Un'altra edizione del Rally Terra Sarda al via

In 98 al via di un Rally Terra Sarda dal sapore d’Europa

Paddon, Solans, Somaschini, Ballinari e Scattolon sono tra i nomi più prestigiosi al via della gara gallurese valida per il TER e per la CRZ 9° Zona. Record di iscritti per la gara organizzata dalla Porto Cervo Racing.

È un elenco iscritti ricco di “contenuti”, quello svelato dal Rally Terra Sarda. L’evento, organizzato da Porto Cervo Racing da venerdì 7 a domenica 9 ottobre, è pronto ad “abbracciare” quattordici nazioni e novantasette equipaggi. Numeri record per l’edizione del Decennale, valida come appuntamento conclusivo del TER – Tour European Rally e della Coppa Rally di Zona 9, palcoscenici esclusivi che hanno garantito alla Sardegna un’adesione in linea con le ambiziose aspettative espresse nella fase di avvicinamento al confronto. Ottantotto vetture moderne e nove storiche: vetture che sfideranno il cronometro in una cornice di rara bellezza, dove a spiccare è il contrasto tra i colori del mare e della natura circostante.

Saranno quattordici, le nazioni rappresentate dagli equipaggi in gara chiamate a veicolare le proprie eccellenze all’interno del Villaggio Rally Mirtò di Porto Cervo, “cuore” di un evento che vedrà i riflettori puntati sulle tradizioni di ognuna delle realtà ospitate. Un biglietto da visita che si è confermato allettante, quello consegnato dalla Sardegna al rallismo internazionale, con il Rally Terra Sarda divenuto valida occasione per cementare il legame tra sport e territorio nell’anno in cui si celebrano i cento anni di autonomia del Comune di Arzachena ed i sessanta anni dalla nascita del Consorzio Costa Smeralda.

Novantasette vetture al “via”: a fare gli onori di casa ed a cercare il poker di vittorie, con il numero uno sulle “fiancate” della Hyundai I20 WRC ed una livrea realizzata per omaggiare la Sardegna, sarà Vittorio Musselli, tre volte vincitore della gara. Confermata la presenza di Hayden Paddon, pilota reduce dalla partecipazione al Rally Nuova Zelanda, appuntamento valido per il Mondiale Rally archiviato lo scorso fine settimana con la vittoria del confronto WRC-2 e la conquista della sesta posizione assoluta. Il pilota neozelandese è atteso alla sfida conclusiva del TER – Tour European Rally su Hyundai I20 R5, in un contesto che coinvolgerà anche lo svizzero Ivan Ballinari, atteso su Volkswagen Polo Rally2. Una pedana di partenza, quella del Rally Terra Sarda, che attende altre grandi firme come quella dello spagnolo Nil Solans, pilota che affronterà i settantatre chilometri di gara su Skoda Fabia Rally2,. in vista della partecipazione al RallyRACC WRC.

Una presenza di spessore, quella relativa alla quarta forza del Campionato Europeo Rally, così come quella del pavese Giacomo Scattolon che – al volante di una Skoda Fabia Rally2 – cercherà di imporsi nel confronto di classe al fine di guadagnare l’accesso alla Finale Nazionale Coppa Italia Rally. Disporrà di una Skoda Fabia Rally2 anche il campione in carica Maurizio Diomedi, il più presente nell’albo d’oro della gara con cinque vittorie all’attivo. Una categoria, la Rally2, che vedrà protagonista anche Antonio Rusce (Skoda Fabia), Rachele Somaschini, pilota che disporrà di una Citroën C3 Rally2 ed il corso Pierre Paul Baltolu, all’esordio su Skoda Fabia Rally2. A garantire agonismo sarà anche la categoria Over 55, contesto che vedrà coinvolte le Ford Fiesta Rally2 di Auro Siddi e Francesco Tali, oltre alla Skoda Fabia Rally2 di Roberto Cocco, pilota entrato nella “top ten” dell’edizione 2021 e quelle portate in gara da Sandro Locci e Lorenzo Costi.

Il Rally Terra Sarda sarà occasione di debutto sulla Skoda Fabia Rally2 per l’olandese Henk Bakkenes, secondo classificato nel TER Production Trophy nelle edizioni 2017 e 2018. Tra le vetture a due ruote motrici, occhi puntati sulle vetture di classe Rally4: spiccano nell’elenco la Renault Clio di Paolo Moricci e le Peugeot 208 del messicano Patrice Spitalier – leader del TER Junior – di Fabrizio Martinis, attualmente secondo nella classifica di classe della Coppa Rally di Zona, di Michele Liceri e la Renault Clio R3 di Pier Francesco Verbilli.

Nove, le vetture che si contenderanno il 2° Rally Terra Sarda Storico, con la Porsche Carrera RS di Alessandro Ghezzi ad affrontare, per prima, le prove speciali della Gallura in un confronto di raggruppamento che vedrà al “via” anche la Opel Ascona di Giovanni Pischedda. Promette spettacolo anche la Ford Sierra Cosworth di 4° Raggruppamento portata in gara da Gabriele Rossi, esemplare che si contenderà la categoria con la Opel Kadett dell’argentino Paulo Soria Sanchez e con le due Peugeot 205 affidate al presidente di AC Sassari Giulio Pes di San Vittorio ed al figlio Pietro. Il confronto di 3° Raggruppamento sarà caratterizzato dalla sfida “Ter – Historic” tra il britannico Tim Metcalfe e l’ungherese Attila Mesziati, rispettivamente al volante di una Ford Escort RS ed una Lada 21011. Una cornice di grandi contenuti della quale sarà parte integrante anche Franco Vasino, atteso su Porsche 911 SC.