Per la Fia, in futuro la vettura più potente sarà la R2

Per la Fia in futuro la vettura più potente sarà la RC2

Nei giorni scorsi la Fia, Federazione Internazionale dell’Automobile, ha reso note le nuove sigle che contraddistingueranno dal 1 gennaio 2020 le vetture da rally prodotte e omologate in Gruppo R. Probabilmente, quel giorno qualcuno (o forse più di uno) non aveva molto da fare e così ha partorito l’idea geniale. L’idea del secolo. Basta R1, R2, R3, R4 ed R5 in quest’ordine. Facciamo vedere alla gente quanto siamo gattopardeschi, deve aver pensato questo genio o questa congrega di aspiranti maghi.

E quindi che si fa? Si decide di passare dall’ordine decrescente, che esprimeva nelle vetture di classe R5 le auto più potenti e nelle R1 quelle meno performanti, passando gradualmente attraverso la R4, la R3 e la R2, all’ordine crescente. Non è un pesce d’aprile. Le attuali vetture R1 confluiranno nella futura RC5, mentre le R2 nella RC4 (insieme alle Gruppo A fino a 1600 cc).

Ma ovviamente si inizierà dalla RC2 che sarà la attuale R5 comprensiva delle R4 Kit Car (ma anche delle R4, Super 2000 ed NR4), mentre la R3 resta più o meno come ora, diventando RC3 (R3 e Gruppo A da 1600 a 2000 cc). L’unica nota positiva di questa simpatica trovata è che le R4 Kit car, diventeranno R2 Kit car e potranno essere ammesse in tutte le gare senza alcun escamotage e sotterfugio. Non verrà modificata la classe RGT.

Le nuove classi del Fia Gruppo R