Articoli

BB Competition con Claudio Arzà e Simona Righetti

BB Competition sarà al “via” della nuova programmazione regionale – il Campionato Ligure Rally – rendendosi parte integrante della Ronde della Val Merula, appuntamento inaugurale della serie, in programma nel fine settimana sulle prove speciali della provincia di Savona.

Un impegno che chiamerà in causa Claudio Arzà e Simona Righetti, al debutto sui sedili della Ford Fiesta WRC, vettura messa a disposizione dal team Tam-Auto.

Per Claudio Arzà, l’occasione di dare continuità al soddisfacente epilogo della stagione sportiva 2019, archiviata con la vittoria assoluta sull’asfalto del “Ciocchetto Event” ma, soprattutto, di arricchire il proprio palmares con l’utilizzo di una vettura WRC, esemplare ammesso nel confronto che ha in Andora il proprio cuore pulsante.

“Una grande soddisfazione, poter contare sulle potenzialità della Ford Fiesta WRC – il commento, entusiasta, di Claudio Arzà – per questa possibilità mi sento in dovere di ringraziare i partner di BB Competition, compartecipi di questa bella avventura. Affronteremo l’impegno cercando di ottimizzare fin dalle prime fasi il feeling con la vettura, consapevoli di poter ambire ad una posizione di rilievo nella classifica assoluta”.

Ad alimentare le aspettative di risultato della scuderia spezzina saranno, nel confronto dedicato alle vetture “di serie”, Jacopo Sarti e Matteo Gianelli, impegnati sui sedili della Renault Clio Williams di classe N3 curata tecnicamente da BB Competition. Per il portacolori di La Spezia, l’occasione di tornare a saggiare le caratteristiche della vettura dopo aver affrontato l’ultimo impegno, il Rally Golfo dei Poeti dell’estate scorsa, al volante della Peugeot 208 R2B.

La Ronde della Val Merula vedrà i motori delle vetture protagoniste accendersi alle 7.31 di domenica 9 febbraio con la partenza della gara da Andora, nella centrale Via dei Mille. Quattro, i passaggi previsti sulla prova speciale “Passo del Ginestro”, per un totale di 45 chilometri competitivi. L’arrivo è previsto alle 16.21, sulla pedana posta nel centro cittadino della location savonese.

Claudio Arzà e David Castiglioni padroni del Ciocchetto

Claudio Arzà, con l’esperto David Castiglioni alle note, a bordo di una Skoda Fabia R5, sì è imposto, dominando, una edizione bagnatissima e difficile de Il Ciocchetto Event, tradizionale e natalizia chiusura di stagione rallystica nazionale. Preso il comando già sulla seconda prova speciale della prima tappa, il pilota spezzino ha costantemente incrementato il suo vantaggio, fino al traguardo finale. Impresa non di poco rilievo, per Arzà che, buon conoscitore del percorso della gara, debuttava con una “errecinque” su queste speciali.

“Sono felice di questa vittoria – dichiarava alla fine Claudio Arzà – la mia terza stagionale dopo Piancavallo nazionale e Pomarance. Ma soprattutto perché mi piace il Ciocchetto Event, cui ho partecipato fin dal 2013 e che ho vinto alla prima volta con una macchina da assoluto. Una gara che per me è un onore avere vinto, affiancando il mio nome, nell’Albo d’Oro, a quello di tanti, importanti campioni”. Al suo fianco, un emozionato David Castiglioni, navigatore di lungo corso, si è aggiudicato l’ambito Trofeo alla memoria di Maurizio Perissinot, consegnatogli da Serena Perissinot – figlia dell’indimenticabile “Icio” – come sempre presente al Ciocchetto, gara “inventata” da suo papà.

Al termine di una prima tappa che ha visto Paolo Andreucci commettere alcune imprecisioni, mentre affinava il set up della sua Peugeot 208 T16 R5 per l’asfalto, dopo una stagione disputata nel Campionato Italiano Terra, si attendeva la reazione dell’undici volte campione italiano rally, tornato in coppia con Anna Andreussi, nella seconda tappa. Che in realtà non è riuscito a spremere il massimo dalla sua vettura, ancora non perfetta per gli asfalti del Ciocchetto, conquistando comunque il secondo posto finale.

A completare il podio del Ciocchetto 2019 è andato un soddisfattissimo Gianluca Tosi, con Del Barba alle note, con la Skoda Fabia R5. Il pilota reggiano, al suo debutto assoluto a Il Ciocchetto Event, ha disputato una gara veloce e senza errori, in un percorso e in condizioni difficili, dove l’avere già corso conta moltissimo.

Le condizioni meteo, con tanta pioggia e poca aderenza, hanno permesso al giovane fiorentino Tommaso Ciuffi, sempre in coppia con Nicolò Gonella, di battagliare per le prime posizioni, pur con le sole due ruote motrici della Peugeot 208 R2. Il neo-campione italiano rally Due Ruote Motrici 2019 ha messo in mostra tutto il suo repertorio di guida velocissima e precisa, fino a che un guasto meccanico non ha fermato la sua corsa nell’ultima prova speciale, a due chilometri dal traguardo finale.

Una seconda tappa con meno errori di guida ed un feeling con la Skoda Fabia R5 migliorato hanno permesso al pilota elbano Andrea Volpi, con Adriani a fianco, di risalire un po’ in classifica, con il Ciocchetto Event chiuso ad un buon quarto posto, e di divertirsi di più a guidare nella seconda giornata.

Difficilmente poteva fare meglio di quanto è riuscito a fare – quinto assoluto – Luca Panzani – con Pinelli – che ha dovuto sopperire con gomme stampo intagliate alla mancanza della misura di gomme “rain” per la sua Renault Clio R3. E qualche ottimo tempo in prova speciale conferma le doti intatte del pilota lucchese, che è riuscito, nel finale di gara, a mantenere la posizione davanti al padrone di casa Andrea Marcucci, con Richard Gonnella alle note, al debutto sulle sue strade con la Skoda Fabia R5, di cui si è detto entusiasta.

Settimo assoluto ed erede del primato tra le piccole R2B, dopo il ritiro di Ciuffi, Cristian Del Castello, in coppia con Marsha Zanet, festeggia una ottima prestazione alle prime gare con la Peugeot 208.

Tanti like, ben 476, sulla pagina Facebook Cioccorally.it, hanno decretato la Peugeot 106 n.36 dell’equipaggio Facchin-Zanetti come la più bella per la livrea natalizia e a loro va, in premio, l’iscrizione gratuita al Ciocchetto Event 2020.

Altro particolare riconoscimento quello dell’Università del Tornante, che va a premiare l’equipaggio n.41 Stefano Martinelli-Valentino Morelli che, con la loro Suzuki Swift R1 sono stati giudicati gli autori del miglior passaggio sul tornante della garitta della prova speciale n. 9.

“E’ stato un Ciocchetto Event corso in condizioni meteo davvero complicate. – commenta alla fine Valerio Barsella, dal ponte di comando del rally natalizio – Oltre ai complimenti a tutti gli equipaggi che hanno dato vita ad una gara bella e avvincente, su un percorso reso arduo dal meteo, vorrei inviare un pubblico e sentitissimo ringraziamento ai Commissari di Percorso, ai Cronometristi e a tutto il personale che ha operato sul percorso, per la riuscita della manifestazione. Il loro lavoro, già difficile, è stato reso estenuante da una pioggia forte e incessante, ma nessuno si è tirato indietro. Grazie di cuore davvero a tutti!”

Un Ciocchetto Event di altissima qualità: Ucci-Ussi, Perico…

Sarà un Ciocchetto Event di altissima qualità e di ricco contenuto sportivo e agonistico quello che andrà in scena i prossimi 20 e 21 dicembre. La lotta per la vittoria si presenta quantomai incerta e i pretendenti promettono battaglia.

Di certo si dovranno fare i conti soprattutto tra le due grandi “star” al via del tradizionale appuntamento in prova speciale pre-natalizio, vale a dire Paolo Andreucci, undici volte campione italiano rally e idolo locale, e Alessandro Perico, pilota-manager bergamasco dal ricco palmares rallystico.

Paolo Andreucci, che dopo il secondo posto nel Campionato Italiano Terra con Rudy Briani a fianco, ritroverà alle note Anna Andreussi, compagna di vita e di tante vittorie e titoli, torna al Ciocchetto Event dopo la vittoria nel Master Top 2017 e la doppia affermazione del 2016, sommate alle altre due affermazioni del 1997 e 1999.

