,

Leopoldo Maestrini sceglie la Yaris Rally2 per il Taro

Dopo la sfortunata partecipazione al Rallye Elba, il gentleman driver toscano ha scelto l’arma giapponese di Step Five Motorsport

DOPO LA SFORTUNATA PARTCIPAZIONE AL RALLYE ELBA, IL GENTLEMAN DRIVER TOSCANO HA SCELTO L’ARMA GIAPPONESE DI STEP FIVE MOTORSPORT

Leopoldo Maestrini e Gioia Boddi della Maremma Corse stanno attraversando un momento entusiasmante nella loro partecipazione all’International Rally Cup. Continuando con impegno e determinazione, si sono iscritti al Rally Internazionale del Taro, che si svolgerà dal 24 al 26 maggio a Bedonia. Saranno al volante della potente Toyota GR Yaris Rally2 di Step Five Motorsport, distinguendosi come il primo equipaggio a prendere parte a una competizione dell’IRC con questa vettura giapponese.

Dopo l’esperienza positiva al Rallye Elba, Maestrini e Boddi hanno scelto di proseguire la loro avventura nell’IRC con la Toyota GR Yaris Rally2 di Step Five Motorsport. Le parole di Maestrini riflettono chiaramente la sua eccitazione per questa nuova tappa e la sua volontà di esplorare appieno il potenziale di questa vettura giapponese di successo.

L’azione al Rally Internazionale del Taro inizierà con il brivido dello Shakedown ad Albareto sabato 25 maggio, seguito nel pomeriggio dalla cerimonia di Partenza alle ore 17:30 a Bedonia. Gli equipaggi si cimenteranno in 7 impegnative prove speciali, per un totale di 97,81 chilometri cronometrati. La sfida culminerà a Bedonia nella giornata di domenica 26 maggio con il podio d’arrivo e le cerimonie di premiazione, promettendo un’emozionante fine settimana piena di adrenalina e spettacolo per Maestrini e Boddi. Un appuntamento imperdibile per gli amanti del rally e appassionati di motori.

”Dopo il Rallye Elba, di comune accordo con i nostri partner, abbiamo deciso di proseguire il nostro impegno nell’IRC sulla Toyota Gr Yaris Rally2 di Step Five Motorsport” afferma Maestrini “Sono entusiasta di iniziare questa nuova avventura e di scoprire il potenziale della vettura giapponese.”