La speranza di Hyundai in Estonia: ripartire

Ripartire, questo è il diktat che si è data Hyundai Motorsport in vista del Rally di Estonia. Il team coreano sulle veloci strade della Repubblica baltica è chiamato alla ripartenza dopo un Safari disastroso.

La gara estone, alla sua terza apparizione di fila nel Mondiale WRC, si annuncia molto insidiosa per via della conformazione delle sue speciali da sempre molto veloci e ricche di salti, con un fondo che tende a scavarsi e questo potrebbe mettere ulteriore pepe nel secondo passaggio delle prove. In casa Hyundai comunque c’è ottimismo e allo stesso c’è la consapevolezza che la gara baltica è una sorta di ultima spiaggia, se si vuole ancora puntare al titolo Costruttori: “La Hyundai i20 Rally1, in questa prima metà di stagione ha dimostrato di essere molto veloce, quindi ci aspettiamo che questo dato sia confermato anche in Estonia – commenta Julien Moncet – Il nostro obbiettivo è sempre lo stesso, vincere o lottare per portare a casa il maggior numero di punti possibile in ottica Campionato”.

Sulle strade di casa Ott Tanak spera di ripetere quanto fatto nel 2020, quando al volante della i20 WRC colse una splendida vittoria: “Correre sulle strade di casa in mezzo ai nostri tifosi è fantastico. Questo fattore però non mi mette pressione. Il mio obiettivo è quello di cogliere il miglior risultato possibile. Faremmo del nostro meglio per chiudere nelle posizioni che contano”.

Tanta attesa anche per Oliver Solberg, che in passato al volante di vetture RC2 ha colto risultato importantissimi da queste latitudini: “Il Rally Estonia è l’evento che aspettavo da inizio stagione, su queste strade ho percorso tantissimi chilometri e mi sento come se fossi a casa. Mi sento molto a mio agio, spero di poter lottare per il podio”.

Thierry Neuville, in cerca di riscatto dopo le due ultime sfortunate prestazioni in Sardegna e Kenya: “La prima volta qui nel 2020 è stata un po’ complicata, poi una volta che conosci queste strade la gara inizia a piacerti sempre di più. Questo perché le medie sono molto elevate, quindi conoscere bene le strade può esserti di grande aiuto”.