Chiodi di Montalcino: per favore silenzio

La Corte Sportiva d’Appello omologa il Tuscan: Citroen e Basso campioni

La Corte Sportiva d’Appello si è riunita il 9 ottobre 2020 per discutere l’appello interposto da Orange1 all’annosa vicenda del Tuscan Rewind e dei chiodi sul finire del 2019. Orange aveva presentato ricorso avverso la classifica e il titolo Costruttori era rimasto in ballo tra Citroen e Ford. Ed era rimasto al palo anche il titolo Piloti di Giandomenico Basso, per via della mancata omologazione della gara, sul quale però non c’erano dubbi considerata la prestazione maiuscola del pilota veneto nella scorsa stagione.

Il dispositivo di sentenza emesso, il 6/20 per la precisione, rigetta la richiesta di Orange1 Eletric Motors e omologa la competizione valida per il CIR 2019. Di conseguenza, assegna il titolo Costruttori ala filiale italiana del Costruttore francese, che intanto non partecipa ufficialmente alla serie 2020, e conferma la bella prestazione di Giandomenico Basso e il titolo vinto con Lorenzo Granai e con Loran, spazzando via anche eventuali ombre e illazioni.

Il dispositivo di sentenza della Corte d’Appello emesso manca ovviamente della parte della sentenza, cioè della parte in cui si esprimono le motivazioni che hanno indotto a decidere in questa direzione. I giudici federali hanno, infatti, dieci giorni a partire da oggi per renderle pubbliche. Sarà sicuramente interessante leggerle per meglio comprendere.