Articoli

Alex Tsouloftas sarà al via dell'Erc 2019

Erc 2019: Alex Tsouloftas si candida per il titolo Junior

Alex Tsouloftas sarà al via dell'Erc 2019

Alex Tsouloftas sarà al via dell’Erc 2019

Il nome del giovane cipriota Alex Tsouloftas è emerso come un primo potenziale contendente per l’Erc Junior 2019 dopo la firma con Dbo Motorsport per la disputa dell’intero Campionato Europeo Rally. Nonostante la limitata esperienza, Tsouloftas arrivato quarto al suo debutto Campionato Europeo Rally e su una R5, all’Acropolis Rally nel 2017. Al Rally di Cipro due settimane più tardi, era in seconda posizione dopo nove PS, fino alla doppia foratura che lo ha escluso dai giochi. Ma ha colpito nel segno completando la manifestazione come il più veloce pilota locale e vincendo il Trofeo Out Cer intitolato a Colin McRae.

Tsouloftas ha preso parte a due gare del Cer nel 2018: all’Acropoli si è ritirato a causa del differenziale. Al Rally di Cipro, durante la prima giornata ha patito un guasto meccanico, ma nel secondo giorno è ripartito così veloce che Eurosport.com lo ha definito il “Ragazzo d’oro del Cer”. Tsouloftas cambierà la sua Citroën DS3 R5, per una Skoda Fabia R5 di Toksport con sede in Germania, che ha aiutato Chris Ingram a centrare il secondo posto nell’Erc Junior Under 28 2018.

Alex Tsouloftas sarà al via dell'Erc 2019

Alex Tsouloftas sarà al via dell’Erc 2019

Il ventiseienne potrà prendere punti nella classifica generale e dell’Erc1 Junior, la categoria per i conducenti di R5 che sono più giovani di ventotto anni all’inizio del 2019. “Il Cer è il campo di allenamento finale per giovani piloti che mirano al Mondiale – ha detto Tsouloftas -. Con eventi su tutti i tipi di superfici e condizioni, è un campionato promosso su scala mondiale da Eurosport e altre reti. Lo ritengo buono per costruire la tua carriera prima del livello più altro. Il mio obiettivo è il titolo Erc1 Junior e, successivamente, cercare di puntare più in alto possibile nella classifica generale. So che il primo anno e devo fare esperienza. Sarà un anno divertente”.

Jean-Baptiste Ley, coordinatore del Cer, ha dichiarato: “Abbiamo seguito da vicino Alex da quando ha fatto il suo exploit al debutto nel Cer 2017 e siamo davvero soddisfatti. È stato in grado di mettere insieme un budget per un’intera stagione nel Cer Junior con una delle migliori squadre. Alex ha molto da imparare, ma ha già dimostrato la capacità di adattarsi al nuovo ambiente in modo rapido e avere un ritmo forte”. Il Cer 2019 si articola in otto eventi, quattro su asfalto e quattro terra. La gara di casa per Tsouloftas, il Rally di Cipro, è prevista per il 27-29 settembre.

La Oreca è soddisfatta del fatto che le R4-K segneranno punti

Erc 2019, R4-K a punti: la soddisfazione di Oreca

A partire dal 2019, le vetture R4-K marcheranno punti nell’ERC 2 insieme alle R-GT e alle tradizionali N4, il che rappresenta un ulteriore stimolo per la categoria. Oreca ha sviluppato ed è responsabile della distribuzione del kit di componenti R4, per le vetture R4-K in gara nell’Europeo Rally e nei vari campionati nazionali di tutto il mondo. Carlos Pina Vaz di Oreca ha dichiarato: “Siamo stati molto contenti che le vetture R4-K possono competere per la vittoria nell’ERC 2 del Campionato Europeo Rally 2019. Considerando che si tratta di quattro ruote motrici con grande capacità di adattarsi alla ghiaia e all’asfalto, nonché il rapporto prestazioni-costi perfettamente in linea con la filosofia dei team e dei piloti in gara nel Cer, la classe R4 sembrava particolarmente pertinente al contesto del Campionato Europeo Rally. C’era già un forte interesse, questo annuncio ha davvero generato entusiasmo tra i team già coinvolti con R4 così come coloro che sono disposti ad affrontarlo”.

La Abarth 124 Rally Cup sarà protagonista anche nel 2019

Abarth Rally Cup di nuovo nell’Europeo Rally: montepremi

L’Abarth 124 Rally nel 2019 continuerà a essere protagonista nel panorama racing internazionale partecipando all’European Rally Championship. L’Abarth Rally Cup 2019, con un nuovo regolamento, si articolerà su sei gare scelte tra gli appuntamenti dell’Erc.
Con più di quaranta successi di categoria l’Abarth 124 Rally nel 2018 ha riportato lo spettacolo della trazione posteriore in questa affascinante specialità diventando l’auto da battere nella categoria R-GT.

