Rally Val d’Orcia: vincere non basta ad Andrea Tonelli

Archiviato il primo sigillo assoluto in carriera nel Campionato Italiano Rally Terra Storico, vincendo il Rally Storico Valle del Tevere, per Andrea Tonelli la scalata sembra farsi sempre più ripida, in virtù di un sistema di attribuzione dei punteggi delle singole tappe della serie che non ha di certo premiato il successo del portacolori di Movisport.

Scorrendo infatti la classifica provvisoria della serie tricolore su terra, dedicata alle regine del passato, il pilota di Reggio Emilia figura al secondo posto nell’assoluta a due ruote motrici, a due lunghezze da un Corrado Costa che aveva concluso alle sue spalle nel round di apertura. Un boccone amaro parzialmente arginato dal primato nella provvisoria di terzo raggruppamento e nella coppa conduttori di classe 3 GT-GTS 3-4 2000 2RM, quest’ultimo ad oggi in solitaria.

“Nonostante abbiamo fatto il primo assoluto al Tevere – racconta Tonelli – alla prima gara di campionato ci troviamo al secondo posto, in ritardo di due punti dall’amico Costa, premiato dal maggior numero di partenti nel suo raggruppamento. Ringrazio comunque lo staff di Aci Sport perchè, alla mia segnalazione sul sistema di attribuzione di punteggi, si è reso disponibile, apportando già delle varianti. Cercheremo di continuare a spingere, come al Valle del Tevere.”

Nell’intento di proseguire un cammino già tracciato sul finale della scorsa stagione sul sedile di destra della Ford Escort RS 1800 MKII, in occasione del prossimo Rally Storico della Val d’Orcia in programma per il 19 e 20 di Marzo, Roberto Debbi lascerà il posto a Giancarla Guzzi. “Al Val d’Orcia correrò con la Giancarla – aggiunge Tonelli – perchè voglio continuare quel lavoro, di perfezionamento della stesura delle note, che abbiamo iniziato al Brunello nel 2021. L’esperienza di Giancarla non ha bisogno di presentazioni e tutto quello che potrò imparare da lei tornerà utile non solo a me ma anche a Roberto. Abbiamo voglia di crescere tutti e due”.

Sterrati che si sono rivelati congeniali per il reggiano, protagonista lo scorso anno di un più che positivo debutto concluso con il quarto assoluto, il secondo di raggruppamento e di classe. Due le frazioni di gara previste, iniziando da un Sabato che vedrà i concorrenti sfidarsi sulla duplice sequenza della prova speciale di “San Casciano dei Bagni – Fighine” (13,41 km). Cinque i tratti cronometrati in programma alla Domenica, due tornate in fila su “Radicofani” (12,61 km) e “Piancastagnaio” (11,05 km), terminando poi con un terzo giro sulla prima.

“Hanno apportato delle modifiche al percorso rispetto al 2021 – conclude Tonelli – ed hanno anche aggiunto la speciale di Radicofani. Qui ho corso, da navigatore, nel 2013 quindi non so esattamente cosa aspettarmi alla guida. Il Tevere si è corso non molto tempo fa quindi non abbiamo avuto la possibilità di apportare particolari evoluzioni sulla nostra vettura. Cercheremo di difendere la nostra buona posizione in classifica, puntando a non commettere errori banali.”