Sebastien Ogier: ''Penso al mondo che soffre, ma tornerei a Monza''

Sébastien Ogier: ”Bene in Grecia, ora Finlandia”

Il “lupo di Gap” sente sempre più vicino l’ottavo titolo iridato in carriera, soprattutto dopo il terzo posto conquistato all’Acropolis Greece WRC. Una gara disputata tatticamente e mentalmente in maniera ineccepibile dal pilota Toyota, come spiegato nella conferenza stampa di fine rally.

“La strategia che avevamo studiato ad inizio rally ha dato i suoi frutti. Siamo partiti molto bene nella giornata di venerdì, nonostante aprissimo noi la strada, poi nella giornata di sabato sono rimasto molto nella mia “confort zone” per via di condizioni di visibilità variabili e soprattutto perché pensavo a ciò che era successo nella precedente giornata a Thierry e Elfyn. Inoltre Kalle e Ott stavano letteralmente volando e ad un certo punto quando sei in lotta per un titolo devi mettere da parte il tuo ego e ragionare, da qui la decisione di lasciarli andare via”.

“So che non è molto bello e piacevole, ma ho portato a casa un risultato molto importante per il prosieguo del campionato. E’ stata una gara super estenuante, le ricognizioni sono state molto difficili e impegnative e assieme a Julien abbiamo dovuto passare le notti davanti al video del PC per controllare le varie note. Non sono più abituato alle lunghi notti davanti allo schermo come i più giovani, adesso a gara finita potrò finalmente riposare”.

Che la tattica di Sébastien Ogier fosse conservativa se vista soprattutto nella PS13 Tarzan quando ha concesso al giovane compagno di squadra un distacco di oltre 1”2 al chilometro. Una scelta che forse i professori da tastiera contesterebbero, ma che alla fine dei giochi ha consentito al francese di allungare il distacco dai suoi rivali e calcoli alla mano potrebbe permetterli di festeggiare il titolo già al prossimo rally iridato, che si svolgerà in Finlandia ad inizio ottobre. Proprio sul Finlandia, Ogier spiega che sarà una gara diversa da quella ha cui siamo abituati e spera nei preziosi consigli di Jari-Matti Latvala per provare a chiudere il Campionato.

“Sarà un rally diverso, rispetto a quello che conosciamo noi. Il Finland ad ottobre è una novità assoluta per la nostra generazione, speriamo che Jari possa aiutarci. Troveremmo condizioni più fresche e i test pre-gara saranno veramente importanti e fondamentali. Mi auguro che le condizioni possano essere umide. Abbiamo corso nove rally in questa stagione e in sette di questi ho svolto lo sgradito ruolo di “apripista”, credetemi non vedo l’ora che arrivino i rally su asfalto. Per quel che riguarda la Finlandia, per noi dovrebbe essere un buon rally in quanto su queste strade la nostra Yaris è nata e si è sviluppata. Mi aspetto una competizione durissima, Kalle correrà sulle ali dell’entusiasmo dopo il successo in Grecia e anche i ragazzi di Hyundai spingeranno molto forte in cerca della vittoria. Vedremo che approccio adottare per questo rally, ma non vedo l’ora che arrivi”.