Articoli

Ivan Carmellino campione italiano velocità su ghiaccio

Si è concluso nuovamente all’insegna di Ivan Carmellino l’ultimo round di The Ice Challenge, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2021, andato in scena nel weekend appena trascorso a Pragelato.

Il campione valsesiano, che arrivava all’ultimo appuntamento in terza posizione di campionato, aveva bisogno di una performance strepitosa per artigliare l’ennesimo titolo tricolore ghiaccio, e così è stato. Il primo colpo di scena è arrivato sabato sera nella sessione notturna di prove libere, quando Lukas Bicciato (Lancia Delta Proto/Mendola), leader della serie in quel momento, ha cappottato rompendo la scatola guida. Game over per lui e per papà Rudi, e sfida che si è quindi ridotta ad un confronto emozionante tra Corrado Pinzano (Skoda Fabia R5/New Driver’s Team) e Carmellino.

Il campione uscente, portacolori della New Driver’s Team, ha fatto bene i suoi calcoli e si è iscritto a Pragelato con due vetture. Sulla Mitsubishi Lancer Evo Proto ha conquistato la Classe 8 incamerando i punti decisivi, mentre con una Skoda Fabia R5, ha sbancato la Classe 3 portando via a Pinzano i punti chiave nella lotta al titolo. Questa prestazione gli ha permesso di chiudere l’ultimo round al primo ed al secondo posto, e con l’affermazione nel Master King ha così completato la giornata perfetta, alla quale si è aggiunto anche il Trofeo Luca Falco, assegnato al vincitore assoluto.

“Senza dubbio il titolo più sofferto – ha commentato Carmellino – la stagione non è partita bene, abbiamo dovuto rimontare, cambiare vettura, decidere di correre l’ultimo round in due classi. Alla fine ce l’abbiamo fatta, sono davvero felice. Devo ringraziare la Marcauto e tutto il mio staff tecnico, mi hanno messo a disposizione quello che serviva per vincere. Un grazie a Corrado: è andato molto forte ed è stato un avversario decisamente tosto”.

Da sottolineare proprio la prestazione di Pinzano, che al primo anno sul ghiaccio ha rischiato il colpaccio con una grande progressione e un veloce adattamento alla guida chiodata. A Pragelato ha patito una prima manche meno brillante, ma ha comunque chiuso al terzo posto, davanti a Luciano Cobbe (Kia Rio/Meteco Corse) e ad una super Rachele Somaschini (Citroen C3 R5/Seandsky) che hanno completato la top five in quest’ordine.

Epilogo imprevisto per le due guest star internazionali del weekend conclusivo, Marco e Bruno Bulacia, saliti a Pragelato con una Skoda Fabia R5 (Meteco Corse) per la loro prima esperienza insieme sul ghiaccio. Dopo un ottimo avvio, dove hanno regalato spettacolo supportati da centinaia di fans boliviani collegati alle dirette streaming, hanno dovuto alzare bandiera bianca a seguito di una decisione dei Commissari Sportivi che ha rilevato un’irregolarità tecnica sulla vettura.

Bello anche l’epilogo tra le due ruote motrici, che come da pronostico hanno visto il successo di Luca Fiorenti con la Renault Clio R3C della Leonessa Corse. Dopo il dominio in tutte le tre gare già disputate, Fiorenti aveva l’obiettivo di portare a casa il successo e lo ha fatto con grande esperienza, lasciando a Jean Claude Vallino (Opel Astra/Meteco Corse) la vittoria di gara in Classe 1, inserendosi al secondo posto davanti ad Alessandro Cadei (Citroen DS3 R3T/Meteco Corse).

“E’ andato tutto benissimo – ha commentato Fiorenti – anche più delle nostre aspettative. Siamo partiti da Livigno per divertimento, non avevamo intenzione di fare l’intero campionato, ma visto come è andata in Valtellina non abbiamo potuto rinunciare a completare il programma. Grazie agli organizzatori, indipendentemente dal mio risultato è stata una bellissima stagione”.

In Classe 2 successo per l’eroico Samuel Chenier che dalla Francia ha portato in pista una gloriosa Citroen 2CV; in Classe 4 ottima prestazione di Oriano Agostini con la Citroen DS3 N5 (Hawk Racing Team) che ha primeggiato tra i ben 9 iscritti; in Classe 5, 6 e 7 successi in solitaria per, rispettivamente, Piergiacomo Riva (Fiat Panda 4X4/Meteco Corse), Mara Capella (Lancia Delta WSC/Meteco Corse) ed Emanuele Lagrotteria (Equivoque Jeep/Meccanica Belforte) che tra l’altro ha chiuso il campionato in terza posizione assoluta. Nel Trofeo A/N vittoria di Alberto Gianoglio (Subaru Impreza/WRT), davanti ad Oriano Agostini ed Alessandro Pregnolato (Subaru Impreza/Eurospeed).

Da segnalare infine anche lo spettacolare Master King, la sfida uno contro uno con partenza da fermo che ha concluso il weekend. Dietro al dominatore Ivan Carmellino si è piazzato papà Silvano, con la Lancia Delta Proto (New Driver’s Team), mentre sul terzo gradino del podio è salito un grande Marco Togni (Audi A1 Proto/Eurospeed) artefice dell’unico sorpasso in pista ai danni di Lagrotteria, poi quarto.

“Dopo una stagione come questa abbiamo una grande responsabilità – ha scherzato Luca Meneghetti di BMG Motor Events – ma abbiamo avuto la fortuna del meteo, con tre weekend perfetti, il grande affetto dei piloti italiani ed esteri e del pubblico da casa. Siamo contentissimi, i numeri ci hanno dato ragione e dobbiamo ringraziare davvero tutti, compresi ovviamente i partners che ci hanno sostenuto con passione anche quest’anno. Ci crediamo e sicuramente diamo appuntamento per il prossimo anno, sempre con The Ice Challenge”.

CIVG: a Tiramani il titolo, a Crugnola la gara

E’ Christian Tiramani, su Planet Kart Cross K3 della Griusrallysport, il nuovo campione italiano Velocità su Ghiaccio nella categoria kart-cross. Il pilota romagnolo ha guidato con grande esperienza e ha concretizzato il risultato che si era posto come obiettivo prima del round finale a Pragelato.

“Sono davvero felice – ha commentato – sapevo di avere un buon vantaggio, ma assolutamente non è stato facile. La nebbia prima di tutto ha reso la sfida impegnativa oltre ogni limite, Andrea è andato fortissimo e mi sono davvero divertito. Il primo pensiero quando ho tagliato il traguardo è stato proprio di sapere quale fosse stato il suo tempo, mi dispiace non aver vinto la gara, ma finalmente abbiamo messo in saccoccia il campionato, una grande soddisfazione”.

