Il governo finlandese vuole escludere Gryazin e Antonov dal rally

Nubi sempre più scure sulla partecipazione di Nikolay Gryazin e Vitali Antonov al prossimo Rally di Finlandia. A non volere, per mere ragioni politiche i due atleti (perché di atleti si parla) è il parlamentare finlandese Kalle Jokinen, che su i suoi canali social ha chiesto l’intervento del ministro dello sport per epurare ed impedire la partecipazione dei due equipaggi alla gara.

“La partecipazione degli atleti russi alle competizioni organizzate in Finlandia deve essere impedita, tramite l’intervento del Ministro dello Sport finlandese. – questo il post di Kalle Jokinen – Non farlo sarebbe un’irragionevole sottrazione di responsabilità da parte delle Federazioni verso la Russia che ha cominciato una brutale guerra. Il Mondiale Rally è organizzato dalla FIA e su questo punto l’AKK non può fare nulla. In Estonia la partecipazione degli atleti russi è stata bloccata da una decisione ministeriale. Ora tocca al ministro dello sport Petri Honkosen, che ha circa 10 giorni per agire e impedire la partecipazione agli atleti russi al rally che si correrà a Jyväskylä”.

Gli atleti russi, secondo regolamento FIA, possono partecipare alle gare iridate e del FIA ERC da “ibridi”, ovvero senza avere la propria bandiera sulla vettura e in caso di vittoria senza inno nazionale. Una scelta, che se confermata rischierebbe di estromettere quasi definitivamente e non per sue colpe, Gryazin dalla lotta per l’iride nel WRC2.