Sébastien Loeb

Sébastien Loeb strizza l’occhio a Malcolm Wilson

Il nove volte iridato Sébastien Loeb, dopo la vicenda legata alla separazione dal suo storico navigatore Daniel Elena, è tornato a far parlare di sé in vista di un suo eventuale ritorno nel WRC 2022. Ricordiamo che l’ex pilota Citroën, dopo aver concluso il suo contratto biennale con il team Hyundai Motorsport, per la stagione 2021 ha dirottato i suoi programmi verso la Dakar e l’Extreme E con la Prodrive. Ma, a quanto pare, ci sarebbe ancora spazio per un possibile ritorno nella serie iridata: l’alsaziano ha fatto sapere che se ci fossero sul tavolo delle offerte interessanti le valuterebbe con particolare attenzione.

Non a caso in questi giorni Loeb ha “strizzato l’occhio” verso il team di Malcolm Wilson, con il quale era stato molto vicino a chiudere un accordo nel lontano 2005, quando il team Citroën aveva deciso di prendersi un anno sabbatico dal Mondiale Rally per sviluppare la nuova C4 WRC, affidando le Xsara WRC per la stagione 2006 al team Kronos Citroën di Marc Van Dalen. Come sappiamo alla fine Loeb decise di rimanere fedele alla Casa che lo aveva lanciato nella serie iridata e l’eventuale accordo per passare in Ford finì con un nulla di fatto.

Oggi ha distanza di 16 anni siamo alle prese con un nuovo avvicendamento tra l’alsaziano e il team M-Sport Ford. “I miei due programmi principali quest’anno sono la Dakar e l’XE. Ovviamente se dovesse arrivare una chiamata, e Malcolm Wilson mi chiedesse di fare un rally, allora perché no?”.

Un ritorno a partire dal Rally di Monte Carlo sembra poco probabile perché andrebbe ad interferire con la sua partecipazione alla Dakar, ma Loeb ha aggiunto: “Non c’è solo il “Monte” in calendario, ci sono altri rally. Se Malcolm dovesse avere bisogno di qualcuno un giorno, non per tutta la stagione, perché no? Non andrò in Finlandia, ma il risultato ottenuto l’anno scorso in Turchia sicuramente non è passato inosservato”.

In merito a tutto ciò, ha voluto esprimere un proprio pare anche Malcolm Wilson. “All’epoca, nel 2005, fummo molto vicini a chiudere il contratto, era quello di cui avevamo bisogno e avrebbe potuto funzionare. È bello vedere come sia ancora interessato a noi! Ovviamente la mia priorità è quella di avere una line-up piloti che competa per tutta la stagione. Di sicuro non possiamo rimanere indifferenti di fronte a questo. Séb è una persona con cui mi terrei sempre in contatto”.