finale siamo dovuti rimanere concentrati fino alla fine per vincere. Siamo fiduciosi per Roma”.

Tra l’altro, partita al Rally di Ungheria 2019, nel quale erano stati premiati i primi tre di ERC1 ed ERC2 con dei buoni per le benzine da gara P1 XR5 da utilizzare per gli eventi successivi, l’iniziativa sarà ripetuta anche quest’anno per ridurre i costi degli equipaggi. Il primo di ogni categoria riceverà 150 litri, mentre il secondo 100 e il terzo 50 litri.

WRC2, Rally di Germania: Fabian Kreim sempre al top

Nonostante la carriera relativamente breve, Kreim ha già vinto due titoli tedeschi con Pirelli e Skoda Deutschland, ed è attualmente in testa al campionato nazionale 2019. Al Rally di Germania ha avuto a disposizione per la prima volta la nuova Skoda Fabia Evo e fin dall’inizio è stato ai vertici della categoria.

Terzo dopo lo tappa di venerdì, è riuscito a evitare problemi sulle impegnative prove asfaltate e sabato a metà giornata è passato al comando. Nei due conclusivi giri sulle prove nell’insidiosa area militare di Baumholder, è rimasto saldamente in testa fra le WRC2 concludendo 12° assoluto a meno di un minuto dal vincitore del WRC2 Pro.

Altri successi nelle classi. Kajetan Kajetanowicz, tre volte Campione Europeo Rally con Pirelli, ha consentito al marchio italiano di avere due piloti sul podio WRC2, grazie al terzo posto con la sua Volkswagen Polo a soli 3” dal secondo. Non solo: complessivamente i piloti Pirelli hanno vinto fra le WRC2 più della metà delle prove speciali del rally.

Altre soddisfazioni a Pirelli le hanno garantite altre tre vittorie di categoria, due delle quali firmate dal duo padre-figlio Hermann Gassner Sr e Jr. Papà ha vinto nella gara nazionale con una Mitsubishi Lancer Evo X, mentre suo figlio ha vinto la classe RC3 con la Toyota GT86 a trazione posteriore. Infine Roman Schwedt, che di solito gareggia nello Junior ERC3 Junior supportato da Pirelli, è stato il migliore della classe RC4 con la sua Peugeot 208 R2.

Nikolay Gryazin è campione europeo Under 28

La corsa è finita: Nikolay Gryazin è il vincitore della Fia Cer Junior Under 28 Championship 2018. Ha combattuto contro Chris Ingram e Fabian Kreim per tutta una stagione e il titolo è arrivato al Rally Liepāja, concluso dopo due giorni di intensa di azione sulla ghiaia della Lettonia. A Gryazin, 21 anni, sarà ora offerto un giro in una gara WRC con una World Rally Car Evo 2016 nel Campionato del Mondo 2019 dal Cer. Il tedesco ha vinto la prima edizione del Cer Junior Under 28 nello stesso posto in cui aveva vinto il titolo 2017 (a proposito, il premio dell’anno scorso lo ha riscattato al Deutschland con la Citroën DS3 WRC).

Nikolay Gryazin

Nikolay Gryazin in azione in Lettonia.

In alternativa, il campione europeo rally 2018 può anche scegliere due eventi del Cer 2019 con una R5, per un valore complessivo di 100 mila euro. Non v’è alcuna restrizione sulla squadra o sulla scelta dell’auto. ‘Congratulazioni a Nikolay su questo risultato fantastico’, ha detto il coordinatore del Campionato Europeo Rally, Jean-Baptiste Ley. ‘Con tre piloti in lizza a Liepāja per questo prestigioso titolo Fia e per l’incredibile premio. Una fine eccitante per il campionato. Tutti e tre i piloti hanno fatto grandi cose in questa stagione e hanno dimostrato qualità. Tuttavia, non ci può essere un solo vincitore e Nikolay è certamente un campione meritevole’.

Gryazin, che correva con gomme Pirelli e con la Skoda Fabia è stato copilotato da Yaroslav Fedorov nella categoria R5: ha vinto al Rally Islas Canarias, Barum Czech Rally Zlín, PZM Rally di Polonia e ora Rally Liepāja. Con gli ultimi due trionfi ha centrato il titolo definitivo. ‘E’ bello e sono molto soddisfatto’, ha detto il pilota da corsa Sport Technologies. ‘Il nostro obiettivo non era quello di spingere, ma alla fine lo abbiamo fatto e ora posso dormire tranquillo. Non sono bravo a mostrare le emozioni, ma sono davvero felice. Siamo migliorati molto quest’anno, abbiamo avuto una buona strategia e una buona preparazione per ogni evento’.