Dopo una stagione ricca di successi, culminati con la conquista della Coppa Fia R-GT, del Campionato Europeo Rally e di undici campionati nazionali di categoria, nel 2019 punta a rimanere protagonista e difendere i titoli conquistati. L’impegno in ambito internazionale sarà nell’Erc al cui interno vivrà il campionato monomarca Abarth Rally Cup 2019. Il monomarca si articolerà su sei gare valide per il titolo continentale, quattro delle quali con percorso su asfalto e due su sterrato.

Calendario gare Abarth Rally Cup

Rally Islas Canarias (Spagna), 2-4 maggio, asfalto

Rally Liepāja (Lettonia), 24-26 maggio, terra

Rally Poland (Polonia), 28-30 giugno, terra

Rally di Roma Capitale (Italia), 19-21 luglio, asfalto

Barum Czech Rally Zlín (Repubblica Ceca), 16-18 agosto, asfalto

Rally Hungary (Ungheria), 1-3 novembre, asfalto

Entrambe le tipologie di superfice di gara, terra e asfalto, si adattano perfettamente alle caratteristiche della spider dello Scorpione che, come ha dimostrato quest’anno, è competitiva e affidabile su tutti i tipi di terreni. Anzi, è proprio dove il percorso si snoda su fondi a scarsa o difficile aderenza che l’Abarth 124 ha mostrato le sue eccellenti doti di guidabilità, trazione, equilibrio risultando, in molte occasioni, di essere più veloce delle più potenti e – sulla carta – più performanti auto a trazione integrale. Come, ad esempio, nel mitico Rallye di Montecarlo quando Andrea Nucita e Marco Vozzo hanno ottenuto un incredibile 4° tempo assoluto – ben più veloci delle vetture WRC Plus ufficiali – nella prova speciale più difficile della gara, caratterizzata da fondi a bassissima aderenza con molto ghiaccio e neve.

Proprio queste esperienze hanno portato i tecnici Abarth a sviluppare ulteriormente e far maturare il progetto dal punto di vista prestazionale. Oggi la 124 rally è pronta ad affrontare e a essere protagonista in qualunque gara e su tutti i tipi di terreni. L’Abarth 124 rally è ora disponibile al prezzo di 11.000 euro inclusa la fee di partecipazione al campionato ERC. Luca Napolitano, Head of Emea Fiat & Abarth Brands, ha commentato la nuova stagione: “L’Abarth 124 rally in solo due stagioni si è affermata come l’auto da battere nella classe R-GT, regalando emozioni lungo le strade e vittorie su tutti i terreni. Rally come il Montecarlo e il Tour de Corse sono stati il suo terreno di caccia: nel Principato la 124 Abarth si è inserita tra le WRC nella prova speciale più dura della corsa segnando il 4° tempo assoluto”.

“In Corsica, la 124 Rally non solo ha vinto ma le quattro auto in gara sono arrivate sotto la bandiera a scacchi una dopo l’altra. L’anno prossimo vogliamo migliorare i risultati di quest’anno, continuando ad essere protagonisti a livello internazionale nell’Erc con una nostra Cup. In ciascuna gara ci sarà un’area dedicata Abarth con la nostra hospitality, che diventerà il punto di incontro per piloti e fan dello Scorpione. Inoltre, daremo supporto in tempo reale ai team grazie al servizio ricambi in gara e alla presenza capillare dei nostri tecnici”. Continua Napolitano: “Il racing fa parte – da sempre – dell’identità di Abarth e ne incarna i valori e la partecipazione alle corse permette di rinsaldare questo legame con la storia e con il futuro di Abarth. Inoltre ci consente di testare le novità tecniche e tecnologiche nelle condizioni più severe di sviluppo per il loro successivo travaso sui modelli di serie, perché vogliamo offrire ai nostri clienti prodotti sempre più performanti e affidabili”.

Regole e premi dell’Abarth Rally Cup 2019

Dopo due anni di corse l’Abarth 124 rally vanta già oltre cinquanta vittorie nella categoria R-GT, ritrovandosi così a ricoprire il ruolo di regina tra le Gran Turismo. Un ruolo conquistato sul campo a suon di successi, molti dei quali abbinati a ottime posizioni nella classifica assoluta. Inoltre l’Abarth 124 rally sta contribuendo alla crescita della spettacolarità del campionato oltre che nel numero di partecipanti alla Coppa FIA R-GT, in pratica il campionato mondiale delle gran turismo, che l’Abarth 124 rally ha conquistato con i francesi Raphael Astier e Frédéric Vauclare del Team Milano Racing. Decisamente interessante il montepremi del che prevede per ogni gara un premio di 12.000 euro per il vincitore della classe R-GT; 10.000 euro al secondo classificato; 8.000 euro il terzo; e 4.000 euro per il quarto. Il vincitore del Trofeo riceverà un premio finale di 30.000 euro.

L’Abarth Rally Cup 2019 è inserita nell’ambito del FIA-ERC, Campionato Europeo Rally, promosso dalla rete televisiva Eurosport, che garantisce ampia visibilità ai partecipanti. I team e i piloti partecipanti alla Cup saranno supportati sui campi di gara direttamente da Abarth inoltre, all’interno del “villaggio dello Scorpione”, troveranno spazio le aree assistenza destinati ai team privati, l’hospitality e il van Abarth con il servizio ricambi. Oltre che nell’Abarth Rally Cup la vettura, potrà partecipare a tutte le gare FIA e nei campionati nazionali che ammettono la categoria R-GT. Piloti e team possono in questo modo ottimizzare l’investimento puntando ad aggiudicarsi i cospicui premi della Cup, partecipando nella stessa stagione ad altri campionati nazionali e internazionali.

La Cup regalerà anche spettacolo ed emozioni agli appassionati dello Scorpione che accorreranno sui campi di gara. Infatti, gli “Abarthisti” avranno modo di vivere la loro passione Abarth parlando con piloti, sedendo al loro fianco durante i weekend di gara, provando le auto di produzione disponibili ogni weekend per i test drive, “toccando con mano” le performance insomma, vedendo da vicino come la tecnologia viene trasportata dalle gare alla “strada”. Un esempio è la nuova Abarth 124 GT, la serie speciale che combina le emozioni di guida che solo una vera roadster sa regalare, con la sinuosità di una coupé, grazie ad un hard top tecnico, leggero e sicuro, l’unico sul mercato totalmente in fibra di carbonio, proprio come quello montato sulla versione da rally.

Pronto il calendario gare del Campionato Europeo Rally 2019

Dove e come si correrà il Campionato Europeo Rally

Approvato il calendario gare del Campionato Europeo Rally 2019, serie con una storia e una tradizione decisamente più lunghe del WRC. Di seguito, RS Rally e Slalom pubblica il calendario provvisorio dell’Erc 2019, articolaro con quattro rally su asfalto e quattro su terra. Sostanzialmente l’equilibrio perfetto che può aiutare giovani piloti ad emergere nel World Rally Championship, a differenza delle prospettive italiane, decisamente ‘asfaltocentriche’…

Azores Airlines Rallye, 21-­23 marzo (ERC Junior) sterrato

Rally Islas Canarias, 2-­4 maggio (ERC Junior), asfalto

Rally Liepāja, 24-­26 maggio (ERC Junior), sterrato

Rally Poland, 28-­30 giugno (ERC Junior), sterrato

Rally Roma Capitale, 19-­21 luglio (ERC Junior), asfalto

Barum Czech Rally, 16-­18 agosto (ERC Junior), asfalto

Cyprus Rally, 27-­29 settembre, sterrato

Rally Hungary, 8-­10 novembre, asfalto

La Polo GTI R5 è quinta al Rally Sprint Praga

La Volkswagen Polo GTI R5 chiude quinta a Praga

La Volkswagen Polo GTI R5 ha centrato un buon risultato al suo debutto con l’equipaggio ceco Vojtěch Štajf e Karel Janeček, mancando di poco la vittoria al Praga Rally Sprint, dove è avvenuto il debutto come vettura clienti. Col numero 21 sulle fianncate, Štajf-Janeček, con la vettura del team BRR Baumschlager Rallye & Racing, sono finiti quinti, a soli 6″1 dal duo vincitore, composto da Martin Koči e Radovan Mozner jr. Verso la fine, Štajf-Janeček aveva un vantaggio di oltre 13″ e sembrava destinato a rivendicare la prima vittoria per la Polo GTI R5.

Tuttavia, sono stati costretti a rinunciare a questo sogno, quando un errore li ha visti colpire un cordolo che è costato loro tempo prezioso. Štajf-Janeček. A poco più di una settimana dalla consegna delle prime vetture, Praga Rally Sprint ha rappresentato la prima uscita in gara per una Polo GTI R5 clienti. La Polo GTI R5 aveva già dimostrato la sua velocità su ghiaia e asfalto al Rally di Spagna nel mese di ottobre, in cui Petter Solberg e Veronica Engan, oltre a Eric Camilli e Benjamin Veillas, l’avevano fatta debuttare.