Ogier ”graffia” subito al Safari

Si è aperta con la prova spettacolo di Kasarani (Km 4.84) il Safari Kenya Rally, gara valida come sesto round del Campionato del Mondo Rally. Sui quasi 5 chilometri di speciale, disegnati a nord di Nairobi il più veloce è stato Sébastien Ogier, al volante della Toyota Yaris Rally1.

Il pilota francese, già vincitore di questa prova show lo scorso anno, ferma i cronometri sul 3’18”8 (media di 87,6 km/h) precedendo di sei decimi il belga Thierry Neuville e di 1”1 l’estone Ott Tanak. Un’avvio in modalità full-attack quello del campione del mondo in carica, reduce da una buona prestazione al suo debutto alla 24ore di Le Mans di quindici giorni fa. “Il pubblico e gli appassionati ci stanno dando un supporto eccezionale, è fantastico correre qua. Ci attende una grande sfida, il Safari non è il genere di rally che di solito amo, sarà una sfida molto difficile, sopravvivere sarà fondamentale”.

Alle spalle del francese, troviamo il duo di Hyundai Motorsport formato da Thierry Neuville e da Ott Tanak. Entrambi mettono l’accento nelle loro dichiarazioni sulle difficoltà che riserverà la gara e soprattutto sulla sua imprevedibilità. Ai piedi del podio provvisorio troviamo Elfyn Evans, il gallese è chiamato sulle difficili strade keniote al riscatto dopo un avvio di stagione caratterizzato da pochi acuti e da tante delusi.

Quinto tempo per Sébastien Loeb, il francese al suo ritorno in Kenya dopo un’assenza di vent’anni paga 1”8 dal leader Ogier, alle sue spalle in sesta posizione Takamoto Katsuta seguito dal duo M-Sport formato da Craig Breen e Gus Greensmith. La top 10 è completata da Oliver Solberg che firma il nono tempo al suo ritorno al volante della i20 Rally1 e da Adrien Fourmaux.

Brividi per il leader della classifica Kalle Rovanpera, il finlandese rischia di mettere sul tetto la sua Yaris alla prima curva della super-speciale, fortunatamente per lui la vettura riatterra sulle quattro ruote rimanendo in strada. Alla fine se la cava con una foratura e qualche danno alla carrozzeria, unito a un ritardo di 11” dal leader e compagno di squadra Ogier. “Ero un pò al limite in frenata – dichiara Kalle – Per fortuna non è successo niente, tolta una foratura, ma comunque è un vero peccato. Il rally è ancora molto lungo, speriamo di non aver perso troppo tempo. Ora dobbiamo concentrarci sul proseguo della gara”.