Mario Trotta, Rally valle della Guardia

Rally Valle della Guardia: monologo di Mario Trotta

Mantenendo la leadership dalla prima all’ultima prova speciale, il pontecorvese Mario Trotta, in coppia con il navigatore di San Giovanni Incarico, Federico Germani, si è imposto nella prima edizione del Rally Day Valle della Guardia – Memorial Giammasi. Al secondo posto il picano Giovanni Gravante in coppia con Marco Lepore davanti ai sardi Gessa-Pusceddu, tutti su Renault Clio S1600.

Una gara giocatasi sul filo dei secondi, con Trotta che si è imposto in cinque delle sei prove speciali, una a pari merito con Gessa che, dal canto suo, alla sua prima apparizione sulle strade ciociare ha vinto due p.s., compresa quella finita con lo stesso tempo del rivale. Per Trotta, alla guida di una Clio della RO Racing, preparata da Balbosca, è la seconda affermazione in carriera, otto anni dopo quella nel Rally delle Mura Poligonali, a Ferentino, e ad otto mesi di distanza dal terribile incidente nel Terra di Argil.

Il pilota di Pontecorvo si è trovato subito a suo agio nelle due prove speciali del rally day della Valle Della Guardia, infliggendo un distacco di 7”7 nei confronti dell’equipaggio secondo classificato formato da Giovanni Gravate e Marco Lepore. Ottima la prestazione del pilota di Arbus, Marino Gessa, terzo a 9”2 dal vincitore che, alla sua prima apparizione su queste strade, in coppia con il cagliaritano Salvatore Pusceddu, è stato subito velocissimo, giocandosi gran parte delle possibilità di duellare per la vittoria con una toccata nella terza prova speciale.

Ai piedi del podio l’altro pilota locale Fabio Carnevale in coppia con Roberto Lombardi, anche loro su Renault Clio, davanti a Michael Rendina, figlio del noto pilota-organizzatore Massimiliano Rendina, classificatisi ottimamente in quinta posizione. Sesto posto e primo della classe RC4/A7 per il pilota di Fontana Liri Emanuele Giannetti in coppia con Annalisa Bianchi su Renault Clio Williams.

Buona la prestazione di Taglienti-Martini sulla piccola Renault Twingo, settimi assoluti e primi della classe Rally4, davanti a Stracqualursi- Iscaro su Peugeot 208. Chiudono la “top-ten” Antonio Trotta e Giacomo Verrico al nono posto su Renault Clio e Colella-Bragaglia, decimi assoluti su una Peugeot 208. Grosso successo di pubblico per questa prima edizione del rally che ha visto scattare alla partenza 68 equipaggi, con 55 equipaggi all’arrivo di San Giovanni Incarico, numeri da record per essere un rally Day alla sua prima edizione.

Grande partecipazione anche affettiva del pubblico locale per ricordare Battista Giammasi, uno dei navigatori più conosciuti ed amati del centro-sud, prematuramente scomparso due anni or sono. Proprio nel suo nome il Comune di San Giovanni Incarico, con in testa il Sindaco l’ing. Paolo Fallone, supportato dalla organizzazione della Asd Rally Game e della associazione Pik Race, ha fortemente voluto questa manifestazione sportiva che sicuramente avrà un seguito sempre più brillante nei prossimi anni. Al termine della manifestazione, tutti i protagonisti sul podio e gli organizzatori hanno espresso un ricordo affettuoso nei confronti dell’indimenticato Battista Giammasi.