L'equipaggio Giovo-Montagna alla scorsa edizione del Rallyday 2 Laghi

Rallyday 2 Laghi, Memorial Rabogliatti e Caffoni, Trofeo A5…

È arrivato il giorno X. Mercoledì 13 marzo è ufficialmente il giorno indicato per poter inviare le adesioni al 6° Rallyday 2 Laghi-Città di Domodossola, rallyday organizzato dalla scuderia New Turbomark. Tutti coloro che vi vorranno partecipare avranno tempo fino a venerdì 5 aprile, termine ultimo da regolamento. Come già annunciato alla viglia i cambiamenti rispetto al passato sono molti ma è altrettanto vero che la qualità messa in campo dal comitato organizzatore è in costante crescita.

Se le nuove prove speciali hanno rifatto il look della corsa attraendo la curiosità di molti, le iniziative collaterali ed i riconoscimenti già istituiti non fanno altro che aumentare il livello di appeal del rally piemontese. A partire dal primo assoluto, che si aggiudicherà il Memorial Nevio Rabogliatti – sfortunato appassionato che seguiva tutti i rally della zona con tifo e calore – fino al primo Under 25 che si aggiudicherà il Memorial Diego Caffoni.

Nel mezzo figura un interessante trofeo autogestito da un gruppo autonomo di rallysti dedicato alle vetture di classe A5, ideato dal pilota Alessio Sucato: con una donazione di soli 50€, il cui totale ricavato verrà devoluto in beneficenza, gli iscritti a questo trofeo potranno accedere gratuitamente allo shake down ed i primi tre avranno come premi le iscrizioni gratuite al Rally Rubinetto, alla Ronde Gomitolo di Lana e alla Ronde Camunia.

Se il faro guida rimane inalterato rispetto alle ultime edizioni, non si può dire altrettanto delle prove speciali: il comitato organizzatore ha infatti eliminato due prove su tre confermando la sola Montecrestese. Fuori dunque Lusentino e Calasca e dentro due speciali pronte a far parlare molto di sé: torna dopo quindici anni la PS Antrona mentre inedita sarà la San Domenico, tratto in salita celebre per essere la principale connessione con l’Alpe Veglia e, nella stagione invernale, con una delle principali stazioni sciistiche del Piemonte Orientale.

La gara, che si conferma nel formato rallyday, valorizza la sua compattezza ma soprattutto un territorio montano sempre pronto a destare l’interesse di quel turismo sportivo che sta diventando sempre più un traino capace di affiancare il già forte settore secondario.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Facci sapere qual è la tua opinione?