Non solo Loeb e Ogier al Safari, c’è pure la Pons

Mentre in Sardegna il clima si fa rovente (non solo sotto il punto sportivo) in vista del quinto appuntamento del WRC, gli organizzatori del Safari Kenya Rally hanno ufficializzato l’elenco iscritti della gara keniota in programma dal 23 al 26 giugno.

Saranno dodici le vetture Rally1, un numero record che va ad eguagliare il Portogallo. Rispetto al Sardegna, le maggiori novità riguarderanno i ritorni di Sébastien Loeb (Ford Puma Rally1), che torna al Safari a distanza di vent’anni, e del vincitore dell’edizione 2021 Sébastien Ogier, che su Toyota Yaris Rally1 prenderà il posto di Esapekka Lappi. Al via ci sarà anche Jourdan Serderidis, il pilota belga-greco porterà in gara una Ford Puma rally1. Per il resto line-up invariate con Hyundai Motorsport che schiererà tre vetture affidandole a Thierry Neuville, Ott Tanak e al rientrante Oliver Solberg.

Numeri molto ridotti nel WRC2, con soli dieci iscritti alla support series. I favori del pronostico sono tutti per il polacco Kajto (Skoda Fabia Rally2) che avrà come avversari più temibili il ceco Martin Prokop (Ford Fiesta Rally2), l’americano Sean Jonhston (Citroen C3 Rally2) e il locale Amanraaj Rai. Tra gli iscritti anche il nostro Piero Canobbio, profondo conoscitore delle gara africane navigato dalla nostra Fabrizia Pons, che torna sulle strade del WRC dopo un’assenza di ventiquattro anni.

Numeri bassi pure nel WRC3 con cinque iscritti. Gli occhi di tutti saranno puntati sulla stellina locale McRae Kimathi che ben si sta comportando nello Junior, dove tra gli iscritti c’è anche il giovane paraguaiano Diego Dominguez. Tra i privati al via ci sarà anche un altro italiano, Giancarlo Davite, che porterà in gara una Mitsubishi Lancer EVO X navigato dalla belga Slyvia Vindevogel.