Giandomenico Basso ha annunciato che l'accordo con Citroen Italia è saltato

Giandomenico Basso parte dalla Val Merula alla conquista d’Italia

Si accende, anzi si infiamma, la stagione sportiva italiana rally su fondo catramato. Succederà questo weekend, in Liguria, in provincia di Savona, con la Ronde della Val Merula che si disputerà tra sabato 9 e domenica 10 febbraio. Una gara dalle mille sorprese. Come di consueto molti saranno i protagonisti che vorranno dare “fuoco alle polveri” per testare le macchine scelte per il campionato sul quale puntare: tra questi vi è Giandomenico Basso che sarà al via della ronde ligure con la Skoda Fabia R5 con Loran.

Grande novità e fantastica notizia per i tanti appassionati che si assieperanno sulla speciale Testico-Cesio di 10,5 chilometri ripetuta tre volte e in particolar modo sul salto del Passo del Ginestro: Basso tenterà la zampata per far capire agli avversari che ha ancora tanta voglia di vincere. Noi lo abbiamo già visto più grintoso che mai in azione ad Automotoracing, a Torino, dove per la verità non è stato molto aiutato dalla fortuna.

Proprio in quest’ottica, in questi giorni Basso scioglierà le riserve sul team con il quale correrà nel Cir 2019: le opzioni sul tavolo di Giandomenico sono tre e tutte molto valide, allettanti e altamente competitive. Fattore che ci fa ben sperare (diciamo così solo per scaramanzia, in attesa dell’ufficialità) di vedere nel Campionato Italiano Rally 2019 un “piedone” come il Giando nazionale.

Ma quali sono le opzioni su cui sta riflettendo Basso? Lo vedremo nel Cir 2019 sicuramente con una vettura Loran. Quale? O la vettura céca Loran, che assaggerà questa settimana o, alternativamente, senza cambiare tipologia di veicolo, potrebbe accasarsi nella scuderia Metiorsport. Da ultimo, ma non in ordine di importanza, resta valida anche l’ipotesi di utilizzare la Ford Fiesta R5 della Ford Italia Racing diretta da Valentino Giorgi, che non ha mai fatto mistero della sua simpatia per Giandomenico Basso.

Tutti lo cercano, tutti lo vogliono, ma fino ad ora, il nostro beniamino, non è stato fortunatissimo. Ma come si dice, impossibile non è per sempre. E noi di RS incrociamo le dita. Ancora una cosa, anche questa però importantissima: gli avversari sono messi in guardia, Luca Rossetti in primis. Giandomenico Basso non è uno che corre per il gusto di correre. È un professionista che tra mille difficoltà e tantissimi sacrifici, corre per vincere. È uno di quei rari piloti di razza con uno score di successi di alto livello. Ecco, Basso vuole riconquistare il titolo italiano dopo quelli del 2016 e 2007 per fare un bel tris di vittorie tricolori.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Facci sapere qual è la tua opinione?