Lefebvre e Cerny al comando tra WRC2 e WRC3

Stéphane Lefebvre chiude al comando la seconda giornata di gara nel rinnovato WRC2 Open. Il pilota transalpino al volante della Citroen C3 rally2 ha preso il comando della gara sull’ultima prova disputata a Entrevaux, grazie ad un super scratch che gli ha permesso di sopravanzare Andreas Mikkelsen di 1’’1. L’ex pilota Citroen Racing al termine dell’ultima speciale ha dichiarato: “Adoro correre in condizioni così difficili come quelle odierne e il mio terreno di caccia ideale. Ho preso alcuni rischi sull’ultima prova di giornata, ma questo rischio ci ha ripagato”.

Seconda piazza per un deluso Andreas Mikkelsen (Skoda Fabia rally2 – Toksport), che si aspettava più ghiaccio sull’ultimo crono di giornata: “Sostanzialmente è stata una giornata positiva, tolta l’ultima speciale. I miei ricognitori mi avevano segnalato la presenza di molto ghiaccio sulla prova, questo mi ha spinto a guidare e frenare in maniera molto prudente, peccato che ghiaccio sulla prova non ne abbiamo trovato”. Il podio è completato dal francese Yohan Rossel (Citroen C3 rally2), attardato di 19’’1 dal battistrada. Il campione in carica del WRC3 dopo un avvio difficile è piano piano cresciuto, andando a firmare due scratch. Il pilota PH Sport si è detto molto ottimista per la giornata di domani: “Siamo ancora in lotta per la vittoria, possiamo farcela”.

La top five è completata da Marquito Bulacia (Skoda Fabia Rally2 – Toksport) e da Erik Cais (Ford Fiesta Rally2 – YACCO ACCR Team). Il boliviano e il ceco, grazie a questo piazzamento sono rispettivamente primo e secondo del nuovo WRC2 Junior. Sesta posizione e terza di WRC2 Junior per il lussemburghese Grégoire Munster (Hyundai i20 Rally2 – BMA), seguito in settima dall’americano Sean Johnston (Citroen C3 rally2). In forte rimonta Nikolay Gryazin (Skoda Fabia Rally2 – Toksport), il driver russo dopo i problemi patiti nella nottata di ieri ai freni, quest’oggi ha messo in scena una rimonta che l’hanno portato dal quattordicesimo posto di WRC2 all’ottavo posto.

Straordinaria fin qui la gara di Mauro Miele e Luca Beltrame (Skoda Fabia rally2 – DreamOne), i nostri portacolori occupano la nona posizione assoluta nel WRC2 e la prima nel WRC2 Masters, facendo segnare per tutta la giornata tempi di assoluto rilievo. Chiude la top ten, Chris Ingram (Skoda Fabia Rally2 – Toksport). Anche il britannico, così come accaduto a Gryazin, nella giornata di ieri è stato vittima di seri problemi alla sua vettura e quest’oggi ha messo in scena una furiosa rimonta che l’ha portato dal diciassettesimo posto di WRC2 alla zona punti.

In difficoltà Freddy Loix (Skoda Fabia Rally2), quattordicesimo assoluto e vittima di una foratura, mentre gli altri due portacolori italiani occupano la 17° posizione di WRC2 (6° di WRC2 Masters) per Fabrizio Arengi e Massimiliano Bosi (Skoda Fabia rally2) e la diciannovesima (8° di WRC2 Masters) per Carlo Covi e Michela Lorigiola (Skoda Fabia Rally2).

Nel WRC3, al comando troviamo il driver ceco Jan Černy. Il ceco ha preso il comando delle redini fin dai primissimi chilometri di gara e comanda con un vantaggio di 26’’ sul finlandese Sami Pajari. Alle spalle dei due c’è il vuoto, con il nostro Enrico Brazzoli alla sua prima uscita con la nuova arma di casa Ford in terza posizione staccato di oltre dieci minuti dal ceco. Quarta posizione per l’ungherese Zoltan Laszko.