La sfida ha tenuto tutti con il fiato sospeso ed ha visto un epico confronto a tre che ha coinvolto anche il campione uscente Simone Firenze (Semog Bravo Sport/Griusrallysport) e Andrea Crugnola (Planet Kart Cross K3/Movisport).

Proprio il varesino, campione italiano rally in carica per la prima volta alla guida di queste vetture, ha sbancato il botteghino e si è involato verso la prima vittoria assoluta sul ghiaccio, regolando sul traguardo di Pragelato proprio Tiramani, secondo in gara, e Simone Firenze, terzo.

Grazie a questo importante risultato, che avvalora le sue doti velocistiche ancora una volta, Crugnola ha chiuso il campionato al secondo posto con 152 punti, precedendo proprio Simone Firenze a quota 142.

In gara, da segnalare anche la bella prestazione di Matteo Brizio, quarto al termine con il Casmat e Luca Maspoli, quinto al volante del suo Demon Car (Griusrallysport). Apprezzata e applaudita la partecipazione di Paolo Lunardi, patron di Planet Kart Cross Italia che ha voluto così festeggiare la chiusura di una stagione da record.

Nei side-by-side successo di Riccardo Gonella che ha saputo gestire molto bene la pressione di una categoria con numeri in crescita. Al secondo posto Duilio Lonardi (Kanam X3), nonostante un problema che ha inficiato il suo incedere nella seconda manche. Terzo posto per Claudio Esposto, che ha saputo trarre il meglio dal suo mezzo senza lesinare sullo spettacolo.

Grandioso spettacolo tra le Legend Cars. Assente il leader Maurizio Rossi, la battaglia ha contrapposto i due Borghi, Simone e Gianluca, contro Michele Mottura. Il confronto è stato appassionante: Simone Borghi ha purtroppo commesso un errore in apertura danneggiando un pneumatico che gli ha impedito di giocarsela come avrebbe voluto fino alla fine. Nella scaramuccia decisiva tra Borghi Sr. e Mottura, l’ha spuntata il primo, che ha così festeggiato la conquista del primo Trofeo Legend Cars su ghiaccio della storia.

Entrambi i contendenti hanno però dovuto arrendersi ad un super Simone La Manna, che ha conquistato la vittoria di giornata con una grande progressione completamente priva di errori.

“Che grande divertimento – ha ammesso alla fine il neo campione Gianluca Borghi, portabandiera dell’iniziativa – abbiamo iniziato questa avventura quasi per gioco, ma è stato appassionante. Dal punto di vista sportivo dovevamo sperare di vincere la terza manche con un terzo posto di Mottura e così è stato. Un grazie a BMG Motor Events e a Castelletto di Branduzzo che hanno permesso questo primo Trofeo Legend Cars su ghiaccio”.

Le considerazioni di Vallino Jr dopo Pragelato

Secondo appuntamento e secondo centro per Jean Claude Vallino che dopo la buona prestazione di due settimane a Livigno, sale nuovamente sul podio di categoria anche a Pragelato.

“Purtroppo soffriamo il fatto di avere a disposizione una vettura come la Opel Astra Gruppo N sicuramente meno prestazionale delle Clio di Classe R3 con le quali devo confrontarmi” puntualizza il sedicenne pilota della Val Pellice. “Ma devo farmene una ragione. Essendo praticamente un esordiente alla seconda gara, la mia licenza mi consente di guidare al massimo una vettura di questa categoria. Faccio di necessità virtù e soprattutto esperienza”.

Messo a confronto con piloti molto esperti e di lungo corso, il portacolori della scuderia Meteco non si è certo scoraggiato e non ha rinunciato alla voglia di lottare contro i blasonati avversari.

“La pista di Pragelato, con le sue curve strette obbliga a ripartire praticamente da fermo dopo i tornanti e ciò penalizza una vettura poco agile come l’Astra. Poi in velocità tornavo a essere competitivo. Inoltre era molto diversa come fondo da come si era presentata a fine dicembre quando avevo svolto un test quassù. Nelle prove del sabato sera, alla luce dei fari, ho faticato parecchio. Domenica mattina la pista, pur curata nella notte da Adriano Priotti, risentiva del passaggio delle vetture che avevano gareggiato il giorno precedente con la polvere di neve che ricopriva il ghiaccio e non permetteva di avere la trazione ottimale”.

Nella prima manche Jean Claude Vallino non riusciva a esprimersi al meglio e chiudeva quarto, risultato che ripeteva anche nella seconda, per poi risalire perentoriamente in terza posizione nella terza e ultima di gara.

“Nella prima facevo fatica a guidare e non riuscivo a dominare la macchina. A quel punto siamo intervenuti sulla pressione delle gomme e sull’assetto e già nella seconda i miglioramenti ci sono stati, abbassando decisamente il tempo sul giro e soprattutto avvicinandomi ai miei avversari”.

Il giovane pilota di Angrogna prende un attimo fiato e poi conclude. “Nella terza mi sono proprio divertito. Ora ero io a comandare la Opel Astra, mandandola costantemente in derapata a ogni tornante, modo più redditizio per affrontare le curve su ghiaccio. E i risultati si sono visti, chiudendo terzo, fatto che mi ha consentito di salire sul podio di giornata del Due Ruote Motrici, e soprattutto ridurre drasticamente il divario dall’avversario che mi precedeva a mezzo secondo al giro”.

Ora Jean Claude Vallino si prepara mentalmente alla terza e ultima gara di The Ice Challenge-Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio in programma a Pragelato domenica 14 febbraio con l’obbiettivo di essere ancora più vicino ai diretti avversari. E perché no, se ci riesce, a sopravanzarli

Ghiaccio: Firenze più veloce di Tiramani e Crugnola

“El Diablo” non perdona e conquista la vittoria tra i kart-cross nel terzo round di The Ice Challenge, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2021 organizzato da BMG Motor Events. Al volante del suo Semog Bravo (Griusrallysport), Firenze è riuscito a raddrizzare quando non era andato nel verso giusto a Livigno, dove aveva sofferto in maniera importante la concorrenza.

Sull’anello di Pragelato, tirato a lucido da patron Adriano Priotti per questa strepitosa due giorni, il pilota piemontese ha saputo interpretare al meglio il tracciato, conquistando una bella vittoria davanti Christian Tiramani ed ad un super Andrea Crugnola. “Sono davvero contento – ha detto Firenze, – siamo tornati! A Livigno ho preso una sonora bastonata, sapevo non poteva essere così e insieme alla mia squadra abbiamo lavorato sodo per capire, in quindici giorni, come migliorare le prestazioni del Semog che, sulla neve, non aveva mai corso. Bene così, non abbasseremo la guardia e ci giocheremo tutte le chances nella finale fra quindici giorni”.

