De Tommaso Damiano-Ascalone Giorgia, Skoda Fabia 2 Evo R5 #2

Rally Targa Florio the day after: dichiarazioni post-gara

Il varesino si concede la prima gioia tricolore in carriera sulle strade della mitica “Cursa”. Secondi al Rally Targa Florio 2022 all’ultimo crono Crugnola-Ometto (Citroen C3 Rally2) a 4.2”, ancora leader tricolore. Terzo posto per Andolfi-Fenoli (Skoda) a 7.7”. Abbiamo raccolto le dichiarazioni post gara dei primi quattro assoluti, le pubblichiamo di seguito rigorosamente in ordine di classifica.

Damiano De Tommaso

Ad alzare la Targa al cielo di Termini Imerese stavolta sono stati Damiano De Tommaso e Giorgia Ascalone su Skoda Fabia Rally2, che strappano così la loro prima vittoria nella massima serie tricolore. La continuità ha fatto la differenza a favore del varesino, veloce sia su asciutto che sul bagnato fino agli 8,55 km dell’ultima prova speciale “Vincenzo Florio”, dove ha resistito agli attacchi di Crugnola e Andolfi e ha fatto suo il rally. La vittoria assoluta coincide con il successo in gara anche nella speciale classifica del CIR Promozione per De Tommaso-Ascalone.

“Ho provato un brivido di tensione nella penultima speciale, quando siamo entrati in velocità in una pozza e la Fabia ha iniziato a planare sull’asfalto. Fortunatamente è rimasta in strada e abbiamo proseguito senza danni” afferma De Tommaso che in quella prova stacca il quinto tempo assoluto e perde 5”8 dal migliore in speciale, ma non la leadership della classifica. Anche l’ultima prova riserva un attimo di tensione per l’equipaggio grigio-rosso che nella pioggia si trova il tergicristallo bloccato per qualche secondo. “Fortunatamente ha messo giudizio ed è tornato a funzionare quasi subito, consentendoci di terminare la speciale e la gara senza altri scossoni” racconta Damiano che conclude: “Sono felicissimo per questo successo ottenuto grazie a una vettura perfetta, un team perfetto e Giorgia che è stata grande dall’inizio alla fine”. Gli fa eco Giorgia Ascalone “Anche se ridotta di chilometraggio è stata una gara molto impegnativa e stressante, con condizioni ambientali difficili, strade scivolosissime e avversari tosti che hanno fatto di tutto per toglierci il primato. Vincere così, però, è ancora più gratificante”.

Andrea Crugnola
Andrea Crugnola

Andrea Crugnola

Secondo assoluto è Andrea Crugnola. “Dopo una bella rimonta concludiamo in P2 la 106ª Targa Florio. “A Cursa” è una gara sempre molto complicata, ma questa volta il meteo ballerino l’ha resa ancora più ostica. Unico come sempre il tifo e il calore di tutti gli appassionati siciliani, grazie per farmi sentire sempre a casa! Ci vediamo ad Alba”.

Andolfi Fabio-Fenoli Manuel, Skoda Fabia 2 Evo R5 #3
Andolfi Fabio-Fenoli Manuel, Skoda Fabia 2 Evo R5 #3

Fabio Andolfi

Prosegue nel migliore dei modi il cammino di Fabio Andolfi e Manuel Fenoli nel Campionato Italiano Assoluto Rally con Primocanale Motori, grazie al Progetto Liguria ideato da Maurizio Rossi e sostenuto da un pool di aziende locali. L’equipaggio sulla R5 Evo Pir Group ha ottenuto un ottimo terzo posto al Rally Tagra Florio, terza prova del campionato e gara che Andolfi si trovava ad affrontare per la prima volta. Un altro podio dopo la vittoria di Sanremo, che conferma le grandi qualità del pilota savonese e che lo conferma tra i pretendenti al titolo italiano.

Due giorni segnati dalla pioggia, che ha reso molto insidiose le prove speciali siciliane e che ha costretto gli organizzatori a cancellare i tre passaggi sul settore più lungo, la Scillato – Polizzi di 14.99 km. Il rally è stato così ridotto notevolmente, con soli 75 km totali che però hanno permesso di attribuire il punteggio pieno ai concorrenti, che potevano anche contare sul coefficiente 1.5 della gara isolana.

