Javier Pardo: ”Sono un campione ERC2 felice”

A volte la vita ti dà una seconda possibilità come accaduto a Javier Pardo Siota. Il pilota spagnolo è una delle promesse più importanti della scuola rallistica iberica, che tante soddisfazioni sta dando in questi anni, anche grazie al grande lavoro svolto dalla Federazione.

Il classe 1996 doveva essere tra i protagonisti del FIA ERC già lo scorso anno disputando l’ERC3 Junior, ma l’arrivo della pandemia e la conseguente crisi avevano spazzato via il suo programma. Questo inconveniente non aveva abbattuto lo spirito del driver iberico che in questo 2021 si era presentato al via del FIA ERC nella categoria ERC2 al volante della Suzuki Swift R4LLY S. Un binomio fantastico che ha permesso all’alfiere del Suzuki Motor Ibérica di vincere in tutti e sei gli appuntamenti in calendario.

“Questo titolo è frutto del grandissimo lavoro svolto da tutti i ragazzi del team e di Adrian il mio navigatore – dichiara Javier Pardo – E’ stato un anno perfetto all’interno di una stagione perfetta, è un qualcosa di incredibile. Certo finire la stagione alle Canarie con Joan e Jordi primi e noi secondi, avrebbe reso la stagione ancora più bella. Purtroppo un piccolo guaio meccanico a fermato i miei compagni di squadra, comunque sono felicissimo di essere diventato il campione nel FIA ERC2. Di questo campionato conoscevo solamente il Rally delle Canarie e alcune speciali del Fafé, il resto per me era tutto nuovo e inedito. Tutte le gare erano nuove e si sono rivelate molto difficili e affascinanti, da parte nostra abbiamo corso senza commettere errori e siamo riusciti a vincere grazie ad una vettura altamente competitiva e affidabile e grazie al grandissimo lavoro svolto dal nostro Team”.

II due alfieri del team Suzuki Motor Ibérica al volante della loro Suzuki Swift R4lly S Rally2 Kit, hanno trionfato sia nei tre round su sterrato in Polonia e nei due appuntamenti Portoghesi di Fafe e Azzorre, sia nelle tre gare su fondo catramato Roma Capitale, Ungheria e Canarie.

“Questa stagione per me è molto importante – ha affermato Pardo – Lo scorso anno dovevo disputare un programma nel FIA ERC3 Junior, purtroppo con l’arrivo della pandemia tutto è poi saltato. In passato avevo corso con le vetture R2, ma passare alle quattro ruote motrici mi ha sicuramente permesso di migliorarmi. In tutte le gare disputate quest’anno mi sono confrontato con Joan e Jordi per parlare di assetti e set-up, per affrontare meglio le gare e acquisire maggior esperienza su questa tipologia di vettura. Ho spinto molto in tutti i rally disputati, ma quando si disputa un campionato così impegnativo e lungo bisogna restare concentrati sul pezzo sempre. Vincere è un qualcosa di speciale, farlo vincendo tutte e sei le gare in calendario è un qualcosa di più. Voglio ancora ringraziare la squadra, mi ha fornito una vettura perfetta e ringrazio anche Hankook per i pneumatici che si sono rivelati performanti su tutte le superfici”.

Nelle migliori edicole

Copertina dicembre 2021