Leader della serie dopo Livigno, Tiramani (Planet Kart Cross K3/Griusrallysport) è partito forte registrando il miglior tempo nelle qualifiche e nella prima manche, dimostrando di avere le carte in regola per giocarsi il campionato. Plauso da tutto l’ambiente per Andrea Crugnola. Il varesino, Campione Italiano Rally in carica, ha migliorato moltissimo il suo approccio sul Planet Kart Cross K3 (Movisport) ed ha chiuso al terzo posto assoluto.

Tra i side-by-side/buggy gran confronto tra Vittorio Gonella e Claudio Esposto, che si sono dati battaglia di manche in manche senza risparmiare lo spettacolo. Alla fine la classifica ha dato ragione a Gonella, ma va riconosciuto ad Esposto di aver guidato molto bene e in continua progressione.

Davvero entusiasmante la sfida del Trofeo Legend Cars, che dopo il debutto a Livigno ha visto i suoi protagonisti destreggiarsi con crescente maestria sul ghiaccio, in due manches da 12 giri ciascuna. Gianluca Borghi ha vinto la prima manche, approfittando dell’innevamento del figlio Simone nelle fasi iniziali.

Nonostante questo Maurizio Rossi ha avuto il guizzo vincente, e dopo il secondo posto di prima manche ha assestato il fendente decisivo nella seconda, assicurandosi una bella vittoria che ora rende la situazione di campionato incerta e quantomai croccante prima della sfida decisiva. A completare il podio Michele Mottura, che ha migliorato di giro in giro senza mai commettere errori e assicurandosi il terzo posto.

Pinzano e Tiramani agguantano la seconda prova su ghiaccio

E’ bastato girare la pista con un inedito e tecnico tracciato al Ghiacciodromo di Livigno e il round 2 di The Ice Challenge, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2021 organizzato da BMG Motor Events, ha scritto una storia diversa, altrettanto appassionante e spettacolare che ha suggellato un weekend indimenticabile.

A firmare la seconda gara dell’anno è stato Corrado Pinzano su Skoda Fabia R5 (New Driver’s Team), debuttante proprio a Livigno nella serie ghiacciata tricolore, che si è tolto la soddisfazione di centrare il massimo obiettivo alla seconda uscita ufficiale dopo l’ottavo posto ottenuto al sabato. “Sono estremamente soddisfatto – ha commentato, – riuscire a stare davanti alla seconda gara a piloti che corrono sul ghiaccio da molto tempo è una grande soddisfazione per me che ho sempre corso solo su asfalto. Mi sono divertito”. Pinzano ha conquistato la Classe 3.

A completare il podio è stato Andrea Bormolini, su Skoda Fabia R5 (B.B. Racing), che dopo la vittoria nella giornata di apertura ha tentato la zampata per bissare il successo, ma ha trovato avversari ostici e agguerriti, su di un tracciato che, ridisegnato nella notte, si è fatto più sinuoso e tecnico, per certi versi più rallystico. Alle spalle di Bormolini, che ha chiuso secondo e primo di Classe 6, un altro acuto di Alberto Battistolli (Skoda Fabia R5/Scuderia Palladio), salito nuovamente sul podio al termine di un weekend per lui molto positivo con la terza piazza.

Grande spettacolo anche nei kart-cross, dove il successo è andato meritatamente a Christian Tiramani sul Planet Kart Cross K3 battente bandiera Griusurallysport A.S.D., efficace e veloce dalle qualifiche fino all’ultima manche di gara. Simone Firenze, seppure ancora non del tutto soddisfatto del comportamento sul ghiaccio del suo Semog Bravo Sport (Griusrallysport A.S.D.) ha chiuso secondo, davanti ad un grande Andrea Crugnola che alla seconda giornata sui tubolari con motore motociclistico (anche lui su Planet Kart Cross K3) si è tolto la soddisfazione del podio.

Tra i side-by-side buggy vittoria bis annunciata di Craig Breen, superstar del weekend arrivato a Livigno per divertirsi prima dell’inizio della sua stagione nel Campionato del Mondo WRC con Hyundai Motorsport. Grazie alla collaborazione con OMP gli organizzatori gli hanno consegnato anche un premio speciale. Il podio ha replicato quello del round 1, con Riccardo Gonella secondo e Claudio Esposto terzo.

Grande show offerto dalle Legend Cars, che sono scese in pista in due manches loro riservate con tutti i concorrenti in pista. Tra testacoda, sorpassi e sovrasterzi di potenza, la vittoria è andata a Simone Borghi, davanti a Michele Mottura e Alan Simoni (Scuderia AB Motor S). Premio speciale, una borsa offerta da Bell Helmets, per Rita Sammartino, giovanissima sedicenne all’esordio assoluto proprio con le divertenti hot rod. Identico riconoscimento anche per Jean Claude Vallino (Opel Astra/Meteco Corse) già protagonista al Rally Italia Talent e grande debuttante sul ghiaccio.

Premi speciali aggiuntivi, grazie alla sinergia con OMP e Bell Helmets, per le quattro ragazze che hanno battagliato in pista impreziosendo con un tocco rosa la serie ghiacciata: Roberta Gamper, Tamara Molinaro, Gabriella Pedroni e Rachele Somaschini.

Il Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio tornerà in pista domenica 24 gennaio sul tracciato di Pragelato.

Andrea Bormolini profeta in patria sul ghiaccio di casa

Grande spettacolo e freddo polare per il primo round di The Ice Challenge, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2021 organizzato da BMG Motor Events e disputatosi a Livigno oggi, sabato 9 gennaio. Un inizio palpitante che non ha tradito le attese e ha offerto una delle gare più belle e complete del circus italiano neve-ghiaccio.

A vincere tra le auto è stato ancora una volta un Bormolini, profeta in patria sulla pista di casa. Questa volta è toccato ad Andrea, su Skoda Fabia per i colori B.B. Racing, che ha avuto la meglio grazie ad una bella progressione cronometrica che l’ha visto prevalere per pochissimo sul campione italiano in carica Ivan Carmellino, secondo con la Fiat Punto Proto.

Tra i due è stata davvero una battaglia senza esclusione di colpi, con Carmellino avanti nella prima manche ma sfortunato nella seconda quando è rimasto rallentato dall’uscita di pista di un avversario. Ciò non toglie nitidezza all’affermazione di Bormolini, primo anche in Classe 6, che continua nella striscia positiva della famiglia, qui scesa in gara al gran completo sulla pista di casa.

“Non me lo aspettavo – ha detto Bormolini. – Onestamente devo ammettere di avere avuto un po’ di fortuna, dato che io e Ivan abbiamo corso in batterie diverse e quindi non ho avuto le difficoltà che ha avuto lui nell’ultima, è stata una bella battaglia. Domani sarà dura ma ci riproveremo”.

“Bisognerà fare qualcosa per i Bormolini a Livigno – ha scherzato Carmellino, – ogni anno me ne trovo uno davanti! Credo che abbiamo fatto una bella gara, ora determinazione a mille e domani ci riproviamo”. Il portacolori New Driver’s Team ha conquistato la Classe 8.

Terzo assoluto Alberto Battistolli, vincitore anche della Classe 3, su Skoda Fabia R5 della Scuderia Palladio. Al debutto nella serie tricolore ghiacciata il veneto è andato subito in palla, capace di chiudere secondo dopo la prima manche e di difendersi fin sul traguardo per concretizzare il piazzamento a podio, con una guida veloce e spettacolare.

Oriano Agostini (Citroen DS3 N5/Hawk Racing Club) ha conquistato la Classe 4, Piergiacomo Riva (Fiat Panda 4X4/Meteco Corse) la Classe 5, Stefano Nadalini (Opel Corsa) la Classe 2, Luca Fiorenti (Renault Clio R3C/Leonessa Corse) la Classe 1. Meritato successo in Classe 7 per Emanuele Lagrotteria sulla Equivoque Jeep (Meccanica Belforte).

Straordinaria affermazione di Raffaele Silvestri tra i kart-cross. Il portacolori Nico Racing ha inanellato una giornata impeccabile, andando a conquistare un successo importante davanti ad un ottimo Christian Tiramani (Grisurallysport A.S.D.), entrambi su Planet Kart Cross K3, e al campione in carica Simone Firenze, al debutto sul ghiaccio con il nuovo Semog Bravo Sport (Grisurallysport A.S.D). Da segnalare il positivo debutto di Andrea Crugnola proprio con un K3, con ottimi tempi fin dall’inizio e ancora un ottimo margine di miglioramento per la seconda giornata.

Spettacolare e velocissimo Craig Breen. Il pilota ufficiale Hyundai, sceso a Livigno per un weekend di divertimento a bordo del suo Side by Side/Buggy, nuova categoria di The Ice Challenge, ha girato sui tempi dei migliori kart-cross, conquistando agevolmente la Classe 12 davanti a Vittorio Gonella e Claudio Esposto. “Mi sono divertito molto – ha detto l’irlandese, – la pista è molto bella e tecnica, l’obiettivo era proprio questo e data anche la giornata di sole direi che oggi tutto è andato benissimo”.

Menzione speciale per Rachele Somaschini (Citroen C3 R5/Seandsky), davvero notevole il suo debutto sul ghiaccio. Nonostante non avesse nessuna esperienza la driver lombarda portavoce della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica ha chiuso al ventesimo assoluto con una guida davvero spettacolare. “Forse troppo – ha sorriso al termine, – devo migliorare per essere più incisiva e pulita, ma mi sono divertita tantissimo”.

Capitolo a parte quello delle Legend Cars, le divertenti hot rod americane da 140 cavalli che hanno fatto il loro esordio a The Ice Challenge con il trofeo dedicato, portato sul ghiaccio grazie alla determinazione di Gianluca Borghi e del patron del marchio in Italia Adriano Monti. Nella concitata sfida della prima giornata, Alan Simoni ha strappato la vittoria, davanti a Maurizio Rossi e proprio a Gianluca Borghi, terzo.

Tutti pazzi per il Ghiacciodromo di Livigno: record di iscritti

Inizia con il botto la stagione di The Ice Challenge, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2021, che alla vigilia dei primi due appuntamenti in programma al Ghiacciodromo di Livigno sabato 9 e domenica 10 gennaio annuncia un elenco iscritti stellare con il tutto esaurito.

Sono state oltre 85 le richieste ricevute in queste settimane, un risultato storico per la serie organizzata da BMG Motor Events che mai prima d’ora aveva disputato un round con questi numeri. Al termine delle procedure, in accordo con la Commissione ACI Sport Off-Road & Cross Country Rally, sono stati ammessi tutti i 72 concorrenti che hanno formalizzato completamente la propria iscrizione.
“Siamo orgogliosi ed emozionati per questo risultato – hanno commentato gli organizzatori – “mettiamo anima e cuore in The Ice Challenge e partire con numeri e nomi di livello è una soddisfazione per tutti. Un ringraziamento ad ACI Sport, alla Commissione Off-Road & Cross Country Rally e a Gianluca Marotta che hanno sempre creduto e appoggiato il progetto di ri-valorizzazione della specialità e che in questa fase hanno accolto la nostra richiesta di deroga per consentire la partecipazione a tutti i concorrenti ammissibili”.
Saranno quindi 31 vetture, 8 kart-cross, 11 legend cars e 5 side-by-side/buggy a prendere il via dell’attesissimo doppio round di Livigno.

A fare di questo weekend qualcosa di storico per la serie neve-ghiaccio tricolore, non sono solo i numeri, ma anche la qualità dei partecipanti che racchiude presenze nazionali ed internazionali provenienti dalle più disparate specialità del motorsport: rally, pista, velocità in salita, off road, rally cross e turismo. A fare da capofila saranno i due campioni uscenti: Ivan Carmellino, con la Fiat Punto Proto e Simone Firenze, per la prima volta con il nuovo Semog Bravo Sport.

A debuttare a The Ice Challenge anche il fuoriclasse irlandese Craig Breen, pilota ufficiale Hyundai nel Campionato del Mondo Rally WRC che arriverà a Livigno per divertirsi al volante di un buggy che gli permetterà di proseguire l’allenamento in vista della sua stagione 2021. Per la prima volta su un kart-cross farà invece il suo debutto nella serie il campione italiano rally in carica Andrea Crugnola, ad impreziosire la pattuglia dei tubolari con motore motociclistico che a The Ice Challenge ha sempre regalato grande spettacolo. In questa categoria attesa per Dimitri Vergely, asso francese al volante di queste vetture che promette una sfida al vertice tutta da seguire.

Tornando alle auto, ritorno in grande stile per Tamara Molinaro, vincitrice lo scorso anno a Cervinia e questa volta con una Skoda Fabia R5 dato che la Citroen C3 R5 è già pronta per il Monte-Carlo, mentre sarà all’esordio assoluto sul ghiaccio Rachele Somaschini con la Citroen C3 R5 che quest’anno ha guidato anche all’ACI Rally Monza e al Tuscan Rewind. La giovane pilota lombarda, portavoce della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica con il suo progetto Correre per un Respiro non solo aumenterà le quote rosa della serie, ma accenderà nuovamente i riflettori sull’importante messaggio della ricerca.

Esordio sul ghiaccio anche per Alberto Battistolli. Straordinario terzo allo scorso Tuscan Rewind, il pilota veneto continuerà il suo positivo apprendistato al volante della Skoda Fabia R5 dopo l’unica esperienza in condizioni invernali al Winter Rally Covasna Metalubs 2020. Gradita sorpresa anche quella di Eric Scalvini, in pista con una Fiat Abarth 500 Proto, recentemente testata a Pragelato. Anche il driver impegnato nel TCR Italy sarà sicuramente uno dei protagonisti da seguire.

I nomi sono davvero tanti, impossibile citarli tutti, e includono tra gli altri Luciano Cobbe, con la Kia Rio di Gigi Galli, Aldo Pistono e Andrea Caspani, con la Opel Astra ex Snobeck, il ritorno di Sergio Durante con la nuova Giannini 350 GP4, l’arrivo di Corrado Pinzano con una Skoda Fabia R5. Da segnalare il plotone Bormolini al gran completo: su Skoda Fabia R5 Andrea farà coppia con Marco Gianesini, Mirco con Alessandro Furci, mentre Mauro condividerà con Mattia Cola una Mitsubishi Lancer Proto. Non potevano mancare anche Alessio, vincitore qui nel 2020, in equipaggio con Oliviero e Loris insieme a Michele, reduce dall’esperienza nel Campionato Italiano Rally Junior, su Skoda Fabia R5. I gestori del Ghiacciodromo di Livigno, stupenda cornice del grande spettacolo inaugurale di The Ice Challenge 2021, venderanno sicuramente cara la pelle sulla pista di casa.

Ritorno anche per Gabriella Pedroni, che condividerà l’Opel Corsa due ruote motrici con Stefano Nadalini, e poi ancora Rudi e Lukas Bicciato (Lancia Delta), Fredi e Raffaele Silvestri (Lancia Delta) con quest’ultimo impegnato anche nei kart-cross, la leggendaria Panda 4X4 di Piergiacomo Riva, la potente Audi A1 Proto di Marco Togni e Igor Memeo, Adriano e Massimiliano Zanatta (Mitsubishi Lancer Evo VI), il debutto di Jean-Claude Vallino (Opel Astra), la Citroen DS3 N5 di Oriano Agostini e Claudio Sergio Cantoni, debutto assoluto per questa categoria a The Ice Challenge.

Esordio anche per la categoria monomarca Legend Cars, le accattivanti vetture americane a trazione posteriore con motore 3 cilindri Yamaha da 900cc da 140 cavalli. Saranno ben 11 a contendersi lo scettro, capitanati dai protagonisti del campionato italiano Gianluca e Simone Borghi e con il debutto della giovanissima sedicenne Rita Sammartino. C’è grande attesa per questa nuova sfida nella sfida, dato che questa sarà l’unica categoria con partenza in griglia lanciata (condizioni meteo e sicurezza permettendo) che vedrà quindi confronti corpo a corpo durante le gare. L’entusiasmo dei partecipanti è alle stelle e dopo il test di Pragelato è certo che anche sul ghiaccio queste vetture offriranno un grande spettacolo.

Il weekend si svolgerà in due giornate distinte che conteranno ai fini del campionato come due round separati. L’azione inizierà per ciascuna giornata alle 8:00 con prove libere e qualifiche e a seguire, dalle 10:30, con le tre manches di gara a batterie dove vincerà il più veloce in pista. In chiusura di giornata, qualora le condizioni lo permettano, tornerà in pista il Master King, l’appassionante sfida uno contro uno che lo scorso anno, proprio a Livigno, fu memorabile.

L’evento si svolgerà a porte chiuse per l’attuale situazione sanitaria e non prevede la presenza di pubblico. Confermata però come per la scorsa edizione la copertura in live streaming di entrambe le giornate sulla pagina Facebook ufficiale di The Ice Challenge, mentre il sito www.icechallenge.it seguirà l’andamento delle due giornate con puntuali aggiornamenti e con il link al live timing.

The Ice Challenge raddoppia lo spettacolo con Legend Cars

Un nuovo trofeo dedicato alle Legend Cars, le accattivanti vetture americane che per la prima volta in assoluto si sfideranno a The Ice Challenge. È questa un’altra delle interessanti novità del Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2021 che domenica 27 dicembre aprirà con il Test Day e i prossimi 9-10 gennaio inaugurerà la sfida vera a Livigno.

L’infuocata sfida tra le divertenti vetture di importazione americana, realizzate dalla US Legends Cars International di Harrisburg, North Carolina, è stata resa possibile grazie alla stretta collaborazione di BMG Motor Events con Gianluca Borghi e Adriano Monti, che hanno lavorato per far sì che questo debutto sul ghiaccio si realizzasse. Le conferme di partecipazione stanno diventando sempre di più e lasciano pregustare una bellissima battaglia.

La sfida sarà, da un punto di vista sportivo, leggermente diversa a tutte le altre di The Ice Challenge. Permane anche per le Legend Cars la suddivisione in batterie di qualifica, ma le gare saranno sempre con partenza in griglia lanciata e questo lascia presupporre a delle emozionanti battaglie corpo a corpo che per certi versi ricordano ovviamente il Master Show di fine weekend. A questo si aggiunge il fatto che molti dei piloti al via hanno disputato anche il campionato Legend Cars in pista, e quindi non si tireranno certo indietro nel caso in cui si presentassero dei momenti di bagarre.

La versione delle Legend Cars che si confronteranno a The Ice Challenge 2021 è quella 2018, l’ultima evoluzione di queste piccole e cattive vetture a trazione posteriore. Motore 3 cilindri Yamaha da 900cc raffreddato a liquido in grado di sviluppare 140 cavalli di potenza a 6500 giri e una velocità massima che sfiora i 200km/h.

Se consideriamo i vantaggi del raffreddamento liquido, l’iniezione, le 6 marce e soprattutto il peso molto ridotto, intorno ai 475 chilogrammi a vuoto, si capisce in fretta che le Legend Cars saranno tremendamente divertenti anche da vedere. Tra gli iscritti al momento figurano lo stesso Gianluca Borghi, il figlio Simone, Salvatore Gallo, Maurizio ed Edoardo Rossi e la giovanissima sedicenne Rita Sammartino che sarà al suo debutto assoluto.

Ice Challenge 2021: il campionato sul ghiaccio pronto a gennaio

Si allunga il calendario di The Ice Challenge. Il Campionato Italiano Velocità su ghiaccio aggiunge una tappa alla serie in programma a partire dal prossimo gennaio e annuncia che anche Livigno ospiterà un doppio appuntamento, facendo così salire a 4 i round del campionato 2021.

Grazie al grande lavoro di BMG Motor Events e alla collaborazione della famiglia Bormolini, che gestisce il Ghiacciodromo di Livigno, la serie ghiacciata tricolore aumenta la posta in gioco. Livigno sarà quindi il grande teatro di apertura, con le prime due sfide in pista sabato 9 gennaio sul circuito tradizionale tracciato per la stagione 2021 e domenica 10 sulla pista in versione inversa. Una doppia sfida valtellinese del tutto inedita che già lascia pregustare una prima uscita assolutamente interessante condensata in un unico imperdibile weekend. Mai prima d’ora The Ice Challenge aveva affrontato questo circuito innevato in entrambe le direzioni.

Come da calendario già annunciato, l’azione si sposterà poi nella storica cornice di Pragelato, dove il 24 gennaio andrà in scena il terzo round e il 14 febbraio l’ultimo appuntamento, sulla versione reversed della pista percorsa quindi in senso antiorario.

“Siamo davvero molto soddisfatti di avere chiuso l’accordo con la pista di Livigno, e un grande ringraziamento va alla famiglia Bormolini – hanno commentato in BMG Motor Events. – La pista è sicuramente bellissima, completa. Lo scorso anno la battaglia è stata infuocata, ha visto anche dei rimescolamenti di carte che hanno premiato piloti e vetture diversi rispetto a quanto hanno fatto altri tracciati, quindi siamo sicuri che sarà un grande inizio, un fine settimana dall’alto tasso adrenalinico che darà il suo via alla stagione 2021”.

“Le sorprese – hanno concluso gli organizzatori, – non finiscono qui, abbiamo altri jolly nella manica che comunicheremo nei prossimi giorni. Stay tuned!”.

Calendario Ice Challenge 2021

9 gennaio | Livigno reversed
10 gennaio | Livigno
24 gennaio | Pragelato
14 febbraio | Pragelato reversed

The Ice Challenge 2020-2021: la bozza del nuovo calendario gare

Dopo la grandiosa stagione 2020, il Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio The Ice Challenge guarda avanti con decisione, cercando di lasciarsi alle spalle il momento critico che il mondo del motorsport sta attraversando. Con grande determinazione, lo staff di BMG Motor Events, anima della popolare serie su ghiaccio tricolore, ha stilato la prima bozza del calendario 2020-2021 che si candida per essere una delle edizioni più spettacolari di sempre.

“Abbiamo avuto la fortuna di poter disputare la stagione completa di The Ice Challenge prima che il mondo si fermasse, – hanno commentato gli organizzatori, – e in questi mesi di lockdown non abbiamo mai smesso di pensare al futuro del campionato cercando di lasciarci quanto prima alle spalle questo momento difficile. Avevamo annunciato che entro l’estate avremmo preparato il calendario di massima della prossima stagione ed eccoci qui. Abbiamo cercato di seguire le indicazioni che ci sono pervenute dai team e dai piloti partecipanti e possiamo guardare ai prossimi mesi invernali con fiducia e con tanta voglia di un nuovo grande spettacolo”.

La stagione The Ice Challenge 2020-2021, come suggerisce anche la titolazione, partirà già nell’anno in corso, con un programma di 7 gare distribuite su 6 weekend. “Si tratta di una scelta che ha due motivazioni principali – hanno proseguito in BMG Motor Events. – Abbiamo dovuto chiudere l’edizione 2020 anzitempo per mancanza di neve, e quindi vorremmo riprendere la nuova stagione nel 2020 per terminare idealmente quanto non abbiamo potuto fare lo scorso inverno. Oltre a questo aspetto per certi versi romantico e dovuto nei confronti di team e piloti che ci supportano con grande passione, c’è anche il fattore neve: iniziare a dicembre dovrebbe permetterci di poter sfruttare al meglio il periodo invernale e scongiurare quindi l’eventualità di una riduzione del calendario per mancato innevamento”.

La nuova stagione inizierà a metà dicembre da Cervinia, uno dei tracciati scenograficamente più spettacolari. L’impianto ospiterà The Ice Challenge come primo evento e questo dovrebbe garantire una pista appena tracciata, più lineare e un appuntamento con meno imperfezioni rispetto alla passata stagione, esordio di un nuovo ciclo. L’idea è quella di consentire i test in pista al sabato per tornare in sintonia con il ghiaccio prima della vera gara alla domenica.

Si proseguirà oltralpe il 20 dicembre per la prima uscita fuori confine a Serre Chevalier, proprio laddove la stagione scorsa si è purtroppo conclusa anzitempo. La prima data 2021 sarà quella di Livigno, confermato il 9 e 10 gennaio con una succosa novità: due gare, una al sabato e una alla domenica, per rendere ancora più appetibile il round livignasco. Il 17 gennaio il circus di The Ice Challenge farà quindi tappa a Pragelato, la pista storica ed immancabile, dove si sono consumate alcune delle più belle battaglie degli ultimi anni.

L’ultima parte della stagione vedrà nuovamente il ritorno a Pragelato il 31 gennaio per poi chiudere il 14 febbraio 2021 a Serre Chevalier, ultimo atto di un calendario particolarmente completo ed interessante.

“Il calendario potrebbe subire delle variazioni – hanno concluso in BMG Motor Events, “e stiamo lavorando anche per riuscire a concretizzare altre idee che abbiamo sul piatto, come la possibilità di organizzare dei test pre stagionali e a stagione in corso, un aspetto che sappiamo essere molto importante per una specialità che vive in pochi weekend all’anno e dove per vincere è richiesta una grande competitività di uomini e mezzi fin dal primo giro in pista. Siamo inoltre in contatto con altre location e con piste completamente nuove per The Ice Challenge, per cercare di avere più opzioni nel caso il meteo non fosse così in sintonia con il campionato”.

The Ice Challenge 2020-2021

  • 12-13 dicembre 2020 – Cervinia
  • 20 dicembre 2020 – Serre Chevalier (FRA)
  • 9-10 gennaio 2021 – Livigno
  • 17 gennaio 2021 – Pragelato
  • 31 gennaio 2021 – Pragelato
  • 14 febbraio 2021 – Serre Chevalier (FRA)

Sul ghiaccio scivola molto, ma tieni aperto (VIDEO)

Ed ecco un altro bellissimo video dal circuito ghiacciato di Pragelato, in provincia di Torino, dove il 26 gennaio 2020 si svolge la quarta prova di Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio, The Ice Challenge, e a cui partecipano i migliori specialisti di ogni età, giovanissimi compresi.

https://youtu.be/KRJCZ17-DYo

Tamara Molinaro domina e vince a Cervinia

Il terzo appuntamento del Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio The Ice Challenge non ha tradito le aspettative e all’ombra del Monte Cervino, sul tracciato dell’Ice Driving di Cervinia, ha regalato un altro imperdibile spettacolo. A trionfare nel round che ha sancito il giro di boa della stagione è stata Tamara Molinaro al volante della Citroën C3 R5 preparata da G. Car Sport, al debutto nella serie ghiacciata organizzata da BMG Motor Events in collaborazione con Yokohama Italia, OMP Racing, Driver TV e MAK Performance Wheels.

