Articoli

The Ice Challenge: a Pragelato si punta a fare il gran pienone

La positiva apertura stagionale di Livigno di The Ice Challenge 2019 – Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio, di sabato 12 e domenica 13 gennaio, ha infuso grande ottimismo in tutto lo staff di BMG Motor Events guidato da Luca Meneghetti che organizza la Serie Bianca. “A Livigno abbiamo avuto 33 partecipanti, ma alcuni piloti già iscritti al Challenge non si sono presentati al via della gara dell’Alta Valtellina, mentre saranno presenti a Pragelato”, afferma Luca Meneghetti, riferendosi in particolar modo ad Alessandro Pettenuzzo, al gran rientro con la Mitsubishi Lancer che gli ha regalato il titolo tricolore due stagioni fa, ad Adriano e Max Zanatta, già protagonisti condividendo la Mitsubishi Lancer nella scorsa stagione, ad Alex Pregnolato ed Enrico Tengattiniche disporranno di una Subaru Impreza, per finire a Paolo Sottosanti che con la sua Citroën AXrenderà più incandescente la sfida fra le due Ruote Motrici.

“L’obiettivo è superare le quaranta vetture in pista, e sulla base di quanto visto a Livigno, degli ingressi dei concorrenti già iscritti e di altri che hanno dato la loro adesione dopo la gara livignasca, il risultato è alla nostra portata” assicura Gianpiero QuassoloPragelato, la sfida si ripete. In effetti, la gara di Livigno è stata veramente entusiasmante sotto il profilo dello spettacolo in pista, fornito conferme, e acceso voglie di riscatto. Le conferme riguardano innanzi tutto i giovanissimi fratelli Alessio e Michele Bormolini, veri mattatori della gara con la loro Skoda Fabia R5 che hanno sfruttato a meraviglia la perfetta conoscenza della pista di casa per imporre la loro legge.

Fra coloro che hanno qualche sassolino nella scarpa da togliersi e lo vorranno fare a Pragelato, ci sono principalmente Aldo Pistono, che si è espresso al meglio con la sua Opel Astra solo nell’ultima manche, e Sergio Durante, cui la vittoria nel Master King pomeridiano con la sua Citroën DS3 non è stata sufficiente a cancellare totalmente una giornata grigia e non solo per la neve. La maggior delusione l’ha sicuramente patita Luciano Cobbe, che praticamente non ha girato con la sua Focus WRC azzoppata da una toccata fin dalle prove, mentre Ivan Carmellino ha lottato per gran parte delle manche con Alessio Bormolini al volante della sua Grande Punto Proto arrendendosi solo alla fine, e Giovanni Saracco, all’esordio con la Mitsubishi Lancer, che ha subito dimostrato di avere un ottimo passo, rallentato dallo stop anticipato nella seconda manche.

I velocissimi kart-cross, sempre più numerosi. Sarà battaglia anche fra i kart-cross, dopo che a Livigno si è vista una gran battaglia sul filo del centesimo di secondo fra Christian Tiramani e Simone Firenze, con il campione in carica Armando Bracco fermato da un capottamento nelle prove del sabato e fermato dalla frizione domenica. E il buon esordio della pink lady Virginia Mongini. A Pragelato, però, non ci saranno solo loro, visto che un altro paio di concorrenti dei velocissimi kart-cross hanno già garantito la loro presenza, rendendo sicuramente più spettacolare le batterie della gara.

A Pragelato si gira come le lancette dell’orologio. Si ritorna a Pragelato, dove lo scorso anno si disputarono due gare, una in senso orario, l’altra in senso anti orario. Lo scorso anno qui vinsero Aldo Pistono prima e Sergio Durante poi. “Anche se non ci sono state precipitazioni la pista Ice Pragelato c’è ed è in perfette condizioni, grazie alle cure di Adriano Priotti”  analizza Luca Meneghetti. Le previsioni del tempo, inoltre, sono decisamente favorevoli allo svolgimento della gara, con temperature costantemente sotto zero nella località dell’Alta Val Chisone per tutta la settimana con punte di -12 nelle giornate di venerdì e domenica. Inoltre mercoledì e giovedì sono previste nevicate che renderanno la pista Ice Pragelato perfetta. Il sole di sabato e domenica, infine, renderanno le condizioni perfette sia per i piloti in gara sia per gli spettatori sugli spalti.