Sebastien Ogier al RIS 2019

Rally restart: ecco il protocollo per il ritorno

L’inizio della Fase 2 è diventato il momento decisivo per le prospettive di ritorno all’attività agonistica. La Giunta Sportiva del 28 aprile, fra l’altro, è sancito un eloquente accordo fra ACI e FMI – la federazione motociclistica – per presentare assieme il protocollo tecnico-scientifico-medico-sportivo da proporre agli organi di governo per aprire la strada all’agognato ritorno alle gare.

Nel suo ambito ci sono i principi generali di discipline sportive non di contatto ma che hanno comunque implicazioni importanti in fatto di distanziamento sociale, in particolar modo i rally. Abbiamo cercato di riassumere per argomento i principi del protocollo.

ABBIGLIAMENTO

Gli equipaggi in gara dovranno utilizzare il loro abituale abbigliamento di sicurezza e se il pilota o copilota impiega un tasto integrale potrà, indossando convenientemente il sottocasco, evitare l’uso della mascherina.

Per gli ufficiali di gara, invece, oltre a mascherina e guanti e previsto l’impiego anche di visiera protettiva – fornita come tutti i presidi individuali dalla federazione o dall’organizzazione. Il personale delle squadre dovrà indossare le protezioni individuali.

PUNTI DI POSSIBILE ASSEMBRAMENTO

In sintonia con il concetto di “gara a porte chiuse”, grosse modifiche per partenza, arrivo, parco assistenza, verifiche, prove speciali. E si cercherà di ridurre il numero di persone sin qui coinvolte attraverso il ricorso all’informatica (ma dovranno essercene di nuove per i controlli).

Il Parco Assistenza sarà accessibile solo agli addetti ai lavori, previa presentazione di documento d’identità, autocertificazione (per il momento almeno si è rinunciato al test sierologico preventivo data la scarsità di kit) e misurazione della temperatura. Inoltre l’area dovrà essere recintata in modo da non essere visibile dall’esterno, evitando così gli assembramenti, con dotazioni che verranno messe a disposizione degli organizzatori da ACI Sport che già ne dispone.

Scarica la nostra app o accedi da PC, registrati gratuitamente e abbonati. Il tuo sostegno ci aiuta a migliorare giorno dopo giorno il servizio che offriamo a te a tutti i nostri amici lettori.

Cosa sapere sull’abbonamento a RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite, ma dall’app non si può pagare
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui) ci si potrà abbonare pagando da PC
  • Disponibile abbonamento singolo digitale o cartaceo
  • Oppure ci si può abbonare all’online e al carataceo con una super offerta

Opzioni di acquisto

  • Singola copia di RS – 2 euro
  • Abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) con accesso all’archivio storico – 25 euro
  • Abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) – 60 euro

Si può scegliere di leggere il giornale sul PC o sullo smartphone e sul tablet o se farsi leggere gli articoli dall’assistente digitale, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS e oltre gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento