Rally del Lazio: Signor-Bernardi in testa alla Finale CRZ

Tre prove, bagnate, affrontate sui tratti “Infiniti-Terelle” e “Pico Show” nella finalissima ACI Sport proiettano il trevigiano in testa, in attesa dei verdetti sulle quattro prove del sabato. Secondo posto per Bergantino-Di Vincenzo a 6.4’’ su Skoda, terzi Bravi-Bertoldi su Hyundai i20 a 8.0’’.

Dopo la prima giornata della Finale Nazionale Coppa Italia Rally ACI Sport al Rally del Lazio sono Marco Signor e Corrado Bonato su Skoda Fabia Rally2 a chiudere in testa alla classifica. Avvio in grande stile per il driver trevigiano, arrivato da vincitore della 4^ Zona, il più costante nel rendimento sulle tre prove affrontate sotto una pioggia incessante, l’ultima di queste in notturna. Il doppio giro sulla “Infiniti-Terelle”, la più lunga del rally con i suoi 14,65 km, intervallato dalla breve ma intensa cittadina “Pico Show” di 2,85 km, hanno offerto un primo bilancio di classifica a favore del pilota proveniente dal Campionato Italiano Rally Asfalto, autore del miglior tempo sulla prova più corta.

Proprio il passaggio interno alla cittadina della provincia di Frosinone è stato interrotto a causa di un a causa un’uscita di strada dell’equipaggio composto da Fabio Pinelli e Francesco Magrini. La Skoda Fabia Rally2 n° 12 di Pinelli ha impattato fortunatamente contro le barriere di contenimento, che hanno retto l’urto. A seguito dell’incidente si è reso necessario l’intervento del personale medico per soccorrere il navigatore Francesco Magrini e un commissario di percorso, coinvolto a sua volta nell’incidente. Entrambi sono stati trasferiti in ospedale per accertamenti, ma non sono stati rilevati infortuni gravi ed entrambi sono rimasti sempre vigili. La gara è proseguita con le vetture successive alla n°12 attraverso un percorso alternativo, prima di affrontare l’ultima porzione del rally.

In attesa delle altre quattro decisive speciali da affrontare al sabato, Signor è rientrato a Cassino, località ospite dell’evento organizzato da M33, con un vantaggio di 6.4’’ sul primo inseguitore Giuseppe Bergantino, affiancato da Mirko Di Vincenzo su altra Skoda. Straordinaria anche la prestazione del pilota di Manfredonia, soprattutto sulle due prove lunghe, che per la prima volta in carriera si è dovuto confrontare con condizioni di bagnato estremo come quelle trovate sulle strade del frusinate. Il terzo posto provvisorio ha proposto quindi il friulano Filippo Bravi, insieme a Enrico Bertoldi su Hyundai i20 Rally2, distanti 8.0’’ dal vertice dopo aver firmato lo scratch sulla prova iniziale.

Al quarto posto, a 11.8’’ di margine dal vertice c’è Elwis Chentre, detentore del titolo di Coppa, su Skoda insieme a Fabio Grimaldi. Anche stavolta il pilota aostano è partito cauto e ha evitato forzature nelle condizioni difficili delle prove attorno a Cassino, ma resta tra i più quotati per la lotta al vertice. Segue Giuseppe Testa con Gino Abatecola a 16.9’’, sempre sulla Rally2 ceca, trasparente ai fini della classifica della Finale ma in corsa per il successo al Rally del Lazio. Il molisano dopo una partenza complicata ha realizzato un tempo esagerato nella PS3 a fari accesi nonostante una foratura alla posteriore sinistra in un’inversione nel castagneto di Terelle, a 3km dallo stop della speciale. Poco distante il palermitano Marco Pollara con Daniele Mangiarotti su Skoda, a 18.2’’ dal migliore, anche loro dopo aver adottato un approccio accorto in condizioni bagnate che non vedevano dalla scorsa stagione.

Un solco di 10’’ separa il secondo gruppo dei migliori dieci equipaggi assoluti, tutti su Skoda, con il parmense Roberto Vescovi con Giancarla Guzzi a 28.7’’ seguito dal pilota di casa, di Pontecorvo, Carmine Tribuzio con Fabiano Cipriani a 36.9’’, quindi il reggiano Antonio Rusce con Sauro Farnocchia a 42.9’’. Completano la top ten con lo stesso tempo complessivo il bergamasco Enrico Oldrati con Elia De Guio, che ha pagato la poca confidenza con l’asfalto dopo anni trascorsi sullo sterrato, e il garfagnino Federico Santini con Marco Barsotti, entrambi a 47.2’’ dal primo posto.