Tanak in Finlandia

Ingegnere Hyundai sbaglia: Tanak e Neuville penalizzati

Ott Tanak e Thierry Neuville vengono clamorosamente penalizzati dagli steward FIA per aver superato due volte il tetto massimo di potenza consentita al boost ibrido. La prima volta un +1,03 kJ e la seconda volta un +2,04 kJ. Sembra una pagliacciata e lo è, ma questi sono gli effetti di regole ridicole.

Gli steward FIA hanno assegnato 5 secondi di penalità ad Ott Tanak e a Thierry perché sulla PS 1 Pukekawa Auckland, l’energia usata durante i due boost ibridi consentiti alle rispettive auto erano superiori al valore massimo consentito per quella PS (241,03 kJ e 242,04 kJ contro 240 kJ).

Questi picchi di energia, che supera di pochissimo il massimo consentito e non fornisce alcun vantaggio in termini di prestazioni, viola l’articolo 3 dell’Appendice XV (Rally 1 – Strategia ibrida – Dettagli) del 2022 Regolamento Sportivo FIA WRC, in combinato disposto con l’articolo 11.9 del Bollettino n. 2 del Regolamento Particolare di Gara.

Da qui, la decisione di affibbiare al leader e al suo compagno di squadra 5 secondi di penalità accordati dall’articolo 12.4.1.h e dall’articolo 12.4.2 del Codice Sportivo Internazionale FIA.

I Commissari Sportivi hanno tenuto un’audizione venerdì 30 settembre 2022 alle 21 (ora neozelandese) alla presenza di Julien Moncet (Team Principal) e di Pablo Marcos (Team Manager), nonché di Jérôme Toquet (Delegato Tecnico FIA) e il Sig. Edouard Montagner Fricker (rappresentante di Compact Dynamics).

Il signor Marcos ha accettato i valori misurati e ha ammesso che uno dei loro ingegneri ha commesso un errore in quanto non era a conoscenza del valore massimo originale del boost ibrido per la PS1, che era stato modificato nel Bollettino n. 2, pubblicato il 21 settembre 2022. Marcos si è anche scusato per questo errore umano. Ma non è servito a molto.

I Commissari Sportivi hanno ritenuto che, sebbene l’infrazione sia avvenuta in sole due occasioni e il vantaggio in termini di prestazioni era trascurabile, bisognava comunque punire Ott Tanak e Thierry Neuville, che non c’entravano nulla per il solo fatto che il massimo il valore era stato comunque superato. Hanno quindi deciso di imporre 5 secondi di penalità, anche considerando che “è responsabilità del concorrente garantire la conformità dell’auto in ogni momento”.