Giandomenico Basso ha annunciato che l'accordo con Citroen Italia è saltato

Giandomenico Basso: ‘Saltato l’accordo con Citroen Italia per il Cir 2019’

Giandomenico Basso ha annunciato ai microfoni di Rock ‘n Rally, la trasmissione radiofonica condotta da Luca Del Vitto, che oggi è saltato definitivamente l’accordo con Citroen Italia. Il pilota veneto, in predicato per guidare la Citroen C3 R5, in radio è sembrato sconsolato, comprensibilmente. ‘Sono triste – ha detto Basso -. Mi dispiace dare a tutti una notizia così brutta: purtroppo oggi si è spenta qualunque mia speranza di poter entrare a far parte della squadra Citroen Italia. La Casa mi ha comunicato che non sarò io il loro pilota. Sono davvero molto rattristato da questo evento. Adesso dovrò darmi da fare e cercare di capire verso dove orientarmi. Non nascondo che ho sperato fino all’ultimo di poter correre con la C3 R5 ufficiale, ma non sarà così’.

La notizia comunicata da Basso al giornalista di RS e oltre e conduttore della trasmissione radiofonica ha immediatamente gettato nello sconforto migliaia di fans appassionati che ormai davano per certo l’accordo con la filiale italiana del Costruttore francese. Erano in tanti a sognare il ‘Giando’ nazionale con la C3 R5 sviluppata dal reparto corse del Double Chevron e “affinata” con la partecipazione ad alcune prove del mondiale WRC 2. In particolare in Veneto, molti sognavano la sua partecipazione al Cir 2019 con la C3 R5 con la livrea di Citroën Italia gommata Pirelli e curata dalla struttura tecnica di Fabrizio Fabbri (storico partner sportivo di Groupe Psa Italia) per quanto riguarda la preparazione della vettura e l’assistenza in gara.

Citroen Italia debutta cel Cir 2019 con la C3 R5

Citroen Italia debutta cel Cir 2019 con la C3 R5

I dirigenti di Citroen stavano valutando tre candidature, scartata quella di Umberto Scandola (che oltre a proporsi come pilota si era proposto come struttura per rilevare la gestione del programma sportivo), quella di Giandomenico Basso era ben quotata. Ma in predicato per il volante della C3 R5 ufficiale, a pari merito di preferenze, c’era anche Luca Rossetti, che a questo punto sembra avere la strada completamente libera per raggiungere il quartier generale Psa Group di Milano e firmare questo accordo. Dunque, questo 2019 vedrà ‘Rox’, quasi certamente, pilota ufficiale Citroen a caccia del titolo tricolore in una stagione comunque molto particolare, considerato il fatto che non ci sarà nessun Costruttore a cui contenderlo, visto che anche Ford ancora non ha comunicato se e con chi parteciperà.

2 commenti
  1. Albatrox
    Albatrox dice:

    Con Rossetti in citroen al Cir sarà la fine per Andreucci…se qualche “sportivo” non chioda le strade

    Rispondi
    • Marco Cariati
      Marco Cariati dice:

      Speriamo che certe cose non succedano più, anche se è un auspicio un po’ utopistico, considerando i “fatti” delle ultime stagioni. E speriamo di poter assistere ad un bel confronto sportivo. Bisogna sperare nella presenza di Ucci, visto che Scandola probabilmente farà il Cirt e Basso non si sa. Altrimenti, Rox corre il rischio di non avere rivali!

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Facci sapere qual è la tua opinione?