Articoli

Al Rally MonteCarlo la Dacia Sandero R4 di Dionisio

Al via del Rally di MonteCarlo, in mezzo alle 80 vetture iscritte, ha già confermato la presenza una Fiat MR 500X R4 della Milano Racing.

Notizia di oggi è che, nella stessa categoria della 500X R4 ci sarà anche una Dacia Sandero R4 Kit, basata sul kit Oreca, con un motore turbo a quattro ruote motrici 1.6L sviluppato dal team ASM Motorsport.

La presenza della Dacia Sandero R4 Kit al Rally di MonteCarlo 2020 è avvalorata dall’equipaggio tutto italiano. A bordo della vettura rumena ci saranno infatti i “nostri” Ermanno Dionisio e Grimaldi.

Rally du Condroz: la Sandero R4 col kit Oreca debutta in Francia

Al Rally du Condroz è atteso il debutto francese della Dacia Sandero R4 con il kit di Oreca. Sembra che, grazie alle ultime precisazioni introdotte nella normativa delle vetture R4 Kit, all’orizzonte ci sia qualcosa di buono. La classe R4 Kit, nata per ridurre i costi di alcune tipologie di auto da rally a quattro ruote motrici e per colmare il vuoto prestazionale che separa le vetture della R3 dalle macchine della R5, sta facendo dando vita a nuovi progetti, come quello della spagnola ASM Motorsport, finalmente pronto all’esordio francese in gara, dopo due gare test effettuate in Spagna.

La Dacia Sandero R4 Kit, ha un motore di 1.600 cc progettato e sviluppato da Oreca, è una 4×4 come tutte le R4 Kit ed è dotata di cambio sequenziale a 5 rapporti. Inoltre, il preparatore spagnolo è intervenuto sul telaio, migliorando l’aereodinamicità grazie ad interventi che non riguardano il propulsore. Ha già esordito in Spagna, ma per SMS si trattava di due gare test, prima del debutto vero e proprio, se così può essere definito.

“Il futuro dei rallysti privati, forse anche dei semi-ufficiali, passerà attraverso la classe R4 Kit. Queste sono auto estremamente competitive, concepite per le corse e seguendo una forte politica di contenimento dei costi. Paradossalmente, adesso è necessario che le persone vedano e valutino quanto sia facile fare i rialzi, anche in termini di ricerca delle componenti”, spiega Alex Sabater, un passato da rallysta e ora amministratore di ASM Motorsport.

“Il mercato dei rally ha bisogno di una scossa e questa è una scommessa sicura – prosegue il CEO -. Si tratta del naturale sbocco al termine dell’esperienza con un’auto da rally a due ruote motrici. Vedremo presto diverse Case entrare in questa categoria, rispetto alla R5”. Anche perché le R4 Kit possono correre sia nel WRC sia nelle serie nazionali organizzate da federazioni competenti e attente all’evolversi delle tecnologie e delle necessità degli sportivi.