siragusano

Rosario Siragusano: ”CIR Junior serie molto competitiva”

Saranno ben dodici (al momento) gli equipaggi che dovrebbero essere al via del prossimo Campionato Italiano Rally Junior. Un numero di iscritti importantissimo, segno che il nuovo format dello Junior piace ai piloti, grazie all’inserimento in calendario di gare di altissimo profilo. Alla vigilia del primo evento in calendario, ovvero il Rallye Sanremo abbiamo incontrato Rosario Siragusano, co-equiper siciliano che in questa stagione detterà le note al corregionale Alessandro Casella. Un curriculum importante quello di Siragusano con oltre 300 gare all’attivo contornate da 14 vittorie assolute.

Torniamo al 2020, stagione difficile per i motivi che tutti sappiamo. Con Alessandro decidete di affrontare il CIR 2WD con la Peugeot 208 R2. Che bilancio dai alla tua stagione?

Il bilancio del 2020 è stato certamente positivo a livello cronometrico, abbiamo fatto veramente una bella stagione peccato che il covid non ci ha permesso di essere allo start dell’ultimo gara a Montalcino. Questo forfait ci ha negato la possibilità di giocarci il Trofeo Peugeot e relativi premi vittoria.

Il 2021 vi vedrà al via del CIR Junior. Come mai questa scelta e come valuti il calendario gare?

La scelta è stata dettata dal montepremi finale, inoltre il Campionato si prospetta di livello molto alto con tanti giovani forti e veloci al via. Le gare scelte dalla Federazioni sono le migliori in circolazione, penso che Sanremo, Roma, Sardegna WRC non abbiano bisogno di presentazioni.

Il primo appuntamento sarà il Sanremo, gara per te nuova. Come ti stai preparando alla gara matuziana?

Assieme ad Alessandro abbiamo lavorato duramente per arrivare preparati alla prima gara del Campionato, un’evento che riteniamo tra i difficili e impegnativi in calendario. Sanremo ti mette i brividi solo a pronunciarlo, pensa a correre su strade che hanno fatto la storia del Mondiale Rally. Da parte nostra daremmo il massimo, non vediamo l’ora di iniziare questo affascinante Campionato, con la speranza che anche il pubblico a breve possa venire sulle prove a farci il tifo e incitarci.