Dunque, sulle sue strade, sarà di certo l’uomo da battere, anche se la sua Peugeot 208 T16 R5 soffre un po’ rispetto alle sue più giovani ed evolute avversarie a quattro ruote. Come la Volkswagen Polo RS R5 con cui si presenta Alessandro Perico, pilota veloce, vincitore assoluto, tra le altre gare, del rally Il Ciocco e Valle del Serchio 2015, e che ha già calcato le speciali del Ciocchetto, qualche anno fa, nel 2008 l’ultima volta, e in precedenza per tre edizioni dal 2001 al 2003. Perico sarà affiancato da Mauro Turati.

Ma non è così scontato che il discorso vittoria sia ristretto ai due “big” sopra citati. Anzi, il Ciocchetto Event si è sempre rivelata gara ricca di sorprese, nella lotta al vertice. Cosi saranno da tenere d’occhio alcuni piloti di spessore e, fatto non trascurabile, profondi conoscitori delle insidie del percorso, mai banale, della gara racchiusa nella Tenuta Il Ciocco, vestita a festa per il periodo natalizio.

E’ il caso del lucchese Rudy Michelini, tra i protagonisti, da varie stagioni, del Campionato Italiano Rally Asfalto e vincitore del “Ciocchetto” 2015, che questa volta avrà a fianco Luca Spinetti, a bordo della Skoda Fabia R5, ma anche del versiliese “Ciava”, con a fianco l’esperto Michele Perna, che si sono dotati per l’occasione di una Volkswagen Polo RS R5. Anche “Ciava” vanta una vittoria al Ciocchetto, nel 2013, ed almeno altre due affermazioni sfuggite, in finali rocamboleschi, per errori veniali ma fatali. Non male, comunque, per un pilota dal buon piede ma che corre, da alcuni anni, solo al Ciocchetto …

Anche Andrea Marcucci, il “patron” del Ciocchetto Event, con il fido Gonnella alle note, riesce a fare buone cose, sulle strade che sono davvero di casa sua, e questa volta ci prova con la Skoda Fabia R5. Da seguire con la massima attenzione saranno anche altre tre Skoda Fabia R5, con al volante lo spezzino Claudio Arzà, con David Castiglioni a dettare le note, presenza fissa nelle ultime edizioni del Ciocchetto, ma che quest’anno affronta, per la prima volta, con una vettura da assoluto, il pilota elbano Andrea Volpi – con Adriani a fianco – anche lui alla sua “prima” su queste strade con una macchina da alta classifica e il forte pilota reggiano Gianluca Tosi, con Del Barba alle note, che si cimenta, per la prima volta al Ciocchetto, e di cui potrebbe rivelarsi la sorpresa…

Senza dimenticare che, nel rally più natalizio che c’è, spesso si affacciano nelle zone altissime della classifica, vetture di prestazioni e potenze inferiori, ma molto ben guidate. E tra questi piloti, uno che si mette in mostra è, molto spesso, l’esperto Pier Verbilli, qui con Lamecchi, con la Renault Clio R3.

Ha vinto il Campionato Italiano Rally 2 Ruote Motrici 2019, vincendo, anzi dominando, sei delle sette gare cui ha partecipato. Il giovane talento fiorentino Tommaso Ciuffi, con il fido Nicolò Gonella a dettare le note, non ha voluto mancare al Ciocchetto Event, dove sarà al volante della Peugeot 208 R2B con cui, per i colori ufficiali di Peugeot Sport Italia, ha vinto l’importante titolo. Proprio al Ciocchetto è legato, infatti, un bel ricordo agonistico, per Tommaso: la vittoria assoluta conquistata nel 2017, navigando il suo babbo Paolo, pilota di valore e recordman di vittorie al Ciocchetto.

Al via anche il pilota locale, di Barga, Stefano Martinelli, con Morelli, fedele alla Suzuki Swift con cui, nel 2017, ha vinto il titolo tricolore di categoria R1. Della partita sarà anche il lucchese Luca Panzani, con Pinelli e la Renault New Clio R3, pilota veloce che, nel 2016, ha sfiorato il titolo italiano 2 Ruote Motrici.