Sébastien Loeb: ”Corro per le emozioni”

Dopo sei settimane vissute in giro per il Mondo a raccogliere trionfi, per Sébastien Loeb è arrivato il momento di tracciare un bilancio di questo suo magnifico inizio d’anno. L’alsaziano in queste prime sei settimane del 2022 ha conquistato nell’ordine un secondo posto assoluto alla Dakar e ha portato a casa i successi al Rallye Monte-Carlo e alla Race of Champions.

Sul suo sito internet, il nove volte campione del mondo ha voluto raccontare questo sorprendente inizio d’anno che l’ha visto protagonista assoluto in diverse discipline: “Eccomi, finalmente sono tornato a casa dopo sei settimane pazze! Dalla Dakar alla Race Champions, passando per il Rallye Monte-Carlo e l’Andros e-Trophée. Onestamente non vedevo l’ora che questo mese finisse, non vi nascondo che è stato pesante, ma quando arrivano i risultati tutto diventa più facile e bello. Faccio tutto questo per vivere emozioni come quelle vissute nelle ultime settimane”.

Primo punto toccato è quello della Dakar: “Sto iniziando ad avere sempre più esperienza alla Dakar, dopo sei partecipazioni posso dire che questa è stata l’edizione che ho vissuto con più intensità. C’è stata una bellissima battaglia tra me e Nasser, durata quattordici giorni, peccato per un piccolo guaio meccanico, ma Nasser e Mathieu sono stati praticamente perfetti per tutta la durata del rally-raid. Tuttavia, con sole cinque partecipazioni alla Dakar, mi ritengo ancora un novizio in questa specialità. Dopo due secondi posti e un terzo, sarebbe un peccato non tentarci nuovamente il prossimo anno”.

Il discorso dopo la Dakar, si sposta sul Rallye Monte-Carlo: “Nuova squadra, nuova auto, nuovo navigatore, nuovi ricognitori e percorso quasi nuovo… Tutto questo pochi giorni dopo il ritorno dalla Dakar. Il feeling con la vettura è stato subito ottimale, fin dal primo contatto avvenuto in Spagna lo scorso ottobre. Mi sono trovato a mio agio. Posso svelarvi un piccolo aneddoto, non abbiamo mai cambiato impostazioni alla vettura durante la gara, questo è una cosa molto rara in una gara come il “Monte”! Segno che la Puma è nata veramente bene. Il feeling con la vettura era l’unica certezza che avevo alla vigilia della gara. Pronti via, subito miglior tempo al primo passaggio nello shakedown, questo mi ha permesso di alleviare la tensione che avevo addosso, perché non sapevo qual era il mio livello nel Mondiale. La gara è stata fantastica, condivisa in maniera magnifica con Isabelle, che ha svolto il suo ruolo stupendamente e col team M-Sport preciso e impeccabile. Con Seb e Benjamin abbiamo dato vita ad un duello favoloso e il tutto se svolto con uno spirito bello, cordiale e simpatico. E’ una delle vittorie più belle della mia carriera, perché arriva a distanza di tre anni dal mio ultimo successo (Spagna 2018) e soprattutto in maniera del tutto inaspettata. E’ stato emozionante il successo con la mia famiglia, con i miei amici e con tutti gli appassionati”.

Chiusura con Andros e-Trophy e Race of Champions: “Dopo il Monte-Carlo, ritrovare l’atmosfera allegra dell’Andros e-Trophy è stato molto bello. Ho ritrovato i ragazzi del mio team (Sébastien Loeb Racing), ma sapevo che tornare e correre pronti-via era molto difficile, il quinto posto conquistato è un risultato importante per me e tutto il Team. La Race of Champions è una competizione che amo molto, partecipo sempre molto volentieri. Si corre in un clima disteso e allegro, ma alla fine quando arriva il momento della gara tutto cambia. Ho dato tutto me stesso per vincere e sono riuscito a centrare la quarta vittoria in carriera. Abbiamo corso su un lago ghiacciato in Svezia contro i temibili locali, come la famiglia Solberg ed Ekstrom. Nonostante questo, non mi sono arreso e in finale ho battuto Sébastien Vettel, che per me è una leggenda. Questa vittoria per me è la ciliegina sulla torta a sei settimane incredibili e ricche di emozioni”.

Il riposo per Séb durerà pochissimo, già la prossima settimana sarà tempo di Extreme E in Arabia Saudita, il transalpino correrà anche in questa stagione con il team X44 (team di proprietà di Lewis Hamilton) assieme a Cristina Guttierez.