Articoli

Esclusiva, Cristian Milano racconta ‘quel’ Città di Torino 2017

Rally Città di Torino edizione numero 32. Sabato 27 maggio 2017. Sono passati due anni e sei mesi da quel giorno e Cristian Milano lo ricostruisce con noi. La prova speciale è quella di Coassolo. Un rettilineo dopo circa un chilometro e duecento metri dallo start, un lieve accenno a destra dove le auto sono obbligate a rallentare per affrontare il secco 90 gradi sul bivio verso la frazione Case Roci sulla strada provinciale 22. Sullo sfondo Borgata Castiglione di Coassolo. Tutto intorno il verde, le montagne e il profumo della primavera di una bella giornata di sole. Poi, all’improvviso, San Rally si distrae…

I ricordi accoltellano la mente di Cristian Milano, sono difficili da cancellare. Le prime dieci macchine che passano, poi ad un tratto la radio dei commissari di percorso gela il sangue di chi ha ascoltato la comunicazione. Una voce concitata intima di interrompere subito la prova e far intervenire i soccorsi. La vettura numero 12 è uscita di strada nella postazione 6 investendo alcuni spettatori. Un giorno difficile da dimenticare quel sabato 27 maggio 2017 diventato improvvisamente e maledettamente triste su quel lembo di strada in frazione Castiglione di Coassolo.

La competizione era partita la sera prima dall’elegante centro di Torino. Una serata affascinante impreziosita dalla prova spettacolo sul circuito del Lingotto. Proseguita il giorno seguente dove erano in programma i passaggi sul Col del Lys a Coassolo e Monastero ripetuti due volte. Tutto si ferma alle 11.43 di quel maledetto sabato 27 maggio 2017. I soccorsi sono immediati. Purtroppo fra gli spettatori coinvolti c’è anche Aldo, un bimbo di sei anni che insieme al fratellino e ai genitori sta assistendo alla gara. È il più grave e per lui vengono attivate tutte le procedure di massima urgenza.

Stai leggendo uno dei pochi contenuti premium disponibili sul nostro sito. Questo succede perché si tratta di uno degli articoli pubblicati sulla rivista in edicola e disponibile anche in digitale dal 5 di ogni mese per 12 mesi all’anno. Se lo hai apprezzato continua la tua lettura sul giornale, oppure scarica la nostra app o accedi da PC, registrati gratuitamente e abbonati. Il tuo sostegno ci aiuta a migliorare giorno dopo giorno il servizio che offriamo a te a tutti i nostri amici lettori.

Cosa sapere sull’abbonamento a RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite, ma dall’app non si può pagare
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui) ci si potrà abbonare pagando da PC
  • Disponibile abbonamento singolo digitale o cartaceo
  • Oppure ci si può abbonare all’online e al carataceo con una super offerta

Opzioni di acquisto

  • Singola copia di RS – 2 euro
  • Abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) con accesso all’archivio storico – 25 euro
  • Abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) – 60 euro

Si può scegliere di leggere il giornale sul PC o sullo smartphone e sul tablet o se farsi leggere gli articoli dall’assistente digitale, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS e oltre gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento