I rally, Davide Porta e quel sogno europeista

I rally, Davide Porta e quel sogno europeista

Istantanee che, ne siamo certi, rimarranno stampate nella mente. Confortati dalla certezza che ci saranno altri momenti felici come questo, che per ora rimane unico e forse anche indimenticabile. Perchè a diciannove anni hai appena dato un accenno a ciò che sai fare e dentro di te e sei consapevole di quanto il bello debba ancora venire.

Sì, passerà del tempo, ma gli ultimi metri del “Tuscan 2020” che hanno dato certezza ad un sogno inseguito un anno intero, Davide Porta non li scorderà di sicuro. E un giorno sarà anche bello pensare che tutto è iniziato da li. Sorride il ragazzino dal viso timido, fresco vincitore della classe R1 nel massimo campionato nazionale di rally. Osserva suo padre quasi chiedendo in silenzio che sia lui ad iniziare. E perchè non accontentarlo? Iniziamo da Paolo.

Davide visto da papà Paolo

“Intanto grazie ai rally ho conosciuto quella che è diventata la mia compagna nella vita” racconta il simpatico imprenditore di Settimo Torinese. “Io e Lucia (Rignanese ndr) ci siamo conosciuti al Valli di Lanzo del 1997 dove correvamo con vetture diverse, ma entrambe della New Rally Corse di Tonino Cupolino. Ci siamo fidanzati e nel 1999 l’ho sposata”. Poi è arrivato Davide che già da piccolo li seguiva sui campi gara.

“L’8 settembre del 2001 è nato Davide. Lui ha iniziato prestissimo a respirare l’aria dei rally, tanto per fargli capire come funzionava in casa Porta. Penso non avesse nemmeno compiuto un anno quando mia mamma e mia sorella lo portavano a vederci passare in prova speciale e ogni volta che andavo a provare la macchina da gara prima di ogni rally l’ ultimo giro era rigorosamente dedicato a lui, ormai i preparatori lo sapevano”.

Battesimo di fuoco al Lana

Davide sorride, ascolta e annuisce. Non si sente un predestinato. È convinto che la passione per i rally sarebbe nata comunque: “Predestinato no di certo. Se mi fossi appassionato ad un altro sport non credo sarebbe stato un problema. I motori, però, mi piacevano fin da piccolo, appena potevo salivo in macchina con papà”. E magari sognava un giorno di correre.

“Questo sicuramente sì. Infatti appena compiuti i 16 anni, i miei genitori mi regalarono un corso in pista alla Barauda insieme a Mario Trolese, su una Fiat Panda Kit”. Ogni dubbio era stato cancellato, il destino era un casco, una tuta e un volante fra le mani.

“Ho iniziato a 17 anni con il primo rally in pista, la Ronde Vedovati, dove ho vinto l’Under 18 conquistando il secondo posto in classe R2 con una Peugeot 208 del Team Bianchi e subito dopo il Monza. Il primo rally vero è stato questo anno al Rally Lana, una gara che abbiamo scelto di disputare in vista degli imminenti impegni nell’Italiano”.

Stai leggendo uno dei pochi contenuti premium disponibili sul nostro sito. Questo succede perché si tratta di uno degli articoli pubblicati sulla rivista in edicola e disponibile anche in digitale dal 5 di ogni mese per 12 mesi all’anno. Se lo hai apprezzato continua la tua lettura sul giornale, oppure scarica la nostra app o accedi da PC, registrati gratuitamente e abbonati. Il tuo sostegno ci aiuta a migliorare giorno dopo giorno il servizio che offriamo a te a tutti i nostri amici lettori.

Cosa sapere sull’abbonamento a RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite, ma dall’app non si può pagare
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui) ci si potrà abbonare pagando da PC
  • Disponibile abbonamento singolo digitale o cartaceo
  • Oppure ci si può abbonare all’online e al carataceo con una super offerta

Opzioni di acquisto

  • Singola copia di RS – 2 euro
  • Abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) con accesso all’archivio storico – 25 euro
  • Abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) – 60 euro

Si può scegliere di leggere il giornale sul PC o sullo smartphone e sul tablet o se farsi leggere gli articoli dall’assistente digitale, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS e oltre gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento