ERC Basso espugna il Rally Roma Capitale, classifica sub judice

Rally di Roma rende operativa la piattaforma di registrazione

Online a partire da martedì 26 maggio 2020, la nuova piattaforma web di registrazione per il pubblico e gli addetti ai lavori che il Rally di Roma Capitale e Motorsport Italia, in collaborazione con Aci Sport, hanno elaborato per l’edizione 2020 del rally capitolino. La piattaforma di registrazione del Rally di Roma è un sistema informatizzato attraverso il quale piloti, team, operatori di servizio, commissari, media e spettatori dovranno registrarsi per ottenere il proprio pass gratuito che consentirà di assistere alla gara o di lavorare per la manifestazione.

Sui social e sul sito del Rally di Roma Capitale è online da oggi un breve video tutorial realizzato per illustrare il funzionamento della piattaforma di registrazione del Rally di Roma, che da domani sarà accessibile sia dal sito web Rallydiromacapitale.it che dalla app ufficiale disponibile negli store Android e iOS. Si chiede la massima collaborazione a tutti gli appassionati per evitare che una festa possa avere risvolti economicamente onerosi, visto che è probabile che nelle aree non consentite possano verificarsi dei controlli.

La piattaforma di registrazione per il pubblico e gli addetti ai lavori al Rally di Roma, del tutto simile ad un sito web, è stata suddivisa in due macro sezioni. Gli spettatori potranno accedere all’area dedicata, mentre il personale tecnico dovrà selezionare il proprio pass di riferimento tra le categorie disponibili: Aci Sport, carri attrezzi, cronometristi, commissari di percorso, commissari tecnici, decarcerazione, Eurosport, gommisti, organizzazione, media, membri FIA, operatori sanitari, operatori sanitari Covid-19, radio/GPS e team.

Ogni sezione della piattaforma di registrazione al Rally di Roma, sia spettatori che personale tecnico, richiederà l’inserimento dei dati di contatto e al termine della procedura invierà un’e-mail con il codice pass che consentirà l’accesso alle zone di lavoro, per il personale tecnico, o alle zone delle prove speciali per gli spettatori e i media.

Il pubblico, la cui procedura di richiesta dei pass spettatori sarà attivata non appena consentito delle norme sull’emergenza Covid-19, dovrà selezionare per ciascuna prova speciale una sola zona dove si vorrà seguire la gara. Al termine della selezione, seguendo la procedura guidata, si otterranno i codici pass personali per la zona selezionata, che saranno inviati via e-mail.

I codici saranno accompagnati da un’autocertificazione riguardante lo stato di salute. Entrambi i documenti andranno stampati, compilati e portati con sé il giorno della gara per essere verificati dagli operatori sanitari Covid-19. Una volta in loco, lo staff sanitario registrerà l’accesso delle persone per ogni zona, già predisposta per accogliere fino ad un numero massimo di appassionati.

Le aree per ottenere i pass degli operatori di servizio saranno protette da password che verranno fornite dagli organizzatori a ciascun interessato. Il funzionamento sarà lo stesso dell’area spettatori, con l’unica eccezione che non andranno selezionate le zone, dato che i codici pass comprenderanno già l’accesso alle zone operative selezionate.

Al termine della procedura guidata, i codici saranno inviati ciascuno con una mail differente e andranno stampati assieme all’autodichiarazione sullo stato di salute per essere ammessi, previa controllo triage, nelle singole aree di lavoro.
La procedura per i media prevedrà anche un ulteriore step.

Nella mail di conferma contenente il codice pass sarà inviato anche il modulo di accredito stampa da compilare e inviare firmato all’Ufficio Stampa, che a quel punto confermerà l’accettazione dell’accredito. La procedura di richiesta dei pass spettatori sarà attivata non appena consentito delle norme sull’emergenza Covid-19