Sébastien Ogier, Toyota Gazoo Racing

Le opinioni di Wilson, Neuville e Tanak su Ogier part-time

Il 2022 porterà tante novità nel WRC: le più importanti sono sicuramente l’avvento dell’ibrido e il Sébastien Ogier che con molta probabilità sarà presente a mezzo (se non meno) servizio. Il programma part-time di Ogier aprirà le porte a un Campionato che si annuncia estremamente combattuto. Basti pensare che negli ultimi 16 anni, il WRC è sfuggito solo una volta alla Francia quando Ott Tänak nella stagione 2019 ha vinto il titolo con Toyota.

Su questo argomento, intervistati da DirtFish, sono intervenuti nell’ordine Malcolm Wilson (M-Sport), il belga e rivale di una vita Thierry Neuville e l’estone Ott Tanak con cui Ogier ha condiviso una stagione in M-Sport. Con M-Sport il francese ha conquistato due titoli mondiali nel 2017 e nel 2018: “Non c’è dubbio che l’addio seppure parziale di Séb possa accendere ulteriormente il campionato – spiega Wilson –. Tutti conoscono i miei sentimenti per Séb, il suo modo di lavorare e preparare le gare è magistrale, stessa cosa posso dirla anche per Julien Ingrassia. Il loro approccio alle gare è fantastico. Ma ora abbiamo Elfyn che è pronto a vincere, stessa cosa Thierry. Pure Ott se si riprenderà dopo due stagioni difficili. E’ attenzione allo stesso Ogier, sono certo che darà molto fastidio nelle gare spot che disputerà”.

Sull’argomento è intervenuto anche Thierry Neuville, che spesso e volentieri ha dato vita a duelli mozzafiato con Ogier. Il belga va controcorrente e si dichiara dispiaciuto del possibile addio del sette volte campione del Mondo: “Spero che Séb continui. Abbiamo bisogno di lui nel Mondiale. E’ un pilota molto difficile da battere, ma quando riesci a vincere contro di lui, sei felicissimo. Non credo che il ritiro di Ogier possa rendere il Mondiale più interessante, anzi per rendere la serie interessante bisogna che i piloti migliori restino nel Mondiale”.

Più secca la risposta di Ott Tanak, evidentemente poco interessato all’argomento Ogier. “Onestamente, non me né frega un cazzo di quello che farà”.

Dal 5 settembre in edicola: attualità, storia, storie, passione

Copertina RS RallySlalom Settembre 2021