Tamara Molinaro ha trovato un grande feeling sui 1.100 metri del tracciato valdostano, sicuramente il più tecnico e impegnativo dell’intera stagione, e ha regolato sul traguardo Luciano Cobbe, secondo con la Kio Rio (Meteco Corse) in una stupenda nuova livrea bianco-blu, e Aldo Pistono ancora una volta sul podio al volante dell’Opel Astra ex Dani Snobeck (Hawk Racing Team).

“Sono davvero molto contenta”, ha detto Tamara Molinaro al traguardo. “Mi sono divertita, ma su questo tracciato così particolare non era scontato nessun risultato. Mi piace molto guidare sul ghiaccio, ho provato delle bellissime sensazioni e spero di poter proseguire anche nei restanti appuntamenti della stagione 2020”.

L’affermazione di Tamara non è di fatto mai stata in discussione, seppure Cobbe abbia dimostrato un passo molto più efficace rispetto a quello visto a Livigno che gli ha permesso, a conti fatti, di affiancare Ivan Carmellino in vetta alla classifica del campionato con 117 punti al termine del weekend. Proprio Carmellino, in pista con la Fiat Punto Proto della New Driver’s Team, ha patito la pista di Cervinia, dove non è riuscito a scaricare tutta la potenza della sua vettura e ha chiuso al sesto posto.

Quarto al traguardo Rudi Biacciato, sulla sua Lancia Delta Proto per i colori della scuderia Mendola, che finalmente ha chiuso un weekend positivo dopo un inizio di stagione meno brillante delle aspettative. Ottima prestazione anche del rientrante Mirko Pettenuzzo, che sulla sua Mitsubishi Lancer Evo IV Proto della Meteco Corse ha concluso quinto.

Ancora un assolo di Simone Firenze tra le vetture monoposto kart cross. “El Diablo” non ha tradito le attese e ha inanellato una serie di prestazioni di assoluto valore, su un tracciato che ha esaltato le vetture di questa tipologia che si sono espresse in evoluzioni spettacolari per il numeroso pubblico accorso all’Ice Driving Cervinia.

L’affermazione di Firenze non deve però tradire il confronto sportivo accesosi nella categoria che ha visto secondo Christian Tiramani, davanti a Raffaele Silvestri (Nico Racing). quest’ultimo autore di un errore nella prima manche di gara che ha staccato la sospensione anteriore sinistra e avrebbe potuto compromettere la sua corsa. I ragazzi dell’assistenza hanno svolto un lavoro magistrale permettendo a Silvestri di proseguire la sfida e di cogliere un meritato terzo posto.

Quarto Armando Bracco (Meteco Corse), che dopo un avvio di grande livello è rimasto attardato dal traffico e non ha potuto concretizzare un podio che sicuramente avrebbe suggellato la partecipazione nella gara di casa. Bracco è ora terzo nella classifica di campionato, con 65 punti, dietro a Silvestri (71 punti) e Firenze (122 punti).

Questi i vincitori delle varie classi: Tamara Molinaro in Classe 6, Luciano Cobbe in Classe 8, Alessandro Chenal (Subaru Impreza/Eurospeed) la Classe 3 al debutto, Adriano Zanatta (Mitsubishi Lancer Evo VI/New Driver’s Team), Riva Piergiacomo (Fiat Panta 4X4/Meteco Corse) mentre Ettore Barberis ha conquistato la Classe 1 sulla Opel Astra dell’Eurospeed. Una prestazione che gli è valsa anche l’affermazione tra le vetture due ruote motrici.

The Ice Challenge prenderà ora una pausa e tornerà in pista a Serre Chevalier (FRA) tra due settimane, per il quarto round in programma il 7 e 8 febbraio.

Alessio Bormolini concede il bis sul ghiaccio di casa

Grande spettacolo nel secondo weekend di The Ice Challenge, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2020, andato in scena a Livigno nel weekend appena trascorso sempre con la regia di BMG Motor Events. Vittoria finale per Alessio Bormolini che ha così replicato il successo del 2019 al volante della Skoda Fabia R5 preparata da Colombi.

Il giovane pilota livignasco ha imposto un ritmo davvero indiavolato alla sfida sui 1.100 metri del Ghiacciodromo di Livigno e ha preceduto al termine Ivan Carmellino, tornato al volante della Fiat Grande Punto Proto dopo l’affermazione di Pragelato con la Mitsubishi Lancer Evo sempre per i colori del New Driver’s Team. A completare il podio, al termine di tre manches serratissime, è stato Loris Bormolini, sulla medesima Skoda Fabia R5 guidata anche dal fratello.

“È stato un weekend dal livello competitivo davvero molto alto”, ha commentato Alessio Bormolini, visibilmente soddisfatto. “È stata una bellissima battaglia fino all’ultimo, la terza manche una vera bagarre cronometrica con Loris, Ivan e Luciano e questo avvalora il fatto di essere riuscito a conquistare la gara di casa”.

Quarto posto per il portacolori Meteco Corse Luciano Cobbe, con la Kia Rio, che ha faticato a tenere il passo di Pragelato visibilmente meno soddisfatto del round di apertura, anche se a lungo in lotta per il podio. A chiudere i primi cinque Andrea Caspani, che salito al volante dell’Opel Astra ex Snobeck di Aldo Pistono ha vinto il derby proprio con Pistono che ha chiuso al sesto posto assoluto.

A conquistare la categoria due ruote motrici è stato Stefano Nadalini su Opel Corsa, che ha portato a casa anche una borsa griffata Yokohama e si è lanciato anche nella classifica di campionato data l’assenza di Vallino e Barberis che avevano battagliato a Pragelato. Premio speciale per Giuseppe Sala, il più esperto pilota del gruppo a Livigno, omaggiato con uno zainetto OMP Racing nonostante qualche problema alla sua Lancia Delta lo abbia costretto ad un ritiro prematuro.

Il successo nelle varie classi è così andato ad Alessio Bormolini in Classe 7, Ivan Carmellino in Classe 8, Armando Ioriatti (Peugeot 208 R5/Hawk Racing Club) in Classe 6 e Stefano Nadalini in Classe 2. Bello anche il secondo round stagionale della classe monoposto kart-cross che ha visto sei piloti in lizza. “El Diablo” Simone Firenze non ha però disatteso il pronostico della vigilia ed è tornato alla vittoria bissando il successo di Pragelato.

Alle sue spalle secondo posto per Christian Tiramani, rientrato nella mischia proprio a Livigno dopo l’affermazione dello scorso anno su questa pista, e decisamente veloce tanto da impensierire non poco la vittoria di Firenze. Entrambi hanno gareggiato al volante di un K3 Planet Kart Cross. Terzo posto per Armando Bracco con il suo Speedcar Xtrem per i colori della Meteco Corse.

