Articoli

Rally Val d’Orcia: Trevisani vs De Luna, ma c’è Travaglia

Dove eravamo rimasti? Al Rally delle Marche dello scorso novembre, terzo posto assoluto al debutto con una vettura R5, e al Prealpi Master Show di dicembre, settima piazza al termine di una gara da grandi numeri, facendo comunque altra esperienza con la Skoda Fabia GF Racing. Ora comincia la nuova stagione e Jacopo Trevisani, affiancato sul sedile di destra da Andrea Marchesini, ricomincia da leader del Challenge RaceDay Rally Terra (27 punti), in coabitazione con il rivale Andrea De Luna prima che il X° Rally della Val d’Orcia ridefinisca la classifica considerate le pretese delle ancora più muscolose WRC. Trevisani (nella foto di Leonardo D’Angelo) non lascia nulla al caso e a Radicofani, vista l’indisponibilità della Skoda, sarà al via con una splendida Hyundai i20 della Friulmotor gommata Dmack, le coperture che hanno trovato il gradimento del giovane driver bresciano dopo un breve apprendistato. I due devono tenere d’occhio Renato Travaglia, che torna per allenarsi, ma che è abituato ad ‘allenamenti vincenti’…

“Devo ringraziare Claudio De Cecco e la sua struttura che si sono mostrati subito interessati alla mia chiamata – sottolinea il driver bresciano – e hanno messo a disposizione la vettura con cui Luca Rossetti ha vinto al Due Valli e si è imposto tra le R5 al Rally di Monza. Una macchina super che potrò provare sabato mattina allo shake down per entrare in confidenza, curioso di scoprire le differenze con la Skoda e quanto sarò in grado di sfruttarne il potenziale”. Umiltà e tenacia, le due qualità che Trevisani è pronto a mettere in campo nella Val d’Orcia, affrontando grintoso le due prove speciali “Radicofani” (12,61 km) e “San Casciano dei Bagni” (6,48) da ripetere tre volte domenica. Sfida con tutti i migliori del Challenge e che vedrà impegnato anche il redivivo Renato Travaglia, pluricampione italiano a 2 ruote e 4 ruote motrici. “Concorrenza davvero agguerrita – conclude Jacopo – e noi faremo del nostro meglio per cercare un risultato ottimale”.