ERC, un calendario che si rimodula per emergenza

Ormai non c’è bisogno di spiegare perché una gara viene rinviata o annullata. Mentre il promoter del WRC, congiuntamente alla FIA, dichiara di “tenere sotto osservazione gli eventi”, l’organizzazione dell’ERC non esita e riprogramma tutto, spostando in avanti le gare di inizio stagione. Il Rally delle Azzorre è stato rinviato. La gara, originariamente fissata per il 26-28 marzo e valevole come primo round dell’ERC 2020, si disputerà il 17-19 settembre come sesto appuntamento.

La situazione, in continuo divenire, verrà monitorata anche nelle prossime settimane. Organizzatori, promoter, organi di governo stanno dialogando quotidianamente per garantire un interesse e il miglior spettacolo a tutti appena i motori da corsa potranno essere riaccesi.

“Tutti i membri di Azores Rallye e del promoter ERC, Eurosport Events, sono a conoscenza della gente che ha perso la vita e delle difficoltà che sta creando questa situazione. Seppur non si volesse rinviare l’evento, ciò si è reso necessario considerando la salute e il benessere dei coinvolti, che non dovevano essere compromessi”, è scritto in una nota stampa degli organizzatori.

ERC, Rally delle Canarie forse, Cipro a metà ottobre

La stagione 2020 dell’ERC sarebbe dovuta iniziare dal bellissimo Rally delle Canarie del 7-9 maggio. La gara verrà posticipato a causa della pandemia di coronavirus che ha costretto il governo locale ad adottare restrizioni ferree. Gli organizzatori di Club Deportivo Todo Sport hanno confermato che verrà anche scelta una nuova data per la competizione che si sarebbe dovuta svolgere il weekend del 7-9 maggio.

Il Rally di Cipro, ora, è in previsione subito dopo il Rally delle Azzorre. La gara si svolgerà il weekend del 16-18 ottobre per consentire il recupero della gara azzorriana il 17-19 settembre.

ERC3 Junior: Dennis Radstrom correrà su Fiesta Rally4

L’equipaggio svedese composto da Dennis Radstrom e Johan Johansson utilizzeranno la nuovissima Ford Fiesta Rally4 per inseguire il titolo in palio nel Junior ERC3 2020. La nuova Ford Fiesta Rally4 con motore EcoBoost è una evoluzione della Fiesta R2 2019 che, come la nuova Fiesta Rally4, è stata costruita e sviluppata presso lo stabilimento di M-Sport Poland a Cracovia.

Radstrom spera di partecipare ad alcune delle tappe principali europee con uno dei Marchi più rappresentativi dei rally. Radstrom e la Rally4 hanno un compito difficile da portare a termine, alla ripartenza del Campionato Europeo: la Fiesta R2 2019 ha offerto ottime prestazioni nel Junior ERC3 2019, conquistando quattro vittorie su cinque gare disputate.

La nuova Fiesta Rally4 2020 è stata migliorata sotto tutti i punti di vista, ed eroga maggiore potenza e coppia, oltre a vantare miglioramenti alla trasmissione. Anche le sospensioni sono state aggiornate. Dennis Radstrom è ormai un veterano del WRC Junior, con un comprovati record in una serie molto competitiva con 58 vittorie di PS, sette podi e due vittorie assolute. Al suo debutto nel Junior WRC 2017 non è mai finito al di fuori della top-five, conquistando vittorie in prova speciale su quattro dei cinque rally a cui ha partecipato.

Il 2018 ha visto il giovane svedese ottenere prestazioni notevoli, tra cui la prima vittoria nel WRC Junior al Rally di Svezia, per lui gara di casa. Nel 2019 finirà terzo in campionato, con due podi e il maggior numero di vittorie di PS rispetto a qualsiasi altro pilota del campionato. “Ho avuto la fortuna di essere stato coinvolto nello sviluppo della Fiesta Rally4 durante l’inverno e sono davvero impressionato da ciò che la M-Sport Polonia ha ottenuto. La R2 del 2019 era già un pacchetto estremamente competitivo, ma l’aggiornamento del Rally4 mi si addice molto, la trazione e la potenza aggiuntive gli conferiscono un nuovo vantaggio che permette di spingere più forte”.

“Mi è sempre piaciuto il calendario ERC, quindi non vedo l’ora di disputare gli eventi che la serie ha da offrire, ogni evento è speciale a modo suo. L’obiettivo per me quest’anno è, come sempre, di essere il più veloce possibile e di spingere al limite. Abbiamo tre anni di esperienza nel WRC Junior e li userò nel tentativo di vincere. Tra le due ruote motrici si combatte sempre tanto”.