Grandiosa conclusione di weekend con le sfide del Master King, imperdibili come sempre. Tra le auto rivincita di Ivan Carmellino che ha imposto il proprio dominio al volante della Grande Punto Proto ripetendo l’affermazione di Pragelato. Al secondo posto Fredi Silvestri, sulla Lancia Delta per i colori della Nico Racing, che ha così festeggiato alla grande il suo cinquantesimo compleanno resistendo negli ultimi due giri all’arrembante rimonta di Aldo Pistono che, terzo, ha provato fino all’ultima curva a strappargli il secondo gradino del podio.

A completare la classifica del Master King Mattia Cola (Mitsubishi Lancer Evo IX), Erik Lindeblad (Subaru Impreza Proto) e Francesco Garosci (Mitsubishi Lancer Evo), quest’ultimo attardato da un’esitazione al via. Per la prima volta in questa stagione anche le vetture monoposto kart-cross hanno disputato il loro Master King che ha incoronato Simone Firenze, in testa dal primo all’ultimo passaggio.

Vere emozioni alle sue spalle, con il rientrante Christian Tiramani che, a lungo secondo, nel penultimo passaggio ha subito il sorpasso di Raffaele Silvestri a causa di noie tecniche che lo hanno costretto al ritiro a poche curve dalla bandiera a scacchi. Silvestri ha così chiuso secondo davanti al sempre spettacolare Armando Bracco. Tutti i piloti classificati sono stati omaggiati anche di un premio speciale offerto da Brisaola Alpi.

The Ice Challenge: si torna a scodare sul ghiaccio

Tutto pronto. Gli ultimi giorni dell’anno separano i piloti e gli appassionati dall’inizio della stagione di The Ice Challenge 2020, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio realizzato da BMG Motor Events in collaborazione con Yokohama Italia, OMP Racing e Driver TV, che prenderà finalmente il via lunedì 6 gennaio sul tracciato di Pragelato.

Tanta neve fresca caduta prima di Natale ha colorato di bianco lo scenario del comune torinese, ma l’innalzamento delle temperature delle ultime settimane ha consigliato lo staff The Ice Challenge, in coordinamento con il team che gestisce la pista, a condensare l’azione ad una sola giornata, quella di lunedì 6 gennaio. In queste ore è in corso una febbrile attività per preparare il tracciato al top delle condizioni che possano consentire una grandiosa apertura della stagione 2020.

Il primo round di The Ice Challenge sarà inoltre un grande tributo alla storica pista di Pragelato, che proprio a gennaio 2020 festeggerà il quarantesimo anniversario dall’apertura, datata 1980. L’accesso per il pubblico sarà a pagamento e permetterà di seguire lo spettacolo dalle consuete aree sopraelevate in massima sicurezza.

Il programma ufficiale inizierà nel pomeriggio di domenica 5 gennaio, dalle ore 14:30, con le procedure di verifica che si protrarranno fino al tardo pomeriggio. Il grande show in pista inizierà già alle ore 8:00 di lunedì 6 con le prove libere seguite dalle manche di gara cronometrate, primo vero confronto dei concorrenti, che genereranno le prime classifiche dell’anno. Intorno alle 14:30, gran finale con il “Master King”, la sfida in cui i piloti scatteranno da fermi in griglia di partenza per una imperdibile sfida su ghiaccio uno contro uno. Le premiazioni, direttamente in pista, chiuderanno il primo weekend.

Due le grandi novità di questa edizione. Grazie alla collaborazione con RallyStreaming, le batterie di prove libere, gare e soprattutto il “Master King” saranno trasmessi in diretta streaming sulla pagina Facebook ufficiale @theicechallengerally, mentre puntuali aggiornamenti con foto e video saranno disponibili anche sul profilo Instagram The Ice Challenge.

Seconda novità sarà la collaborazione con Mark Werrell, storico commentatore britannico specializzato nel motorsport con all’attivo 35 anni di attività, oltre 20 anni come speaker per competizioni nazionali e internazionali, e brand ambassador per la British Motorsports Marshals Club. Werrell curerà il commento tecnico in lingua inglese nel corso delle dirette streaming.

“C’è grande attesa per questa edizione”, commentano gli organizzatori di BMG Motor Events, “e grazie alla sempre impeccabile sinergia con il circuito di Pragelato stiamo lavorando per garantire lo strato di ghiaccio necessario al migliore svolgimento dell’evento. Saranno tante le vetture interessanti al via di questa stagione, con piloti al debutto nel Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio e altri che vantano invece un importante palmares. La sfida sarà tutta da seguire e vi aspettiamo in pista per una grande apertura”.

Buon bilancio per XRace Sport e i fratelli Casadei nel Civg 2019

Finale di stagione “su ghiaccio” decisamente scoppiettante, per XRace Sport, impegnata lo scorso fine settimana per l’atto finale del tricolore The Ice Challenge nella spedizione d’Oltralpe, in Francia nella celebre pista di Serre Chevalier. In pista, ovviamente, i fratelli Gabriele e Gianluca Casadei, con la Mitsubishi Lancer “proto” preparata a San Marino dalla PB dei fratelli Colonna.

La chiusura di campionato è stata tanto esaltante quanto gratificante, sia sotto il profilo sportivo che sotto anche quello tecnico, con i due fratelli romagnoli andati bene a segno dentro la top ten di raggruppamento, aumentando la loro pratica su neve e “sentendo” che il mezzo ha rivelato perfette le soluzioni tecniche adottate.

Nella pista transalpina, definita dai Casadei semplicemente “fantastica”, la Lancer si è dunque trovata subito a suo agio, permettendo di esprimersi in spunti velocistici importanti. Dopo tre gare di “apprendistato”, non esenti anche da problematiche tecniche dovute al dover adattare soprattutto la vettura al ghiaccio, è dunque arrivato il pieno riscatto e la conferma che si è lavorato sulla giusta direzione, comprovato anche dai riscontri cronometrici molto vicini agli esperti della specialità, al solo primo anno di esperienza.

“Come la scorsa volta abbiamo vinto i raggruppamenti di gara – commenta Gabriele Casadei – ed alla fine nella top ten con un ulteriore avvicinamento a tempi di rilievo. Peccato alla fine per le temperature molto alte, si è rotto il ghiaccio, per cui abbiamo dovuto adattarci per non incappare in incidenti e rotture meccaniche, come accaduto a diversi avversari. Siamo davvero soddisfatti, con la squadra abbiamo visto che “ci siamo” ed abbiamo già deciso di riproporci nel 2020, questo è un bellissimo campionato con bella gente ed è una grande scuola di guida!”.