Kalle Rovanpera campione

Kalle Rovanpera campione del mondo rally: il più giovane di sempre

Il prodigio finlandese Kalle Rovanperä ha cancellato i libri dei record del Campionato del mondo di rally FIA dopo aver suggellato un titolo storico con la vittoria al Repco Rally New Zealand.

A 22 anni e un giorno, il pilota finlandese di Toyota Gazoo Racing diventa il pilota più giovane campione del mondo nella storia dei rally. Il più giovane ad alzare al cielo la corona iridata, spazzando via il record precedentemente detenuto da Colin McRae, che vinse nel 1995 a 27 anni e 89 giorni.

Con un grande vantaggio già guadagnato sabato, Kalle è rimasto leader incontrastato nelle ultime quattro prove su terra domenica ed è uscito dalla power stage di fine rally dopo aver fatto più del “minimo sindacale”, guidando con 34,6 secondi di vantaggio sull’otto volte campione Sébastien Ogier. Un frustrato Tänak si è dovuto accontentare del terzo posto con quasi 50 secondi di ritardo.

Questa stagione – solo la terza di Rovanperä nella massima serie di questo sport – si è rivelata a dir poco straordinaria. Dopo un inizio traballante al Rally di Monte-Carlo, apertura della stagione, il finlandese ha rifilato su una tripletta di vittorie consecutive in Svezia, Croazia e Portogallo.

Al Rally Italia Sardegna, Rovanperä ha fatto segnare un quinto posto, ma è tornato presto a vincere, trionfando in Kenya ed Estonia prima di aumentare ulteriormente il proprio vantaggio con il secondo posto assoluto in casa.

Il ritmo del giovane ha poi avuto una flessione nella giornata di apertura del Rally di Ypres in Belgio. Ha concluso con un modesto 15° in Grecia a causa di un’altra escursione fuoristrada. E questi “errori” hanno lasciato sperare Hyundai, hanno convinto i rivali coreani che si poteva guardare al titolo. Ma Moncet e compagni non hanno saputo gestire la situazione e hanno sprecato una grande opportunità.

La vittoria in Nuova Zelanda alla sua trentesima gara a livello massimo nel WRC lascia Rovanperä con un inattaccabile vantaggio di 64 punti su Tänak a due gare dalla fine. “È un grande sollievo dopo una stagione così bella. Finalmente siamo qui – ha detto raggiante il neo-campione -. Siamo stati in ansia dopo alcuni rally difficili, ma il ringraziamento più grande va alla squadra, che quest’anno ha realizzato questo missile di auto. Anche dopo gli errori nostri, hanno creduto in noi e ci hanno dato tutto il supporto necessario”.

Un emozionato Jari-Matti Latvala – team principal della Toyota Gazoo Racing – ha sottolineato l’importanza di avere un campione finlandese dopo 20 anni di siccità, dopo che Marcus Grönholm aveva conquistato il titolo nel 2002. “In un certo senso mi piacerebbe piangere, ma non posso piangere qui – ha detto -. È davvero importante quello che ha fatto Kalle. Prima di tutto, è fantastico per un 22enne battere tutti i record e conquistare il titolo. Allo stesso tempo, è importante per la Finlandia perché sono passati 20 anni ed è un tempo molto lungo. Sono grato a Kalle: è un supereroe”.

Il quarto posto nel rally è andato al pilota Hyundai Thierry Neuville, i cui problemi includevano un cambio difettoso sabato. Ha seguito Tänak di 1 minuto e 10,3 secondi, ma ha anticipato Oliver Solberg, anche lui alla guida di una i20 e con un notevole margine dopo che il giovane svedese ha perso tempo a causa di una mancata accensione del sabato.