Una gara molto tirata, complice anche il chilometraggio ridotto, la 106° Targa Florio, tanto che tra il vincitore De Tommaso (Skoda) ed il secondo classificato Crugnola (Citroen) ci sono solo 4”2, con Andolfi terzo a 7”7. Il pilota di Primocanale Motori ha sempre lottato nelle posizioni di vertice ad armi pari con gli avversari, vincendo anche due prove speciali e confermandosi uno dei migliori interpreti dell’asfalto bagnato, supportato al meglio anche dalle gomme Michelin. Andolfi potrebbe essere stato penalizzato dall’annullamento dei tre passaggi sulla prova più lunga, dato che a Sanremo il ligure ha fatto la differenza proprio sulle distanze maggiori, forte di una grande esperienza in campo internazionale ed in gare dal chilometraggio maggiore.

Ecco le parole di Fabio Andolfi al termine della due giorni siciliana: “Sono molto soddisfatto per la mia prima partecipazione al Targa Florio. La gara è stata molto complicata per l’incognita continua del meteo. Siamo contenti del risultato, abbiamo cercato di prendere il passo giusto dall’inizio e mantenerlo migliorando prova dopo prova. Siamo soddisfatti per il campionato, ringrazio il mio navigatore Manuel Fenoli, chi mi supporta e Michelin per le ottime gomme. Ora pensiamo già alla prossima gara ad Alba”.

Il Progetto Liguria, ideato da Maurizio Rossi e sostenuto dall’Automobile Club di Genova, è reso possibile dal supporto di Pir Group con Primocanale Motori e dai partner tecnici Omp, Bell, Zeronoise con il fondamentale contributo di Michelin per quanto riguarda la fornitura delle gomme.

Giandomenico Basso
Giandomenico Basso

Giandomenico Basso

Si conclude con un quarto posto assoluto il 106° Targa Florio per l’equipaggio di Hyundai Rally Team Italia. Giandomenico Basso e Lorenzo Granai hanno lottato per la vittoria per buona parte del rally, poi la variabile della pioggia a tratti sul percorso, ha rimescolato le carte e la coppia campione in carica non è riuscita a mantenere la posizione acquisita nella prima giornata.

“Concludiamo questo rally con un po’ di amaro in bocca»racconta Basso. «Siamo partiti decisi per conquistare punti preziosi e recuperare posizioni in classifica dopo il passo falso a Sanremo. Nella prima parte ci siamo difesi al meglio, abbiamo fatto segnare due secondi tempi, chiudendo la prima giornata al terzo posto a soli 5 decimi dal secondo. Poi nella seconda tappa abbiamo affrontato le condizioni mutevoli del percorso sotto una pioggia a tratti con delle scelte di gomme e di assetto che non si sono rilevate sempre azzeccate. Inoltre l’annullamento dei tre passaggi sulla lunga prova speciale di Scillato, dove sono sempre riuscito a fare dei buoni tempi in passato, non mi ha permesso di cercare la rimonta. Peccato perché sono convinto assieme al team di avere una vettura che è pronta a darci grandi soddisfazioni e dei pneumatici Pirelli competitivi. Dunque aspetto quanto prima di poterlo dimostrare e dare le meritate soddisfazioni alla squadra”.

Un quarto tempo nella power stage televisiva di apertura, due secondi tempi nella prima tappa condizionata dalla pioggia e dalla nebbia, Basso-Granai sono andati al riposo serale di venerdì al terzo posto con un ritardo di 7”7 dalla testa. Sabato gli organizzatori hanno dovuto cancellare tre prove speciali a causa di una frana caduta sul percorso e la gara ha perso 45 km di tratti cronometrati. Nelle restanti prove l’equipaggio al volante della Hyundai i20 N Rally2 ha lottato per il secondo posto assoluto e dopo sette prove era a 1” dal secondo gradino del podio. Poi nella roulette delle gomme e delle relative regolazioni dell’assetto tra asfalto asciutto e bagnato, non ancora incontrato con la nuova vettura, Basso ha perso qualche secondo prezioso e a questo punto l’equipaggio di Hyundai Rally Team Italia non ha potuto far altro che difendere il quarto posto per conquistare punti importanti in un rally importante visto il coefficiente 1,5.

Adesso il Campionato Italiano si prende circa un mese abbondante di pausa. Il quarto appuntamento, giro di boa della serie composta da sette round, sarà ad Alba (Cn) il 24/25 giugno. Una gara nuova presente per la prima volta nel CIAR e dunque tutta da scoprire per i protagonisti della serie.