Il Rally Italia Sardegna porta bene a Tanak e Hyundai

Parla estone il Rally Italia Sardegna 2022. La tappa italiana del Mondiale WRC disputata sulle strade sterrate del Sassarese e della Gallura è stata vinta da Ott Tanak e Martin Jarveoja, che tornano dul gradino più alto del podio di un rally dopo oltre un anno e mezzo (Arctic 2021) e regalano a Hyundai un successo che mancava dallo scorso mese di ottobre, quindi il primo di questa stagione dalle terze tappe troppo monotone.

Il pilota estone al volante della Hyundai i20 Rally1 ha corso una gara tatticamente perfetta secondo lo schema dei rally attuali e una volta tanto la buona sorte ha girato dalla sua parte. L’unico brivido lungo la schiena dell’estone è arrivato da un problema (l’ennesimo) alla trasmissione della sua vettura nel secondo giro di prove del venerdì pomeriggio, ma fortunatamente per lui è arrivata come una manna dal cielo l’annullamento delle speciali di Osilo – Tergu e Castelsardo. Per il campione del mondo 2019 si tratta del secondo successo in carriera in Sardegna dopo quello conquistato nel 2018 e del quindicesimo in carriera. “Sono felice – dichiara il vincitore del RIS al termine del rally – soprattutto per la squadra e per i meccanici dopo un’inizio di stagione difficile. Hanno fatto un’ottimo lavoro per migliorare la vettura, in Portogallo avevamo faticato moltissimo e siamo riusciti a reagire. Abbiamo ancora lavoro da svolgere”.

Alle spalle dell’estone, troviamo sul secondo gradino del podio Craig Breen staccato di 1’03”2 . Per l’irlandese si tratta del secondo podio stagionale dopo il terzo posto conquistato ad inizio stagione al Montecarlo, un risultato meritatissimo condito da due scratch e da una serie di tempi molto interessanti. “E’ stato veramente un bel fine settimana, mi sentivo fiducioso al volante della Puma Rally1. Abbiamo fatto ottimi progressi” .

Terzo gradino del podio per Dani Sordo, per lui un bel due su due. Un vero peccato non vedere il pilota cantabrico in più round iridati, ma le scelte del team sono evidentemente altre. Lo spagnolo al termine del rally si è detto comunque molto soddisfatto della sua prestazione: “Mi sarebbe piaciuto poter lottare con Craig, ma purtroppo ho avuto alcuni problemi e lui un grandissimo ritmo per tutto il rally. Il terzo posto è importantissimo in ottica Campionato Costruttori, abbiamo recuperato punti a Toyota in questo fine settimana”.

Quarta posizione per la rivelazione del rally, Pierre-Loius Loubet, che porta a casa il suo miglior risultato in carriera. Il corso alla sua prima stagione con M-Sport corre una gara perfetta, sfruttando al massimo la favorevole posizione di partenza del venerdì e gestendo gomme e vettura nelle successive due giornate. “E’ stato un ottimo fine settimana, mi sono sentito pienamente a mio agio a bordo della vettura. Ringrazio il team per aver costruito un’auto così bella e speciale. Ringrazio anche tutte le persone e gli appassionati che hanno creduto in me e che mi hanno sempre sostenuto, dobbiamo continuare su questo passo andando a migliorarci gara dopo gara. Quinta posizione per il leader del campionato Kalle Rovanpera, il finlandese arrivava in Sardegna forte di tre vittorie di fila e con l’handicap di spazzare le strade il venerdì, nonostante questo svantaggio il driver Toyota porta a casa 10 punti iridati ai quali dovrà sommare i quattro punti extra della power-stage. “La cosa più importante di questo fine settimana è stata aver allungato su Thierry, nella power-stage ho spinto molto prendendomi alcuni rischi”. Sesta posizione per il nipponico Takamoto Katsuta, seguito in settima piazza dal britannico Gus Greensmith.

Gara da dimenticare per Thierry Neuville, costretto al ritiro nella giornata di ieri e tornato in gara quest’oggi con la formula del super rally. Il belga ha salvato in piccola parte la sua gara vincendo la power-stage finale e portando a casa 5 punticini. Nel WRC2 Open prima vittoria stagionale per il russo Nikolay Gryazin, che chiude ottavo assoluto e porta a casa anche il successo nello Junior. Alle spalle dell’alfiere Toksport in nona posizione troviamo Jan Solans (Citroen C3 rally2), nono assoluto e secondo di WRC2 Open e Junior, chiude la top ten la Ford Fiesta Rally2 di Jari Huttunen.

La classifica generale dopo il Sardegna vede in testa Kalle Rovanpera con 120 punti, il finlandese allunga ulteriormente sugli inseguitori portando il suo vantaggio a 55 punti su Thierry Neuville. Alle spalle del belga a 62 punti troviamo Ott Tanak che fa un bel balzo in avanti dopo il successo odierno. Tra i costruttori al comando c’è ovviamente Toyota con 200 punti, ben trentanove in più rispetto ai rivali coreani di Hyundai Motorsport, terza piazza a 120 punti per M-Sport