Pietre nelle PS dei rally: ecco l'incidente di Venanzio Aiezza

Pietre nelle PS dei rally: ecco l’incidente di Venanzio Aiezza a Pico

Il copilota lo dice subito, perché sa bene che la “questione pietre” nelle PS dei rally può fare nascere polemiche oltre le righe. Non vuole creare un dibattito, ma semplicemente sensibilizzare sul delicato argomento: la pericolosità delle pietre sui percorsi dei rally. Questa volta è toccato a loro. Venanzio Aiezza, che navigava Massimiliano Laudati, ci ha rimesso solo soldi, ma per fortuna è uscito illeso dalla vettura con il suo pilota.

A gara finita, resta la paura per un incidente causato e non da un errore del pilota o del copilota. L’amarezza di non aver potuto disputare tutta la gara di casa, che aspettavano da mesi. Il tutto per delle pietre centrate in PS, che hanno causato il loro incidente. Non si sono fatti male, vero, ma potevano lasciarci la pelle o farsi molto male.

“E’ accaduto a nella PS di Pico”, scrive sul suo profilo social il copilota di Laudati. E pubblica anche un video e alcuni fermi immagine. “Non voglio dare inizio a sterili polemiche, ma solo redarguire chi in modo molto leggero tende a sminuire la gravità della cosa. Io e il mio pilota ringraziamo Dio per come è andata”.

Pietre nelle PS dei rally: ecco l'incidente di Venanzio Aiezza
Pietre nelle PS dei rally: ecco l’incidente di Venanzio Aiezza

“Inutile rimbalzare le accuse, tanto sappiamo benissimo di chi sono le responsabilità. Noi facciamo le gare per divertirci, e questo divertimento ci costa tempo, soldi sacrifici e altro, non andiamo certo per ammazzarci. A quei bastardi che hanno causato tutto questo, chiedo: vi siete divertiti?” E poi, sfogandosi, chiude con un: “Infami”.