La Sardegna e il Popolo dei Rally ricorda Nicolò Imperio

Scrivere un pezzo, un articolo, quattro semplici righe su Nicolò Imperio, per tutti Nicola, è difficile e sempre lo sarà. Con Nicola c’era, anzi c’è, parliamo al presente perché per tutto il popolo del rally lui c’è ancora, un rapporto di amicizia. Se tanti sono dentro a questo strano e, a volte, ingrato mondo è anche e soprattutto grazie a Lui.

Quello appena trascorso è stato il primo RIS senza la presenza fisica di Nicola sulle prove, ma il suo ricordo era presente ovunque, dalle prove dove tanti appassionati e amici hanno voluto ricordarlo con striscioni alle auto da gara e di servizio del rally con gli adesivi.

Quello che ci ha colpiti di più è stata l’emozione. L’emozione, che in alcuni ha preso forma nelle lacrime che sgorgavano direttamente dal cuore dei suoi veri amici, quelle persone cresciute grazie ai suoi preziosi consigli e suggerimenti, quegli sportivi che indossavano tuta e casco, ragazzi e ragazze in molti casi usciti dai suoi tanti corsi per piloti e navigatori, oppure commissari, capi-prova, organizzatori e addetti ai lavori che per giorni e giorni hanno riposato poco o nulla per far sì che la gara scorresse tranquilla, senza alcun intoppo, insieme al Popolo del Rally, quell’altra gente a cui Nicola voleva un gran bene. Tutti hanno voluto ricordare la sua figura.

Il RIS, la Sardegna e il mondo dei rally devono tanto alla figura di Nicola, fu lui assieme a Fabio Bresci a scovare le magnifiche strade del comparto del Monte Lerno nel 2003, strade che nel corso degli anni sono entrate nel cuore di piloti e appassionati, ultimo regalo agli appassionati è stata la nuova power stage tra Aglientu e Santa Teresa di Gallura, portata poi a compimento grazie al lavoro sinergico tra Aci Sport, enti locali-regionali e appassionati.

Siamo sicuri che Nicola da lassù sorrideva nel vedere i bolidi del WRC, percorrere nuovamente le strade della sua Gallura e nel vedere il suo amico fraterno, Gianbattista Conti, navigato da uno dei suoi “allievi” Marco Demontis, vincere il “Mondialeddu” ovvero il titolo di miglior equipaggio sardo.

RS e oltre di giugno 2021: la rivista che parla anche di te

Copertina RS e oltre giugno 2021